Inganno, vegano, hamburger: tre parole che si possono usare per dire (o far intendere) molte cose…

Slow Food ha pubblicato sul proprio sito web un articolo ben scritto di critica nei confronti dell’approccio “alimentar-industriale” del veganismo quando si trasforma in… hambuger, anche se vegetale. Ma c’è molto altro da dire…immagine

Il 4 gennaio scorso esce su Slowfood.it a firma di Jacopo Ghione l’articolo dal titolo “L’inganno dell’hamburger vegano”.

L’assonanza, si sa, è questione di metrica. Una rima imperfetta, una parziale identità di suoni, due parole che suonano in modo simile anche se solo in parte. Chi la usa, però, non lo fa casualmente e, anzi, rimango ammiratissima quando quei suoni in qualche modo si rincorrono e riescono ad evocare un’immagine che quasi si sovrappone al messaggio che si vuole far passare. Il titolo dell’articolo in questione, raffinatissimo a mio parere, gioca con le parole “inganno” e “vegano” che vengono poi, ad arte secondo me, anche ripetute a più riprese nel testo. L’autore lo fa molto bene, niente da dire. E ci va pesante anche nelle righe successive: riferendosi al cibo vegano lo definisce “subdolo” (forse riferendosi inconsciamente, ma neanche tanto, alla concorrenza sul mercato?), “facile” e con la “pretesa di essere salutare”. E ancora: “ingannevole”, “senza storia né radici”, “contrario alla nostra cultura gastronomica” e traditore (perdonate il gioco di parole) della nostra Tradizione. Attenzione, però, perché anche chiunque si azzardi a consumare del cibo vegano può essere accusato, egli stesso, delle stesse efferatezze. Il cibo a cui si riferisce l’articolo è quello che “scimmiotta” il vero cibo della tradizione e cioè quello fatto con la carne vera: prosciutti, salami e insaccati in genere. Vorrei chiarire a questo proposito che, sul fatto che il cibo vegano cui si riferisce l’autore non sia salutare, sono assolutamente d’accordo. E, del resto, i vegani sono i primi a dirlo: se si vuole mangiar male lo si può far benissimo anche senza consumare cibi di origine animale. Si può eccedere tranquillamente in farine, zucchero, bibite gassate, cibi pronti e trasformati. Esattamente come si può farlo da mangiatori di carne. E, come sappiamo tutti, le conseguenze per la salute ci saranno prima o poi. Ma questo non c’entra affatto con il veganesimo che è, prima di tutto, un movimento etico e antispecista che rifiuta ogni prodotto, alimentare e non, fondato sullo sfruttamento degli animali. L’aggettivo “subdolo” quindi non ha ragione di essere perché si conoscono molto bene gli ingredienti degli insaccati, dei formaggi e dei preparati vegani in genere: glutine a profusione, soia in quantità esagerate, sale e altri additivi che, di certo, bene non fanno. Ma i mangiatori di carne possono davvero pontificare su ciò che fa bene e ciò che fa male? C’è chi pensa, anche tra autorevolissimi medici ed esperti italiani e internazionali, che la carne, di qualunque tipo e in qualunque forma, sia tutt’altro che salutare. Un salume pieno di grasso e di sale e fatto con la carne tritata di un animale morto da mesi è davvero più sano di uno fatto col muscolo di grano?

