“Noi piantiamo alberi e ci prendiamo cura della comunità”: la rete di attivisti del litorale laziale

Piantare alberi è un modo per prendersi cura dell’ambiente, ma anche della comunità e soprattutto delle nuove generazioni. Ne è convinto l’instancabile attivista Rosario Sasso che a fa parte di una rete di volontari e associazioni che sul litorale laziale promuovono la piantumazione di nuovi alberi nei giardini pubblici, ma anche l’educazione ambientale, la giustizia sociale, la lotta contro la cementificazione e i rifiuti che invadono strade e spiagge. Rosario Sasso, I have a dream. È questo l’appello più che mai esplicito del referente, a Ladispoli (RM), di Salviamo il Paesaggio – Difendiamo i Territori, associazione ambientalista che opera per la salvaguardia dell’ambiente e la piantumazione di nuovi alberi. Grazie a lui nella cittadina marittima è stata ripresa la manifestazione nota come la Marcia degli Alberi, che per molti anni si svolgeva solo a Roma e Taranto. Ormai, grazie all’impegno di Rosario e altri volontari, Ladispoli è giunta alla V° edizione. Un piccolo gruppo di attivisti ci attende nel parco giochi di via Firenze, dove lo scorso anno si è conclusa la Marcia. «L’impegno per l’ambiente non è mai troppo», ci accoglie Rosario, a cui fa eco tutto il gruppo. Una piacevole passeggiata tra i giovani alberelli è solo un assaggio dello spirito della manifestazione e dei fitofori, cioè i portatori di alberi, che con gli zaini colmi di piantine da interrare, guidano i partecipanti per le strade della cittadina. Durante l’ultima edizione, sono state messe a dimora decine di piante, soprattutto lecci, carrubi, roverelle, ulivi, sughere, corbezzolo, mirto, alloro, ed è stata realizzata un’area di aromatiche ed una di alberi da frutto.

Portavoce di Salviamo il Paesaggio e fitoforo zelante, Rosario Sasso è l’emblema di un attivismo instancabile a favore del verde pubblico. Insieme a molti altri volontari, s’impegna a mettere in atto iniziative ambientali, dedicate soprattutto alla piantumazione di nuovi alberi nei giardini pubblici, ma anche all’educazione ambientale, la giustizia sociale, la lotta contro la cementificazione e i rifiuti che invadono strade e spiagge.

«La Marcia è un’importante rappresentazione simbolica della Foresta che cammina», ci spiega Rosario. Di professione è un banchiere prossimo alla pensione, che da quasi vent’anni ha lasciato Roma con la famiglia per trasferirsi a Ladispoli dove, finalmente, ha potuto cambiare il suo stile di vita. Appena giunto sul litorale è entrato a far parte della rete territoriale di associazioni e singoli cittadini che si prodigano per la salvaguardia del verde urbano e per la lotta contro l’inquinamento ambientale. «Piantare alberi è un modo per prendersi cura dell’ambiente, ma anche della comunità e soprattutto delle nuove generazioni».

Il gruppo di Salviamo il paesaggio non è solo ad agire, ma è affiancato da numerose associazioni locali tra cui Scuolambiente, Libera contro le Mafie, Fare Verde, Humanitas, Lipu, VerdeMarino, Comitato Rifiuti Zero Ladispoli, Natura per tutti onlus e molte altre. Nonostante le diverse estrazioni, tutte hanno come obiettivo comune: lo sviluppo sostenibile del territorio, la lotta contro l’abusivismo, il consumo del suolo, il dissesto idrologico, l’inquinamento, la criminalità organizzata e la cementificazione selvaggia.

