4 oggetti per la casa che tutti dovremmo smettere di usare

oggetti-per-la-casa-pericolosi

La minaccia è dietro l’angolo. Spesso senza pensarci usiamo degli oggetti per la casa che possono risultare molto pericolosi. Per noi stessi e per l’ambiente.

Oggetti per la casa di uso comune che in apparenza non rappresentano una minaccia, ma che in realtà possono provocare danni anche gravissimi al nostro organismo. La lista è molto lunga e potremmo continuarla quasi all’infinito. Abbiamo scelto questi 4 prodotti perché quasi tutti li usiamo, ma spesso ci vengono nascoste delle informazioni essenziali sui materiali tossici che contengono.

Cialde per il caffè

Ogni anno vengono vendute 10 miliardi di capsule per il caffè, comunemente chiamate cialde. Una quantità enorme che ogni anno produce 120mila tonnellate di rifiuti, che finiscono direttamente in discarica. L’allumino e la plastica contenute in esse sono infatti estremamente difficili da riciclare. Persino l’ex amministratore delegato di Nespresso, Jean-Paul Gaillard, ha dovuto ammettere che ci stanno portando al “disastro ambientale”.cialde-caffe

Ph: Dee.lite

Non solo. Fanno male anche alla salute. La causa? Il furano: una ricerca dell’anno scorso dell’Università di Barcellona ha individuato una concentrazione molto elevata di questa sostanza nel caffè in capsule. Il furano, per chi non lo sapesse, rientra nella lista delle possibili sostanze cancerogene, secondo lo IARC.

Triclosan negli oggetti per la casa più pericolosi

Le prime notizie sulla pericolosità di questa sostanza risalgono già a diversi anni fa, ma è bene ribadirlo. Il Triclosan fa male. Si tratta di una sostanza chimica, utilizzata largamente nell’industria del sapone che utilizziamo tutti i giorni. Prima di comprarne uno, se non potete prepararne uno fai da te, controllate l’etichetta e cercate questa sostanza. Se c’è, passate ad altro. Malgrado sia spacciato come antibatterico, il Triclosan in realtà aumenta il rischio di infezioni da stafilococco aureo. Ha una struttura molecolare simile alla diossina e quindi è considerato come un potenziale interferente endocrino. Non solo: la sostanza influenza la funzione muscolare e cardiaca, altera gli ormoni della riproduzione e dello sviluppo e ha effetti dannosi sul cervello. Altre ricerche ne hanno dimostrato gli effetti cancerogeni.

Negli Stati Uniti è stato recentemente messo al bando, ma in Italia è ancora presente in tantissimi prodotti: detergenti intimi, dentifrici, salviettine profumate, deodoranti. Una recente indagine di Test Magazine ha individuato il triclosan in prodotti Colgate-Palmolive Company, Conad, Coop, Mirato, L. Manetti H. Roberts & C. (Chilly e Intimo Roberts), Selex e Auchan.

Bacchette per il cibo orientale

Ci tenete all’aria che respirate? Smettetela di mangiare cibo cinese e giapponese con le bacchette di legno usa e getta. Questi semplici bastoncini stanno infatti provocando una vera e propria catastrofe ambientale.bacchette

Sono circa 4 milioni gli alberi che ogni anno vengono sacrificati per produrre i 57 miliardi di paia presenti sul mercato della ristorazione. La deforestazione del pianeta dovrebbe essere un argomento sufficiente per smettere di usarle. Ma ci sono anche problemi per la salute umana. Le bacchette infatti vengono trattate con agenti chimici pericolosi, che possono provocare problemi di respirazione. Sono infatti scolorite con perossido di idrogeno, lucidate con la paraffina e vi si applica infine dell’anidride solforosa per evitare la formazione di muffa.

Dentifricio: il più insospettabile tra gli oggetti per la casa tossici

Alcuni tipi di dentifricio contengono plastica sotto forma di microparticelle. Microparticelle che finiscono in mare, dove vengono mangiate dai pesci. E se pensate che la cosa non vi riguardi, sappiate che il pesce che mangiamo assimila tali sostanze. Soprattutto eterepolibrominato binefile, anche noto come Pbde. Si tratta di una sostanza tossica estremamente pericolosa, che può causare autismo e altri disturbi cognitivi nei bambini. Non solo dentifrici: troviamo questi microgranuli anche in scrub e altri prodotti della pelle. Negli USA sono stati già banditi e in Francia il divieto partirà dal primo gennaio 2018.

