Palazzo Nuovo col cappotto. Termico

Efficientamento energetico in arrivo per l’Università umanistica di Torino: la ristrutturazione esterna dell’edificio è cominciata, e terminerà con la sostituzione di tutti gli infissi e con la realizzazione di un nuovo rivestimento termico, che in inverno permetterà di mantenere calde le aule risparmiando sulla bolletta375866

Dell’efficientamento energetico di Palazzo Nuovo si parlava da anni, dalla delibera della Regione Piemonte approvata ancora nel 2008. Finalmente, a cinque anni di distanza, i lavori possono cominciare. Costeranno11 milioni di euro e comporteranno la sostituzione degli infissi e l’installazione di un rivestimento della struttura che permetterà di trattenere il calore molto meglio di quanto riescano a fare ora le vecchie pareti dell’edificio, costruite alla fine degli anni sessantaIsolamento termico, ma non solo: i materiali che verranno usati dai tecnici, già al lavoro, garantiranno anche la riduzione dei rumori provenienti dalla strada, che, come ben sa chiunque abbia frequentato le aule universitarie, interferiscono spesso con l’andamento delle lezioni. (Non è necessario chiamare in causa gli allegri concerti degli “Stomp” in azione sulle scalinate: a rendere incomprensibili le spiegazioni basta e avanza il traffico di corso San Maurizio, o la pazienza degli automobilisti in coda!) Nell’ottica della spending review attuata dal Comune, il progetto di ristrutturazione prevede anche l’installazione di pannelli fotovoltaici sul tetto dell’edificio, che serviranno a ridurre ulteriormente la bolletta energetica dell’Università. Unica incognita, i grandi murales presenti da tre anni sulla facciata. I tecnici della Sipal, la ditta incaricata dei lavori, stanno ancora valutando se sia possibile salvarli.

 

Fonte: eco dalle città

 

Torino, approvate 4 nuove aree pedonali

La Giunta comunale ha approvato l’istituzione di tre nuove aree pedonali nella zona nord-ovest della città e il prolungamento fino a corso San Maurizio del tratto già pedonalizzato davanti alla Mole Antonelliana

375594

La Giunta ha approvato l’istituzione in città di quattro nuove aree pedonali. La prima sarà realizzata entro settembre in via Ancina tra via Pergolesi e via Cravero, nel tratto antistante la scuola Norberto Bobbio, mentre la seconda riguarderà via Durandi tra le vie Vidua e San Donato di fronte alla piazza dei Mestieri. Il terzo tratto di strada ad essere vietato alle auto sarà una carreggiata di collegamento tra via Buffa di Perrero e via Actis, a margine dei giardini di via Pietro Cossa e di fronte alla chiesa di Santa Maria Goretti. Per via Montebello è invece previsto il prolungamento del tratto già pedonalizzato davanti alla Mole Antonelliana, che si prolungherà quindi da via Verdi fino a corso San Maurizio.

 Fonte: eco dalle città