Attenzione alle piccole mongolfiere, possono causare incendi nei boschi

 

Tempo d’estate e tempo di feste all’aperto. La Forestale ci mette in guardia dall’uso delle lanterne cinesi o piccole mongolfiere poiché potrebbero innescare incendi boschivi se mal usate.lanterne-620x350

 

Le lanterne cinesi o piccole mongolfiere sono decorazioni suggestive che accompagnano spesso le feste Patronali o le cerimonie estive, ovviamente nelle ore serali. Si accendono all’imbrunire e con la loro luce delicata regalano delicate atmosfere una volta fatte volare. Ma ciò che a noi sembra un innocua decorazione per la Forestale rappresenta una fonte di pericolo che richiede grande attenzione. La Forestale ci spiega che la navigazione in volo delle lanterne cinesi è assolutamente fuori controllo e potenzialmente pericolosa in quanto può generare incendi boschivi. Riferisce la Forestale di un recente episodio, su cui si stanno svolgendo indagini, causato da una di queste piccole mongolfiere di carta:

Nel comune di San Giorgio Albanese (CS) si è sviluppato un incendio che ha interessato un’area di circa 5.000 metri quadrati. Ad indagare sulle possibili dinamiche che hanno determinato le fiamme e la metodologia applicata per innescare il fuoco sono stati incaricati dal Comando Provinciale del Corpo forestale dello Stato di Cosenza gli agenti dei Comandi Stazione Forestali di Acri ed Aprigliano (CS), tra i quali il referente repertatore provinciale del Nucleo Investigativo Antincendio Boschivo (NIAB), che hanno avviato indagini investigative avvalendosi del Metodo delle Evidenze Fisiche (M.E.F.). Rinvenuti sul posto, repertati e quindi sottoposti a sequestro giudiziario, tre manufatti che sembrerebbero essere le componenti di un oggetto a forma di “lanterna cinese o piccola mongolfiera”.

Rispetto a questi oggetti manca una regolamentazione o l’ espresso divieto di uso e dunque la Forestale raccomanda di accendere le lanterne solo se il vento soffia verso il mare e sulle coste e di evitare luoghi in cui vi siano boschetti o giardini. Peraltro le pene per chi genera un incendio boschivo colposo prevedono la reclusione da a uno a cinque anni e i costi dello spegnimento pari a €.30.000 al giorno.

Fonte:  Corpo Forestale dello Stato

 

Sabato 6 aprile Legambiente e Provincia di Torino unite per pulire la Stura

Appuntamento nei comuni del bacino della Stura di Lanzo per Puliamo la Stura, iniziativa di volontariato contro l’abbandono di rifiuti lungo i fiumi. L’evento, come il suo omologo che da anni si svolge sul Sangone, si inserisce nell’ambito del Contratto di Fiume

374373

 

La Provincia di Torino e Legambiente Piemonte e Valle d’Aosta danno appuntamento per sabato 6 aprile nei comuni del bacino della Stura di Lanzo per Puliamo la Stura, un’iniziativa di volontariato contro l’abbandono di rifiuti lungo i fiumi. L’evento, come il suo omologo che da anni si svolge con successo sul bacino del Torrente Sangone, si inserisce nell’ambito del Contratto di Fiume, processo che per il bacino della Stura di Lanzo ha visto nell’ultimo anno un nuovo impulso alle attività.

Il programma della giornata:

– ore 8.00: inizio del servizio di animazione per bambini al seguito dei volontari partecipanti alle attività di pulizia, presso il Parco “I Due Laghetti”, Piazza IV Novembre, 2 – Villanova Canavese (indispensabile la preiscrizione, dettagli sul sito web della Provincia)

– ore 8.45: ritrovo dei partecipanti presso i siti da riqualificare ed inizio attività

– ore 12.30: ritrovo a Villanova Canavese presso il Parco “I Due Laghetti” per rinfresco e incontro con la stampa

L’evento avviene con il contributo del Comune e della Pro Loco di Villanova Canavese, che metteranno a disposizione lo spazio eventi del Parco “I Due Laghetti” per la conferenza stampa finale ed il buffet per i volontari al termine delle attività della giornata. Presso il Parco è prevista durante tutta la mattinata l’animazione per i più piccoli (riservata esclusivamente ai bambini al seguito dei volontari partecipanti alle attività di pulizia) grazie alla collaborazione delle Guardie Ecologiche Volontarie della Provincia di Torino, con la partecipazione straordinaria della “GEV” Franz, il cane lupo italiano esperto di soccorso e di giochi con i bimbi, dell’Associazione Nazionale Vigili del Fuoco Volontari che organizzerà GIOCHI PER PICCOLI POMPIERI, e di Suzuki Italia, che metterà a disposizione 3 animatori esperti.
Iscrizione entro il 4 aprile inviando una mail a pianificazione.acque@provincia.torino.it.Tutti i dettagli sulla pagina della Provincia di Torino dedicata  all’evento:http://www.provincia.torino.gov.it/ambiente/risorse_idriche/eventi/puliamo_la_stura_2013

Fonte: eco dalle città