FONTI:
http://www.nhs.uk/news/2014/11November/Pages/triclosan-soap-link-with-mouse-liver-cancers.aspx (Triclosan cancerogeno)

Foto in evidenza: Jenny Lee Silver on Flickr

Tratto: ambientebio.it

4 oggetti per la casa che tutti dovremmo smettere di usare

img_0856

La minaccia è dietro l’angolo. Spesso senza pensarci usiamo degli oggetti per la casa che possono risultare molto pericolosi. Per noi stessi e per l’ambiente.
Oggetti per la casa di uso comune che in apparenza non rappresentano una minaccia, ma che in realtà possono provocare danni anche gravissimi al nostro organismo.
La lista è molto lunga e potremmo continuarla quasi all’infinito. Abbiamo scelto questi 4 prodotti perché quasi tutti li usiamo, ma spesso ci vengono nascoste delle informazioni essenziali sui materiali tossici che contengono.
Cialde per il caffè
Ogni anno vengono vendute 10 miliardi di capsule per il caffè, comunemente chiamate cialde. Una quantità enorme che ogni anno produce 120mila tonnellate di rifiuti, che finiscono direttamente in discarica.
L’allumino e la plastica contenute in esse sono infatti estremamente difficili da riciclare. Persino l’ex amministratore delegato di Nespresso, Jean-Paul Gaillard, ha dovuto ammettere che ci stanno portando al “disastro ambientale”.

img_0809

Non solo. Fanno male anche alla salute. La causa? Il furano: una ricerca dell’anno scorso dell’Università di Barcellona ha individuato una concentrazione molto elevata di questa sostanza nel caffè in capsule.
Il furano, per chi non lo sapesse, rientra nella lista delle possibili sostanze cancerogene, secondo lo IARC.
Triclosan negli oggetti per la casa più pericolosi
Le prime notizie sulla pericolosità di questa sostanza risalgono già a diversi anni fa, ma è bene ribadirlo. Il Triclosan fa male. Si tratta di una sostanza chimica, utilizzata largamente nell’industria del sapone che utilizziamo tutti i giorni. Prima di comprarne uno, se non potete prepararne uno fai da te, controllate l’etichetta e cercate questa sostanza. Se c’è, passate ad altro.
Malgrado sia spacciato come antibatterico, il Triclosan in realtà aumenta il rischio di infezioni da stafilococco aureo. Ha una struttura molecolare simile alla diossina e quindi è considerato come un potenziale interferente endocrino.
Non solo: la sostanza influenza la funzione muscolare e cardiaca, altera gli ormoni della riproduzione e dello sviluppo e ha effetti dannosi sul cervello. Altre ricerche ne hanno dimostrato gli effetti cancerogeni.
Negli Stati Uniti è stato recentemente messo al bando, ma in Italia è ancora presente in tantissimi prodotti: detergenti intimi, dentifrici, salviettine profumate, deodoranti.
Una recente indagine di Test Magazine ha individuato il triclosan in prodotti Colgate-Palmolive Company, Conad, Coop, Mirato, L. Manetti H. Roberts & C. (Chilly e Intimo Roberts), Selex e Auchan.
Bacchette per il cibo orientale
Ci tenete all’aria che respirate? Smettetela di mangiare cibo cinese e giapponese con le bacchette di legno usa e getta. Questi semplici bastoncini stanno infatti provocando una vera e propria catastrofe ambientale.

