Fracking proibito in Francia: la fratturazione idraulica resta vietata

La Corte costituzionale francese ha convalidato la legge del 13 luglio 2011 sulla proibizione della fratturazione idraulica per l’estrazione di petrolio e gas scistoImmagine

Il Consiglio costituzionale francese ha convalidato venerdì 11 ottobre la legge del 13 luglio 2011 che proibisce il fracking in Francia. Non si potrà, dunque, utilizzare la fratturazione idraulica per sondare ed estrarre il petrolio e il gas scisto dal sottosuolo. Si tratta di un successo per Christian Jacob, presidente dell’Ump all’Assemblea nazionale, principale artefice della legge contro il fracking. Questa tecnica è la sola esistente quest’oggi per liberare questi idrocarburi non convenzionali situati nelle rocce a grande profondità. Si è cpsì conclusa la vicenda giuridica imbastita dalla compagnia texana Schuepbach dieci mesi fa: dopo che nell’ottobre 2011 le erano stati revocato due permessi minerari nel sud della Francia, la compagnia petrolifera aveva presentato al tribunale amministrativo di Cergy-Pontoise una questione prioritaria di costituzionalità successivamente trasmessa al Consiglio di Stato e al Consiglio costituzionale. I magistrati hanno rigettato le quattro serie di contestazioni avanzate da Marc Fornacciari, l’avvocato di Schuepbach. L’argomento più consistente sviluppato dalla compagnia era concernente il carattere discriminatorio della legge Jacob nella misura in cui questa è concernente il petrolio e il gas scisto e non la geotermia per cui la fratturazione idraulica è talvolta utilizzata. Il Consiglio costituzionale ha ribattuto sottolineando come la quantità e la qualità delle perforazioni sia nettamente più distruttiva per petrolio e gas scisto. Quanto alle altre contestazioni – ostacolo al diritto d’impresa, violazione del diritto di proprietà e utilizzo improprio del principio di precauzione. Un grande successo per il governo. Il ministro dell’Ecologia e dell’Energia, Philippe Martin, si era già messo al lavoro su un nuovo testo di legge nel caso la legge Jacob fosse stata revocata, ma il Consiglio costituzionale ha dato ragione alle forze ecologiste: niente fracking in Francia.

Fonte:  Le Monde

 

I cambiamenti climatici in Europa colpiscono di più Francia e Germania

Alcune giornate calde e alcune notti fredde avute in alcune zone dell’Europa hanno fatto innalzare di 4 volte il tasso medio globale dal 1950 a oggi. La ricerca è stata pubblicata oggi su Environmental Research Letters journal dal Grantham Insitute for Climate change (GRI) e l’Università di Warwick.grantham-620x350

Secondo i dati contenuti nella ricerca Mapping climate change in European temperature distributions il 5% dei giorni più caldi dell’estate hanno riscaldato un area tra il sud dell’Inghilterra e il Nord della Francia fino alla Danimarca; di contro la media dei giorni più caldi ha riscaldato di più nel sud della Francia e in Germania. Il 5% delle notti più fredde dell’inverno sono state più calde in Franca, Germania occidentale e Belgio dove si è avuta una oscillazione non comune tra i 2 e i 2.5 gradi Centrigradi. Le osservazioni dei ricercatori del GRI, con sede presso la London School of Economics and Political Science, con i colleghi di Warwick si sono tradotte in osservazioni meteorologiche e osservazioni dei cambiamenti climatici utilizzando un set di dati a partire dal 1950. Nella Spagna orientale e nell’Italia centrale dove si sono registrati tutti i tipi di giornate non si sono avute nella media quelle più calde o più fredde.  Il documento dunque suggerisce che in alcune aree le temperature hanno subito ben poche variazioni dal 1950 e gli autori suggeriscono che i risultati evidenziano che i cambiamenti climatici su larga scala sono diversi dai cambiamenti climatici locali così come sentiti dalle persone.  David Stainforth l’autore principale della ricerca, ha detto:

Il clima è sostanzialmente la distribuzione degli eventi climatici e come questi cambiano cambia il clima. Il cambiamento dipende da dove ti trovi. Dunque i nostri risultati mostrano che se l’obiettivo internazionale di limitare l’aumento della temperatura media globale a 2 ° C non si porta a termine avremo cambiamenti climatici più consistenti in alcune zone e per alcuni aspetti del clima e di conseguenza per i singoli individui, le comunità e industrie. Il documento presenta le mappe della forma mutevole dei cambiamenti climatici distribuiti per estate e inverno, giorno e notte in tutta Europa. E’ stato usato dal team interdisciplinare un nuovo metodo di analisi pubblicato sulla rivista Philosophical Transactions della Royal Society all’inizio di quest’anno.

Ha detto ancora il dott. Stainforth:

I cambiamenti del clima locale pongono sfide per i responsabili delle decisioni in tutta la società. Abbiamo bisogno di progettare edifici, in modo da non surriscaldare il clima, scegliere quali siano le migliori colture di piante e ogni forma di produzione su larga scala. Questo lavoro inizia a fornire proprio queste informazioni.

The paper also presents the results for changes in the frequency of nights which fall below freezing in winter and days which rise above