Clonazione terapeutica per produrre staminali embrionali umane

detail-human esc

 

Usare cellule staminali embrionali autologhe per produrre tessuti e organi danneggiati: è questa da tempo la promessa della ricerca sulle staminali. Finora, però, una serie di limitazioni sperimentali l’hanno resa, se non impossibile, alquanto difficile da realizzare. Ora in uno studio effettuato presso l’Oregon Health and Science Universitynegli Stati Uniti e pubblicato su Cell gli autori descrivono una ricetta che permette di utilizzare con successo il trasferimento nucleare dalle cellule somatiche (Scnt) per creare cellule staminali embrionali umane autologhe, ossia personalizzate. Di fatto adottando la tecnica della clonazione.  Partendo da ovociti privati del nucleo e usando il materiale genetico di una cellula somatica, in questo caso della pelle, i ricercatori hanno infatti ottenuto delle blastocisti da cui hanno prodotto cellule staminali embrionali, con caratteristiche morfologiche e funzionali simili a quelle ottenute dagli embrioni prodotti tramite fertilizzazione in vitro (Fiv). La Scnt (Somatic cell nuclear transfer) è una tecnica nota da tempo che è stata largamente usata in topi e scimmie per studiare le funzioni delle cellule staminali embrionali e che nel 1996 ha permesso di creare Dolly, il primo mammifero clonato. Tuttavia, nonostante i successi negli animali, nel caso di ovociti umani la Scnt sembrava non funzionare: gli embrioni si arrestavano precocemente nello sviluppo allo stadio di otto cellule e non raggiungevano lo stadio di blastocisti (150 cellule) da cui si ottengono le cellule staminali. Per bypassare questo blocco, i ricercatori americani, guidati da Shoukhrat Mitalipov, hanno usato cellule uovo di scimmia e hanno individuato una serie di fattori e condizioni sperimentali che erano critici nel favorire lo sviluppo delle blastocisti. Tra questi i più importanti erano il processo di fusione dell’ovocita con il nucleo somatico, l’attivazione del citoplasma per stimolare la divisione cellulare e la concentrazione degli ormoni usati per indurre la maturazione e il rilascio delle cellule uovo. Una volta ottimizzate le condizioni di coltura, hanno applicato questo protocollo a ovociti umani fusi con il nucleo di una cellula di pelle fetale. Il risultato è stato un embrione che si è sviluppato fino allo stadio di blastocisti. Le cellule staminali embrionali così ottenute erano identiche a quelle prodotte da embrioni derivati da fecondazione in vitro e non presentavano nessuna anormalità cromosomica. Inoltre erano perfettamente funzionali, esprimevano tutti i marcatori normalmente presenti sulle staminali embrionali, erano pluripotenti, ossia erano in grado di differenziarsi in tutti i tipi cellulari specializzati ed esprimevano gli stessi geni delle staminali da Fiv. “Sorprendentemente le migliori Scnt sono state ottenute da donatori che hanno prodotto pochi ovociti ma di buona qualità, mentre ci si aspettava che sarebbero state necessarie alcune migliaia di uova”, ha spiegato Mitalipov: “in alcuni esperimenti due sole cellule uovo sono state sufficienti per generare una linea di cellule staminali”. Secondo gli autori, questi risultati rappresentano una svolta nel campo delle cellule staminali e sono molto importanti sia per la comprensione dei processi dello sviluppo embrionale sia per le enormi potenzialità in campo terapeutico, in quanto aprono la porta a terapie personalizzate in cui sarà possibile sostituire organi e tessuti danneggiati senza problemi di rigetto. A ribadire il concetto lo stesso Mitalipov, che ha detto: “La nostra ricerca è indirizzata verso la generazione di cellule staminali da utilizzare nei trattamenti futuri per combattere la malattia. Mentre scoperte circa il trasferimento nucleare spesso portano a una discussione riguardante l’etica della clonazione umana, questo non è il nostro obiettivo, né crediamo che i nostri risultati possano essere utilizzati da altri per far avanzare la possibilità della clonazione riproduttiva umana”.

Fonte:  Wired.it

 

Staminali: ok alla sperimentazione con il metodo stamina con Aifa e Iss

r-METODO-STAMINA-large570

 

Voto unanime in commissione Affari sociali a un emendamento al decreto staminali che dà l’ok alla sperimentazione di terapie avanzate a base di cellule staminali mesenchimali, quelle usate con il metodo Stamina, promossa dal ministero della Salute avvalendosi di Aifa, Iss e Cnt e con l’unico paletto della sicurezza dei pazienti. Saranno stanziati tre milioni di euro, vincolati nel Fondo sanitario nazionale, per la sperimentazione delle terapie avanzate con cellule staminali mesenchimali. Lo prevede l’emendamento della commissione Affari sociali che istituisce anche un osservatorio per il monitoraggio con esperti e associazioni dei pazienti. La sperimentazione è autorizzata a partire dal 1 luglio per 18 mesi e per garantire “la ripetibilità delle terapie le modalità di preparazione” dovranno essere rese disponibili ad Aifa e Iss. “Abbiamo voluto consentire la possibilità di fare una sperimentazione clinica con le staminali, e in questo caso a Stamina Foundation. Ma con un unico paletto: ciò che danno non deve essere nocivo ai pazienti”. Lo dice Pierpaolo Vargiu, presidente e relatore della Commissione Affari sociali della Camera, dopo il voto in vista della conversione in legge del decreto sulle cure a base di cellule staminali, già approvato dal Senato. “Dal mio punto di vista è andata bene – commenta Vargiu all’uscita dei lavori – perché avevamo di fronte un tema delicato, complesso, che colpisce tutte le sensibilità. Per noi non era facile, dovevamo tenere conto anche dell’intervento del Senato e dovevamo compendiare varie esigenze”. Vargiu si riferisce da un lato “all’attenzione che dovevamo avere nei confronti del mondo scientifico”, che recentemente aveva manifestato perplessità sul metodo Stamina, e dall’altra “all’attenzione, ancora più alta, per l’esigenza di fare sperimentazione. Non dimentichiamoci – conclude – che il nostro datore di lavoro sono i pazienti e le famiglie”. Nel pomeriggio c’è stata tensione in piazza Montecitorio tra le forze dell’ordine e le famiglie dei malati che stanno manifestando a sostegno del decreto per la sperimentazione delle cure con cellule staminali del protocollo Stamina. Alcuni manifestanti stanno cercando di forzare il cordone dei poliziotti per raggiungere Montecitorio. Spingendo le transenne, un gruppo di manifestanti sta urlando, “fuori, fuori”, indirizzandosi ai politici. In riferimento al via libera alla sperimentazione Davide Vannoni: “bisogna capire – ha detto Vannoni a margine della manifestazione in corso a Montecitorio a favore di Stamina – che tipo di laboratori attueranno la stessa sperimentazioni. Se si dovesse trattare di laboratori farmaceutici, allora Stamina non può attuarla perché la nostra metodica non può entrare in questi laboratori”. Intanto in piazza Montecitorio alcuni centauri sono intervenuti a sostegno dei manifestanti facendo rombare le proprie moto.

Fonte: huffington post