img_0858

Sono circa 4 milioni gli alberi che ogni anno vengono sacrificati per produrre i 57 miliardi di paia presenti sul mercato della ristorazione.
La deforestazione del pianeta dovrebbe essere un argomento sufficiente per smettere di usarle. Ma ci sono anche problemi per la salute umana. Le bacchette infatti vengono trattate con agenti chimici pericolosi, che possono provocare problemi di respirazione. Sono infatti scolorite con perossido di idrogeno, lucidate con la paraffina e vi si applica infine dell’anidride solforosa per evitare la formazione di muffa.
Dentifricio: il più insospettabile tra gli oggetti per la casa tossici
Alcuni tipi di dentifricio contengono plastica sotto forma di microparticelle. Microparticelle che finiscono in mare, dove vengono mangiate dai pesci. E se pensate che la cosa non vi riguardi, sappiate che il pesce che mangiamo assimila tali sostanze.
Soprattutto eterepolibrominato binefile, anche noto come Pbde. Si tratta di una sostanza tossica estremamente pericolosa, che può causare autismo e altri disturbi cognitivi nei bambini.
Non solo dentifrici: troviamo questi microgranuli anche in scrub e altri prodotti della pelle.
Negli USA sono stati già banditi e in Francia il divieto partirà dal primo gennaio 2018.
FONTI:
http://www.nhs.uk/news/2014/11November/Pages/triclosan-soap-link-with-mouse-liver-cancers.aspx (Triclosan cancerogeno)
Foto in evidenza: Jenny Lee Silver on Flickr
Fonte: https://www.ambientebio.it/salute/oggetti-per-la-casa-tossici/

Detersivi e saponi con antibatterico triclosan: 5 motivi per non usarli più

Dopo 40 anni di studio la FDA ammette di non avere prove che i saponi che contengono antibatterico siano davvero in grado di eliminare i germidetersivi

La FDA, Us Food and Drug Administration ha annunciato una nuova posizione sul sapone antibatterico : i produttori devono dimostrare che sia sicuro e più efficace di un semplice lavaggio con sapone convenzionale e acqua o devono toglierlo dagli scaffali dal 2016. Circa il 75 per cento di saponi antibatterici liquidi e il 30 per cento dei solidi utilizzano il triclosan come ingrediente attivo. Il farmaco era utilizzato esclusivamente in ambito ospedaliero ma è stato adottato dai produttori di saponi nel corso del 1990 per un volume di affari pari a 1 miliardo di dollari. Dopo il sapone il tricolosan è stato aggiunto anche a una serie di prodotti per l’igiene quali le salviette, il gel per pulire le mani oppure su taglieri, materassi e in ogni sorta di articolo per la casa, arrivando a uno uso eccessivo. All’FDA fu chiesto nel 1972 di pubblicare le linee guida per l’uso de triclosan ma la bozza finale è stata pubblicata lo scorso 16 dicembre 2013. Nel rapporto sono analizzati decenni di ricerca e è stato osservato che i costi di saponi antibatterici probabilmente superano i benefici e dunque la FDA obbliga i produttori a dimostrare il contrario. Ecco dunque i cinque motivi per cui è preferibile evitare saponi con antibatterico triclosan.

Perché i saponi antibatterici non sono più efficaci di sapone convenzionale e acqua

Sandra Kweder vice direttore del FDA ha detto:

Ci sono tantissimi consumatori che usano un prodotto con sapone antibatterico convinti di poter proteggere se stessi e i propri cadi dalle malattie. Ma non abbiamo alcuna prova che i saponi con anti batterico funzionino meglio dei saponi convenzionali.

I produttori di detergenti, al contrario, dicono che hanno le prove di una efficacia superiore del triclosan e il disaccordo deriva dall’utilizzo di diversi tipi di metodi di prova. I test che misurano rigorosamente il numero di batteri sulle mani di una persona dopo l’uso mostrano che i saponi con triclosan uccidono leggermente più batteri rispetto a quelli convenzionali. Ma alla FDA non basta poiché vuole dati che dimostrino che questo si traduce in un beneficio clinico reale, come i tassi di infezione ridotte. Finora le analisi dei benefici per la salute non mostrano alcuna prova che il triclosan possa ridurre la trasmissione di alcune infezioni respiratorie o gastrointestinali. Questo potrebbe essere dovuto al fatto che i saponi antibatterici colpiscono i batteri ma non i virus che causano la maggior parte dei raffreddori stagionali e delle influenze.

