Le giovani imprese vittime del sisma si mettono in rete

Nell’Appennino colpito dal terremoto del 2016, grazie al progetto di Fondazione Edoardo Garrone e Legambiente le giovani imprese locali fanno rete attraverso nuove forme di imprenditorialità che uniscono sostenibilità ambientale e innovazione. “Ricostruire fiducia” è infatti il tema scelto per l’ultima edizione di “ReStartApp per il centro Italia”, incubatore temporaneo di impresa per il rilancio dell’economia appenninica. Supportare le giovani imprese di Lazio, Marche e Umbria, che, nel contesto di forte discontinuità e incertezza creato dal terremoto del 2016, vedono e vogliono cogliere l’opportunità di reinventarsi e riposizionarsi sul mercato, rivitalizzando l’economia del territorio appenninico. È questa la scommessa di Fondazione Edoardo Garrone e Legambiente, che insieme hanno realizzato ReStartApp per il centro Italia. Il progetto ReStartApp per il centro Italia – a cui hanno dato il loro patrocinio le Regioni Umbria, Lazio e Marche e Fondazione Symbola – ha coinvolto nel 2018 oltre 30 aziende delle aree del cratere, principalmente imprese agricole, agroalimentari, di allevamento, turistiche e di artigianato. In un anno e mezzo di lavoro sul territorio, nell’ambito di 8 coaching individuali e dell’avvio di 3 laboratori per la creazione di reti d’imprese, si sono svolti 84 incontri e oltre 600 ore di formazione professionale e consulenza, per fornire supporto e strumenti concreti in diversi ambiti: dal controllo di gestione alla ricerca di nuovi business e mercati, fino al marketing e alla comunicazione.

Gruppo di giovani imprenditori delle Marche

Tra i risultati del progetto, l’avvio di due progetti di rete – Amatrice terra Viva nel Lazio e Rizomi, Terre fertili in rete nelle Marche – finalizzati alla sperimentazione di nuove forme di collaborazione imprenditoriale e alla nascita di nuove attività e sinergie sul territorio. Amore per la terra, sostenibilità ambientale, tradizione e innovazione, sinergia, agricoltura di qualità e valorizzazione dei prodotti tipici, sono le parole chiave alla base di questi due progetti che guardano al futuro dell’Appennino e delle sue comunità. Nel Lazio ReStartApp per il centro Italia ha affiancato una rete già costituita, l’associazione Amatrice Terra Viva, nata nel 2018 su iniziativa di 12 imprenditori tra Amatrice e Accumoli e sostenuta da Alce Nero, storica azienda del biologico italiana, con l’obiettivo di creare una filiera bio capace di valorizzare la cultura cerealicola locale attraverso la coltivazione di grani antichi. Nelle Marche, invece, ha preso forma Rizomi, Terre fertili in rete, progetto che coinvolge oggi 5 aziende agricole, un laboratorio di cosmesi e uno di trasformazione di erbe officinali: giovani imprese di prima generazione, nate dopo il 2013, che condividono la scelta di tornare alla terra con un approccio di autoimprenditorialità. Il fine è quello di innescare un processo virtuoso che metta in comune conoscenze, informazioni, risorse, strumenti e prodotti, all’insegna di un’agricoltura organica e rigenerativa, basata sulla combinazione di pratiche tradizionali e moderne conoscenze scientifiche.

I giovani imprenditori dell’azienda Bosco Torto

Quello che Fondazione Garrone e Legambiente lanciano con ReStartApp per il centro Italia è un messaggio forte e chiaro: per contrastare lo spopolamento di questi territori occorre soprattutto ridare impulso all’economia locale, sostenendo chi ci vive e lavora scommettendo su produzioni agricole e agroalimentari tipiche, biologiche e di qualità, turismo sostenibile, commercio, artigianato e sulle bellezze paesaggistiche di queste aree. Un mix unico di risorse e produzioni che rappresenta un fattore competitivo insostituibile sui mercati. Non dimentichiamo che se l’Italia è il Paese con la più grande ricchezza e varietà di prodotti agroalimentari distintivi, cioè con indicazione geografica, è anche grazie all’Appennino, che – stando ai dati dell’Atlante dell’Appennino realizzato nel 2018 dalla Fondazione Symbola – dà un contributo rilevante: il 42% del totale nazionale; oltre 25mila le aziende che li producono, per un valore economico stimato in oltre 2 miliardi di euro, il 15% del totale nazionale DOP e IGP. Inoltre, le imprese appenniniche sono quasi 1 milione, il 17,2% del totale nazionale, attive principalmente nel commercio, nell’agricoltura, nella silvicoltura e pesca, nelle attività manifatturiere, e nel turismo e ristorazione. Dalle imprese dell’Appennino viene prodotto il 14% del valore aggiunto nazionale, pari a 202,9 miliardi di euro, e il 16% del bestiame allevato in Italia.

“Dal 2014, con i nostri incubatori ReStartApp e ReStartAlp, ci occupiamo concretamente del rilancio dei territori montani e marginali attraverso lo sviluppo di nuove economie e puntando sul talento dei giovani – racconta Alessandro Garrone, presidente di Fondazione Edoardo Garrone – Dal dialogo con Legambiente, che grazie alla sua capillarità territoriale sin dall’inizio è stata operativa accanto alle imprese colpite dal sisma, abbiamo intuito che la nostra esperienza poteva essere messa efficacemente a servizio di quei giovani imprenditori che, nonostante le difficoltà di sempre e la grave discontinuità dei danni del terremoto, volevano continuare a dare vita all’economia della loro terra.