Quali saranno le ragioni che spingono chi si trova a scegliere, a un certo punto della sua vita, un’alimentazione basata sull’imitazione di forme, sapori e gusti dei piatti di carne? Come mai si sente la necessità di continuare a mangiare un salame, un formaggio, una bistecca dal momento che si è scelto di non farlo per una ragione etica? Per tante ragioni: il desiderio fortissimo di sentire quella stessa consistenza sotto i denti, quel sapore, quell’abitudine che somiglia tanto a una dipendenza soprattutto culturale, ma non solo, che ci accompagna da quando siamo nati e che ci ha fatto pensare per anni che se non mangiamo bistecche e hamburger non ci sentiremo sazi o ci mancheranno le proteine necessarie. Quindi, anche se non lo si ammetterà facilmente, il responsabile di questo fiorire di prodotti simil-carne, è molto probabilmente, seppure in modo indiretto, proprio la Tradizione che si vuole difendere. La Tradizione, inoltre, di cui ci piace tanto parlare e come fosse un sacrilegio contestarla o metterla in discussione, è responsabile del massacro di milioni di animali ogni anno. I prosciutti e i salami di cui si parla nell’articolo come un patrimonio da salvaguardare e messo in pericolo dai prodotti vegani sono fatti con la carne di esseri senzienti tenuti in schiavitù, maltrattati, sfruttati fino allo stremo e infine barbaramente uccisi in migliaia di allevamenti lager. Lo si dica, questo. La Tradizione, come sappiamo ormai tutti, non è così innocente neppure a livello di conseguenze ambientali: dalle emissioni causate dall’allevamento di bovini al costo enorme in risorse, acqua in primis, del singolo chilo di carne. Se si trattasse di una questione puramente linguistica e di un fastidio, diciamo così, esclusivamente purista, allora darei perfettamente ragione all’autore dell’articolo. Ma la cosa arriva dalle pagine di Slowfood.it e non può trattarsi soltanto di una questione da Accademia della Crusca. In conclusione, continua il testo, tutto questo “è dannoso per gli allevatori che con il loro lavoro si impegnano per promuovere un prodotto di qualità”. Il punto, quindi, in ultimo, è probabilmente questo. Forse si teme che le persone, capitando distrattamente davanti al bancone degli insaccati si ritrovino a voler provare, perché no, quel tal salume o quello strano burger? E che poi magari, sempre per caso, inizino a consumarlo regolarmente e di conseguenza anche a informarsi un po’ di più su cosa ci sia dietro la filiera dei nostri prodotti tradizionali e di cosa si intenda esattamente per qualità??

Lungi da me voler difendere i cibi trasformati, preparati a imitazione di qualcosa che non dovremmo affatto imitare, precotti o pronti da consumare, di qualunque tipo siano: a base di glutine, di soia o altro ancora. Si tratta di prodotti spesso di scarsa qualità, poco salutari e non necessari per un’alimentazione equilibrata. Tuttavia, non mi pare che, al momento, chi difende la tradizione della nostra cultura gastronomica possa ignorare che, se vogliamo parlare di salute, quella stessa tradizione risulta ormai ampiamente e autorevolmente messa in discussione. Le tradizioni basate sulla crudeltà,  l’indifferenza e il profitto come unico obiettivo, si riveleranno prima o poi insostenibili sotto ogni punto di vista: etico, economico e ambientale.

Fonte: ilcambiamento.it

 

Annunci

Dalla terra alla tavola: La Ficaia, cibo locale e risto-educazione

In Toscana, non lontano da Viareggio, nel comune di Massarosa, sorge un ristorante molto particolare, La Ficaia. La peculiarità di questo locale consiste nelle cuoche che, durante la settimana sono agricoltrici e nel week end si trasformano in chef cucinando e offrendo i prodotti delle proprie fatiche.

In Toscana, non lontano da Viareggio, nel comune di Massarosa, sorge un ristorante molto particolare, La Ficaia, gestito dal gruppo locale di “Donne in Campo” (1) e coordinato da Massimo Gay, responsabile “CIA Versilia” (2).

La peculiarità di questo locale, più che nell’indubbia bellezze dell’edificio che lo ospita, consiste nelle cuoche che, durante la settimana – dal lunedì al giovedì – , sono agricoltrici e nel week end, dal venerdì alla domenica, si trasformano in regine dei fornelli trasformando e offrendo i prodotti delle proprie fatiche. Più che di “Km zero”, quindi, in questo ristorante si potrebbe parlare di “metro zero” mentre osserviamo il proverbiale “dal produttore al consumatore” palesarsi nella sua più semplice e totale veridicità.

“Quando le agricoltrici si riunivano per le loro riunioni – ci racconta Massimo Gay – portavano ognuna qualcosa da mangiare, qualche specialità della propria azienda. Da qui, nacque l’idea di trasporre questo modello informale in qualcosa di strutturato e di riproponibile a livello commerciale”. Lo chiamarono agricatering – catering agricolo – e inizialmente era rivolto a clienti in cerca di banchetti speciali, meeting, compleanni, coffee break; clienti in cerca di un catering che avesse come tema fondamentale la preparazione di prodotti del territorio.