I saponi antibatterici hanno il potenziale per creare batteri resistenti agli antibioticiCHN: China Monitors Colgate Toothpaste Health Concerns

Il motivo per cui la FDA chiede ai produttori di dimostrare l’efficacia di questi prodotti è dovuto a una serie di possibili rischi per la salute connessi con triclosan e la resistenza batterica è il primo della lista. Il massiccio uso di antibiotici può causare resistenza il che vuol dire che una piccola popolazione di batteri con una mutazione casuale riesce a sopravvivere all’esposizione alla sostanza chimica. Se questo prodotto chimico è usato abbastanza frequentemente ucciderà altri batteri ma permetterà al piccolo sottoinsieme resistente di proliferare. Se questo accade su una scala abbastanza ampia l’antibatterico risulterà inutile per quel ceppo. Questo è attualmente un problema enorme in medicina tanto che l’Organizzazione Mondiale della Sanità la definisce una ” minaccia per la sicurezza sanitaria globale”. Infatti già alcune specie di batteri, in particolare MRSA meticillin resistant Staphylococcus aureus, hanno anche acquisito resistenza a farmaci diversi, complicando gli sforzi per controllare e trattare le infezioni. Alcuni studiosi ritengono necessarie ulteriori ricerche sul triclosan prima di stabilire che aumenta la resistenza dei batteri ma altri studi ne hanno suggerito la possibilità.

I saponi con triclosan possono agire come interferenti endocrini

Seen through a soapy window, Shimrit Tan

Una serie di studi hanno trovato che nei ratti, rane e altri animali il triclosan sembra interferire con la regolazione dell’ ormone tiroideo, forse perché gli assomiglia chimicamente. Nel caso degli esseri umani vi sono preoccupazioni relative alla possibile sterilità, alla pubertà precoce, obesità e cancro. Questi effetti non sono ancora stati provati negli esseri umani, ma la FDA esprime “una preoccupazione” e osserva che considerati i benefici minimi dell’utilizzo triclosan a lungo termine non vale usarlo.

I saponi potrebbero portare ad altri problemi di saluteA young couple plays in the heavy lather

Ci sono prove che i bambini che subiscono l’esposizione prolungata a triclosan hanno una maggiore probabilità di sviluppare allergie, come alle arachidi e febbre da fieno. Gli scienziati ipotizzano che questo potrebbe essere il risultato di una ridotta esposizione ai batteri necessari per il corretto funzionamento e sviluppo del sistema immunitario. Un altro studio ha trovato la prova che il triclosan interferisce con le contrazioni muscolari nelle cellule umane. Ciò perchè può penetrare attraverso la pelle ed entrare nel flusso sanguigno più facilmente di quanto originariamente pensato. Una analisi del 2008, per esempio, ha trovato triclosan nelle urine del 75 per cento delle persone testate.

I saponi antibatterici fanno male all’ambienteIndian health workers throw disinfectant

Quando usiamo detergenti con il triclosan questi finiscono giù per lo scarico. Una ricerca ha dimostrato che anche piccoli quantitativi di sostanze chimiche possono persistere dopo il trattamento negli impianti di depurazione e di conseguenza finiscono in torrenti e altri corsi d’acqua. Una volta nell’ambiente il triclosan può compromettere la capacità delle alghe di svolgere la fotosintesi. Il triclosan è una sostanza chimica è liposolubile, il che significa che si accumula nel grasso dei tessuti per cui gli scienziati sono preoccupati per la bioamplificazione. Comparendo nei tessuti degli animali più elevati nella catena alimentare. La prova di questa possibilità è stato ottenuta nel 2009 quando le indagini sui delfini al largo della costa della Carolina del Sud e Florida hanno trovato la sostanza chimica nel sangue.

Che cosa possiamo fare?A woman shops in the detergent section o

Leggere l’INCI ossia l’etichetta dei prodotti che acquistiamo per conoscere gli ingredienti usati e se è presente il triclosan. Lavarsi le mani con saponi convenzionali in ogni caso è sufficiente a disinfettarle poiché l’efficacia del lavaggio dipende da quanto tempo ci si lava e un po’ di gel con antibatterico, ad esempio, ha un effetto che dura molto limitatamente nel tempo.

Fonte: Smithsonian Mag