Il Pastificio Leopardi

Per questo abbiamo studiato una formula che potesse rispondere in modo puntuale alla loro esigenza di reinventarsi, cercando un nuovo punto di partenza, nuovi strumenti, nuovi modelli di business, nuovi mercati da intercettare e collaborazioni strategiche con altri imprenditori. È anche grazie al nostro supporto che oggi le realtà, che con Legambiente abbiamo affiancato per oltre un anno e mezzo, sono in grado di continuare il lavoro iniziato insieme. È un grande risultato, che ci conferma anche il successo del nostro format: originale, flessibile e capace di generare impatti positivi e tangibili in tutti i contesti in cui lo decliniamo”.

“A quasi tre anni dal sisma – spiega Giorgio Zampetti, direttore generale di Legambiente – sono ancora tante le difficoltà quotidiane che ogni giorno cittadini e produttori locali si trovano ad affrontare, anche a causa di una burocrazia lenta e macchinosa e di una ricostruzione che fatica a decollare. Quello che serve è un cambio di passo al quale devono seguire azioni concrete per ridare, soprattutto a chi ha deciso di rimanere in questi territori, più fiducia nel futuro. Il progetto che abbiamo realizzato insieme alla Fondazione Garrone e che unisce l’esperienza della Fondazione con quella della nostra associazione ambientalista – da sempre vicina e operativa nei territori terremotati – vuole contribuire a dare una mano proprio in questa direzione, coinvolgendo anche il settore imprenditoriale locale e aiutando le imprese a fare sinergia e rete in una chiave sempre più sostenibile e innovativa. Perché aiutare il tessuto imprenditoriale dell’appennino ferito dal sisma, significa contribuire anche al rilancio economico ed occupazionale di una delle zone più belle d’Italia, che oggi rischia di spopolarsi e di andare incontro ad una desertificazione produttiva”.

Fonte: http://www.italiachecambia.org/2019/06/giovani-imprese-vittime-sisma-rete/?utm_source=newsletter&utm_campaign=general&utm_medium=email&utm_content=relazioni

Don Pierluigi Piazza e il Centro Balducci: dall’accoglienza agli immigrati ad una cultura dell’integrazione

Accoglienza, spiritualità e cultura. Sono questi i valori fondamentali che animano il Centro di accoglienza e di promozione culturale Ernesto Balducci 

Situato alle porte di Udine, nel piccolo centro di Zugliano, il centro ha avviato la sua attività di accoglienza nel 1988, con l’arrivo di tre ghanesi e, da oltre 30 anni, ospita immigrati e persone in difficoltà. “E’ un centro di accoglienza per immigrati, ma anche un luogo per riflettere sulle grandi questioni della vita, che riguardano loro e noi insieme”, spiega Don Pierlugi, arrivato a Zugliano nel 1981. “Quando sono arrivato qui – racconta – come prima cosa mi sono attivato per trovare i soldi per la ricostruzione di questo posto (una casa parrocchiale allora abbandonata, ndr), ma ad un patto: che fosse aperto a tutti. Ecco perché, da subito, ho voluto realizzare due case anziché una: una per me e una aperta ai bisognosi. A quel tempo non pensavo agli immigrati, anche perché qui non ce ne erano quasi. Con l’aumento dei flussi migratori la struttura è divenuta un vero e proprio centro di accoglienza, ispirato ai valori e alle idee di padre Ernesto Balducci”.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Con il tempo e grazie all’importante contributo dei friulani, sono state ristrutturate altre due case ed una cascina ed è stato costruito un centro culturale che ospita una biblioteca, un centro congressi e molte altre iniziative culturali. “Quando organizziamo i nostri convegni, vengono centinaia di persone da tutta la regione, tanto che la nostra sala è diventata la più utilizzata del Friuli”. Il centro, peraltro, è diventato sede di molti incontri dell’associazione Libera, di Legambiente, dei movimenti per l’acqua pubblica. La sala conferenze è circondata dalle case degli immigrati: ciò vuole simbolicamente ribadire la duplice funzione del Centro che se da un lato offre un tetto ai bisognosi, dall’altro vuole contribuire alla costruzione di una cultura dell’accoglienza e dell’integrazione. “Accoglienza vuol dire un’abitazione, la possibilità di vivere dignitosamente, di instaurare un rapporto con il territorio, opportunità di formazione e lavoro”.

“Accogliere, e quindi dare risposte immediate a bisogni prioritari delle persone – continua Don Pierluigi – è importante ma non sufficiente per il Centro. La dimensione culturale è intrinseca. Io ho sempre pensato alla cultura in senso antropologico: approfondimento, elaborazione e proposta per ritornare poi alla realtà e modificarla. Credo in una cultura che modifichi le coscienze e il cuore, l’umanità ed il nostro Centro in questi anni si è proposto come un luogo che elabora una cultura di questo tipo”. Come racconta Don Pierluigi, la sua più grande soddisfazione è quindi proprio quella di aver favorito la nascita e lo sviluppo di una rete di relazioni e aver fatto sì che il Centro Ernesto Balducci divenisse un luogo di incontro di molte persone, “tutte diverse ma animate dal proposito di rendere più umano questo mondo e questa società”.

Visualizza il Centro di accoglienza Ernesto Balducci sulla Mappa dell’Italia che Cambia! 

Fonte : italiachecambia.org