“Abbiamo elaborato un progetto che non fosse meramente economico – continua Massimo – ma abbiamo inserito elementi valoriali: le materie prime vengono offerte direttamente dal territorio, dagli agricoltori locali, alimentando in questo modo un tessuto di agricoltura di prossimità che poi fa a sua volta da volano economico per l’economia locale. Questo tipo di attività, inoltre, favorisce indirettamente una corretta gestione del territorio ed evita il dissesto idrogeologico”.IMG_0782-1

Il progetto è ancora molto giovane. Il ristorante, infatti, ha aperto solo il 23 marzo 2015. In futuro, vorrebbero creare un vero e proprio centro di produzione consortile: un centro di trasformazione dei prodotti da offrire ai piccoli agricoltori che, di fronte a eccedenze di mercato, vogliano operare in un luogo dedicato, senza dover impazzire dietro a norme burocratiche o spese ingestibili.

“La nostra attività – continua Massimo – ha voluto essere economicamente molto sana fin dall’inizio. Quando dovevamo attivarci per richiedere un finanziamento ci siamo subito rivolti a Banca Etica perché crediamo che i nostri valori siano ben rispecchiati dai valori di quella banca. I finanziamenti da loro offerti, infatti, si basano sulla qualità delle persone e dei loro progetti anziché sulle loro proprietà o ricchezze”.

Il focus dell’attività della Ficaia, comunque, è il cliente finale, che viene ‘selezionato’ attraverso un’offerta molto specifica e settoriale. “Il cliente viene istruito sulla materia prima che mangia e da dove proviene – ci spiega Massimo – non tutti sono predisposti a spendere qualcosa di più per avere più qualità. Il nostro è quindi un lavoro di risto-educazione! Spieghiamo e lasciamo scritti sul menù i nostri punti di forza; qui non c’è ‘l’imbarazzo della scelta’, perché prepariamo solo i prodotti che questo territorio offre in questo preciso momento, in questa stagione. Non usiamo ingredienti artificiali, usiamo persino poco sale, perché non sia intaccato il vero sapore dei cibi”.IMG_0861

Paola Benassi, Presidente di Donne in Campo, Agricoltrice e cuoca

Lasciamo Massimo alle sue attività e ci spostiamo nella cucina, dove incontriamo Paola Benassi, Presidente di Donne in Campo, Agricoltrice e – ovviamente – cuoca! Paola, tra un fornello e l’altro, ci racconta la sua storia.

“Allevo bovini da latte e produco formaggio vaccino che servo nel ristorante nel fine settimana. Ho cominciato dopo le medie a lavorare, in una pensione a Camaiore come aiuto cuoca e da allora non ho mai smesso. Ho anche un agriturismo, la cucina faceva quindi già parte della mia quotidianità. Amo lavorare e offrire i miei prodotti, ma non solo. Tramite Monica – la collega che sta cucinando accanto a lei – ho imparato anche la cucina vegetariana e vegana e mi sto interessando a questo mondo per me nuovo”.

Sì, perché nell’agristorante La Ficaia il menù segue tre filoni: cibo tradizionale, vegetariano e vegano. Vengono inoltre realizzati prodotti per celiaci.

“Mettiamo passione nel nostro lavoro ma anche fatica. Non ci fermiamo mai. Lavoriamo sette giorni su sette. La nostra passione viene trasformata in cucina; comunichiamo con le persone attraverso il cibo, raccontiamo loro cosa facciamo e come. Ed è per noi una grande soddisfazione”.

 

Note
1. Donne in campo è la principale Associazione italiana di imprenditrici e donne dell’agricoltura
2. CIA – Confederazione Italiana Agricoltori

 

Fonte: http://www.italiachecambia.org/2016/02/io-faccio-cosi-109-la-ficaia-cibo-locale-risto-educazione-femminile/

“Formaggi Veg”, intervista all’autrice Grazia Cacciola

Il primo manuale in italiano per preparare in casa latte, yogurt e formaggi vegetali prodotti con legumi e cereali senza aromi artificiali o conservanti. Con questo originale ricettario – adatto a chi ama la cucina naturale e l’autoproduzione – i vegetariani che vogliono abbracciare un’alimentazione vegan e gli intolleranti al lattosio non dovranno più rinunciare ai “gusti rotondi e corposi dei fermentati”. L’intervista all’autrice del libro, Grazia Cacciola.formaggi_veg_cacciola

Finalmente un ricettario unico nel suo genere. Formaggi Veg. Latte, yogurt e formaggi vegetali fatti in casa di Grazia Cacciola edito da Sonda, uscito in libreria il 25 settembre, si presenta come un manuale adatto a tutti, anche ai cuochi meno abili ed esperti, grazie alle spiegazioni dettagliate dell’autrice correlate da oltre 600 fotografie ad alta risoluzione. I vegani etici, consapevoli dell’enorme sofferenza animale ingiustificata che si cela dietro l’industria casearia, troveranno sicuramente in questo libro proposte fantasiose, bilanciate e altamente proteiche per diversificare la propria alimentazione. Mi sento però di consigliare questo manuale soprattutto a chi che non è vegan, perché tra le sue pagine potrà scoprire, conoscere e apprezzare, per usare le parole dell’autrice, “un universo diverso ma popolato di profumate e saporite creme: i formaggi vegan!”. Il cambiamento verso un’alimentazione consapevole ed etica potrebbe partire da questo libro. Abbiamo incontrato Grazia Cacciola.

Sei vegana per motivi etici. Cosa si cela dietro l’industria casearia?

Questa è una domanda che potrebbe richiedere due giorni di monologo! Per una risposta breve direi: molta sofferenza. Per quanto, infatti, i media mostrino immagini di mucche felici sulle confezioni di yogurt e formaggi, non c’è alcun animale felice in un allevamento; ci sono da decine a centinaia di animali tenuti in cattività, in condizioni di profondo disagio, di scarsa igiene e senza nemmeno lo spazio sufficiente per muoversi. A causa di queste pessime condizioni di vita, la maggior parte contrae una serie di malattie che trasmette immediatamente anche ai compagni di sventura sani, rendendo necessario l’uso massiccio di antibiotici e vaccini. Inoltre, per massimizzare la produzione, gli allevatori sono autorizzati ad impiegare ormoni per la crescita e la lattazione. Tutti questi medicinali passano, inevitabilmente, nel latte e nei derivati: i latticini. Questo vale anche per gli allevamenti ‘biologici’, il controllo in Italia è pessimo e volutamente “cieco”.

Le origini del tuo libro. Quale passione ti ha spinta a creare un ricettario di formaggi veg?

La gola! Avendo fatto una scelta di non violenza e salutista, decidendo di non alimentarmi più con prodotti animali, mi mancavano alcuni alimenti e tra questi il formaggio. Ho iniziato diversi anni fa a sperimentare, facendo cagliare o fermentare delle bevande vegetali come il classico latte di soia e poi man mano ho riprodotto ricette che trovavo nei libri, come il classico formaggio crudo di mandorle. Subito dopo ho sentito, però, la necessità di personalizzare, di inventare delle mie ricette come per esempio le sottilette sanissime, la formaggella ai semi di lino e i formaggi a pasta dura che si possono tagliare a fette. Ho visto che in rete giravano poche buone ricette e spesso bilanciate male o dai risultati discutibili; come si può pretendere di chiamare formaggio un prodotto al quale è stato aggiunto l’aroma artificiale di formaggio in un composto di glutine o addirittura su una patata! Abbiamo pensato, dunque, con Sonda, l’editore, di riunire le mie ricette e dare ai lettori, oltre al classico elenco di ingredienti e istruzioni per prepararle, anche le basi scientifiche del formaggio vegetale, affinché tutti possano avere la possibilità nel tempo di apportare modifiche o inventare, perché no, anche i propri formaggi veg!formaggella_semi_lino

Perché non aprire una tua attività di produzione e vendita invece di scrivere un libro?

Perché sono convinta che ognuno debba fare il proprio mestiere. Io scrivo e nei miei libri parlo soprattutto di quello che faccio e di come provare a cambiare il mondo. Questo manuale non è l’ennesimo libro di cucina; è uno strumento nuovo che credo possa servire a chi in questo cambiamento ci crede davvero. Un cambiamento che passa anche dal non utilizzare prodotti animali per una scelta di non violenza. Si pensa, spesso, che le automobili e le industrie siano tra le principali cause di inquinamento mondiale mentre invece sono gli allevamenti intensivi ad avere un forte impatto ambientale sul nostro pianeta. Lo scopo del mio lavoro è dare uno strumento ulteriore per cambiare tipo di alimentazione, non di brevettare delle ricette o delle formule segrete: non voglio che siano segrete o solo una piccola produzione locale! Ho avuto delle intuizioni per alcune ricette e per altre ci ho lavorato con molta passione, a colpi di millilitri e grammi. Queste ricette sono servite a me per affrontare il cambiamento e spero che possano servire a molte persone per affrontare il passaggio ad un’alimentazione completamente etica. E poi in Italia ci sono già ottimi artigiani che fanno squisiti formaggi vegan con materie prime da agricoltura biologica e senza conservanti, da consumare freschi.

Fai dei corsi di autoproduzione di formaggi?

Non faccio dei corsi perché non è il mio lavoro. Ci sono già degli ottimi insegnanti di cucina che tengono dei corsi in tutta la penisola. Io faccio alcuni workshop, di solito a scopo benefico, per aiutare le associazioni onlus di area animalista a raccogliere fondi. Oppure piccoli seminari in occasione di presentazioni del libro. Abbiamo appena fatto un workshop con la LAV a Montecatini, divertendoci tra ricotte e creme, mentre sarò a Bologna il 4 Ottobre per la NotteVeg con ANPANA e LAV e poi a Roma il 20 Ottobre al ristorante veg La Capra Campa. Per tutti gli eventi rimando alla pagina apposita del mio sito Erbaviola.com, perché alcuni sono ancora in fase organizzativa e li annunceremo prossimamente.

Sembrano ricette semplici e facili da preparare. In realtà quanto tempo ci hai messo per creare tutti questi prodotti e riunirli in un libro?

Quando ho iniziato a scrivere questo libro, come ti dicevo prima, avevo già delle ricette mie, in parte condivise sul mio sito. L’argomento è piuttosto nuovo e al momento esistono solo due libri in inglese che però documentano le ricette solo con il testo. Ho pensato che, oltre alla spiegazione, sarebbe stato di aiuto ai lettori anche un servizio fotografico per ogni ricetta che illustrasse passo dopo passo le varie fasi della preparazione. Un lavoro enorme durato un paio di anni e che conta ora più di 600 fotografie ad alta risoluzione. Credo di poter affermare che in questo modo le spiegazioni siano assolutamente chiare e alla portata di chiunque, anche di chi non cucina tutti i giorni o pensa di essere una frana!formaggi_veg_cacciola_1

Scusa la domanda diretta ma le fotografie sono reali o sono solo esempi riprodotti in uno studio fotografico per rendere il libro più “appettibile” da un punto di vista grafico?

Le fotografie le ho fatte io, sono assolutamente reali, non ci sono artifici. Anzi, uno c’è stato: rifare un formaggio anche cinque volte perché la foto non era invitante! Il mio compagno ha dovuto convivere con una fonduta di formaggi alla piemontese in pieno agosto perché dovevo rifare al volo l’immagine! Per non parlare dei ravioli alla scamorza con sfoglia tirata a mano! Non sono riuscita a farli diventare fotogenici! Dopo che io e il mio compagno abbiamo mangiato per quattro giorni consecutivi la stessa ricetta nella speranza di ottenere un’allettante fotografia, sono stata costretta ad optare per i tortellini!

Quali materie prime usi per produrli?

Solo materie prime naturali, soprattutto cereali e legumi per fare il latte da cui si ottengono in seguito i formaggi per cagliata o fermentazione. Pochi addensanti e solo naturali, come l’agar agar. Per questo libro ho selezionato solo ricette alla portata di tutti, limitando molto gli ingredienti difficili da reperire o molto costosi. Potete trovare la maggior parte delle materie prime nei comuni supermercati, come ad esempio il latte di soia (vi consiglio, comunque, di prepararlo in casa seguendo le diverse ricette che ho inserito nel libro). Tutti i formaggi utilizzano latti vegetali e questi arrivano da legumi e cereali. Nulla di più semplice: 100 gr di soia fanno 1 litro di latte di soia che fa una formaggella da 200 grammi. E così via con riso, orzo, avena, mandorle…

Alcuni ingredienti però non mi sembrano così comuni come ad esempio il nigari. Dove si possono reperire gli ingredienti “particolari” da te citati nel libro?

Ho dedicato la parte iniziale del libro agli ingredienti indicando anche come autoprodurli (se possibile) e dove reperirli. Quelli che non si trovano nei comuni negozi di alimenti possono essere acquistati in erboristeria o nei negozi di alimentazione naturale, come ad esempio il nigari, che può essere acquistato anche negli store online. Ha un costo esiguo, circa 1 euro per 100 gr. e se ne usano pochi grammi per volta. Si può comunque sostituire con cloruro di magnesio, acquistabile in tutte le farmacie e anche qui il costo è davvero basso.

Usi degli aromi artificiali o dei conservanti?

Chi mi conosce dalle precedenti pubblicazioni o dal blog sa che sono piuttosto agguerrita verso le sofisticazioni alimentari. Uso conservanti ma solo naturali: l’olio extravergine di oliva e l’olio di girasole, se da agricoltura biologica e spremuti a freddo, sono ottimi conservanti così come l’aceto di mele, che oltre ad essere un altro ottimo conservante, è anche un agente di fermentazione. Stesso discorso per quanto riguarda gli aromi. Ci sono alcuni alimenti, come ad esempio il classico lievito alimentare a scaglie, che oltre a conferire un’aroma di formaggio, è un ottimo alimento ricco di vitamina B12. Ho utilizzato nelle mie ricette un unico aroma che però ho autoprodotto. Vi invito a scoprire nel libro la ricetta per riprodurre l’aroma di affumicato!formaggi_veg

Ci sono degli attrezzi di cui non possiamo fare a meno per preparare i prodotti da te descritti nel libro?

Non si può fare a meno del frullatore che può essere a immersione, a boccale o di un robot da cucina. Ho volutamente semplificato l’attrezzatura affinché le ricette siano alla portata di tutti. Per questo motivo ho preferito utilizzare, invece degli stampi professionali, i contenitori per alimenti o le pirofile da cucina; sono articoli che si trovano facilmente nei nostri scaffali e sono funzionali per la produzione dei formaggi veg. Possiamo ottenere un’ottima fuscella per formaggi bucherellando un contenitore per alimenti. Per yogurt e cagliate, invece, è assolutamente indispensabile il termometro per alimenti.

Come e quanto si mantengono i formaggi veg?

Dipende dal tipo di formaggio. Diciamo che possiamo conservarli in frigo per circa 5-7 giorni; alcuni formaggi possono anche essere congelati (nelle ricette troverete anche questa indicazione). Per conservarli in modo corretto dobbiamo metterli in scatole da alimenti con coperchio e nel caso del tofu in acqua fino a coprirlo.

I celiaci possono mangiare i tuoi formaggi o contengono glutine?

Il 90% dei formaggi in questo libro non contengono glutine. In poche ricette si usa l’avena e ho approntato una tabella delle sostituzioni nei casi di formaggi prodotti con questo ingrediente.

Confrontando i formaggi tradizionali e quelli vegetali quali sono le differenze tra le proprietà nutrizionali?

Notevoli e per questo vi invito a guardare le comparazioni che ho fatto nell’introduzione. I dati dei formaggi tradizionali sono quelli dei protocolli IGP e DOP del Ministero, quindi, il meglio della produzione italiana. La prima cosa che salta immediatamente all’occhio è che i formaggi vegetali sono completamente privi di acidi grassi trans (TFA). Questi grassi, comunemente indicati come ‘colesterolo’, sono una componente del grasso che si origina dalla bioidrogenazione a livello ruminale di lipidi insaturi, presenti nell’alimentazione animale e assenti, invece, in latte e formaggio vegetale. Questi grassi sono all’origine della formazione di placche sclerotiche, dell’insorgenza di arteriosclerosi, malattie coronariche, eventi ischemici. Per non parlare del calcio: non c’è bisogno di latte animale per avere una buona biodisponibilità di calcio, anzi, il latte animale è in larga parte responsabile della fragilità ossea.

I prodotti vegetali di questo libro puntano solo verso la salute: non solo possiamo farci in casa ottimi formaggi vegetali, ma addirittura assumere un cibo ben bilanciato, che ci fa bene e per il quale possiamo finalmente non sentirci in colpa. La formaggella ai semi di lino, piuttosto che il kefyr, sono ottimi prodotti per la flora intestinale, i vari tipi di tofu hanno un ottimo contenuto di calcio e manganese, l’agar agar, con cui sostituisco le gelatine animali, è un’ottima fonte di calcio e ferro. Insomma, invece di sentirci in colpa per il pezzetto di formaggio che ingrassa, possiamo degustare dei formaggi vegetali che fanno bene alla salute!

Il tuo formaggio veg preferito, quello che secondo te è il tuo “capolavoro”?

Il formaggio Erbaviola! Ma ci sto ancora lavorando, ora è un pasta dura, ma potrebbe arrivare presto una versione fermentata. Il lavoro di ricerca non è finito…

Fonte: il cambiamento

Formaggi Veg - Libro

Voto medio su 3 recensioni: Da non perdere

€ 19.9