«C’è bisogno di un’azione costante e variegata che faccia da deterrente affinché le aree pubbliche restino verdi. Per questo portiamo avanti con costanza e impegno le nostre azioni, nonostante spesso sorgano difficoltà soprattutto con le istituzioni», ci spiega Rosario, mentre ci mettiamo comodi ai tavolini di un bar poco distante dal parco. «Noi non ci scoraggiamo certo! E non abbiamo alcun interesse politico, né ci immischiamo nelle controversie», replica Alessia Morici di Salviamo il Paesaggio Litorale Roma nord. «Abbiamo solo tanta voglia di fare qualcosa per migliorare l’ambiente. Lo facciamo per noi stessi, per i nostri figli e per l’intera comunità. Se cresce la coscienza ambientalista, infatti, nascono nuove generazioni di cittadini che hanno a cuore il patrimonio naturale in cui vivono», le fa eco Settimo Tidona di Scuolambiente. È incredibile come tutti i volontari siano coinvolti contemporaneamente in più di un’associazione e portino avanti moltissime iniziative. Tra le principali svolte degli ultimi anni, ci raccontano la nuova proposta: Adotta e cresci una quercia, grazie alla quale vengono date in adozione gratuita piccole piantine con l’impegno di curarle per 2/3 anni per poi metterle a dimora. Un’altra è Territorio Bene comune, dialogo aperto con il comune locale per discutere le proposte di legge volte a contenere il consumo del suolo. Un altro argomento in costante aggiornamento è nato dalla proposta comunale del 2011 denominata Sbilanciamoci con il verde nella quale le istituzioni esortavano i cittadini a intervenire nel Bilancio Partecipativo. Un gruppo di loro, denominatisi Verde Marino ha elaborato una proposta per gestire la piccola area verde di Piazza Odelscalchi con un progetto autofinanziato ricco di attività ambientali, progetti di bioedilizia e manifestazioni ludiche. Anche l’anno successivo hanno proposto un progetto simile, detto Il verde in comune per coinvolgere la società civile nella manutenzione delle aree verdi favorendo la socializzazione ed il coinvolgimento di tutti. In ultimo, la proposta di prendersi cura del giardino di viale Mediterraneo, area dedicata ad Angelo Vassallo, il “sindaco pescatore”, simbolo della salvaguardia del mare e dell’ambiente, coinvolto in un attentato criminale che gli ha costato la vita nel settembre del 2010 ad Acciaroli. Proprio lì, ha preso avvio l’ultima Marcia degli alberi, alla presenza del fratello di Vassallo, commosso da tanta solidarietà e attivismo civico. Nei sogni di tutti, questa e molte altre aree verdi dovrebbero diventare uno spazio pubblico autogestito, sempre pieno di bambini e adulti di ogni età e provenienza.

Il gruppo potrebbe continuare a parlarci delle moltissime iniziative e idee fautrici di un cambiamento lento ma costante che, da Ladispoli, coinvolge l’intero litorale laziale. A interrompere i racconti è l’arrivo di Marina Cozzi, insegnante e presidente del Comitato Rifiuti Zero. «Anche la battaglia contro i rifiuti è un altro dei nostri impegni costanti. Dobbiamo usufruire delle risorse con parsimonia e rispetto e soprattutto rimboschire quanti più spazi pubblici possibile, sottraendoli alla cementificazione dilagante!», esordisce facendo eco alle parole degli altri volontari. Anche lei, come il resto del gruppo, si dice profondamente legata alla salvaguardia degli alberi e a ogni genere di iniziativa che coinvolga e sensibilizzi quante più persone possibili, soprattutto giovani e istituzioni locali in merito alla tutela dell’ambiente. È evidente dunque quanto l’obiettivo comune di questi e di tutti gli altri volontari locali, sia la diffusione capillare di una sensibilità ecologica rinnovata e la diffusione di una cultura della sostenibilità non solo a Ladispoli, ma in tutto il litorale laziale.

«È un fatto imprescindibile che ci riguarda come esseri umani. Essere volontari ci rende solo più uniti nei nostri intenti. Tuttavia non ne abbiamo mai abbastanza! Il lavoro di squadra è la chiave per la riuscita di ogni iniziativa!», conclude Rosario. Le sue parole commuovono anche noi che non possiamo esimerci dall’intonare lo slogan di questi formidabili attivisti del cambiamento ripetendo a gran voce: «Noi piantiamo alberi!».

Fonte: https://www.italiachecambia.org/2020/07/piantiamo-alberi-rete-attivisti-litorale-laziale/?utm_source=newsletter&utm_medium=email

Boschi al macello: è saccheggio totale

Il mondo vegetale sta vivendo una fase di saccheggio totale, in Italia, in Europa e nel mondo. E chi sa che solo in Italia il 45% delle erosioni è dovuto proprio al taglio dei boschi? Eppure non solo non si fanno nulla per arginare il fenomeno, ma si permette alle cose di peggiorare.

Mentre il pianeta collassa per i cambiamenti climatici e una parte dell’umanità si mobilità per cercare di fermare, o se non altro rallentare, questo fenomeno umano, appare al contrario come lo sfruttamento economico sulle risorse naturali non conosca freni nè frontiere. A farne le spese sono proprio i nostri salvatori, gli organismi che per eccellenza offrono una delle soluzioni più rapide ed indolori ai cambiamenti climatici: gli alberi.

Il mondo vegetale sta vivendo una fase di saccheggio totale, le foreste sono bruciate dall’America Latina all’Africa per creare coltivazioni intensive di proprietà delle multinazionali, i cui prodotti sono poi consumati senza alcun ritegno o rimorso proprio da noi consumatori. In Russia e Canada grandi distese di foreste sono trasformate in carta e legna da ardere, le miniere radono al suolo colline e pianure. Lo sviluppo urbanistico sostituisce alle foreste dell’Asia palazzi, strade, parcheggi e centri commerciali ma anche in Europa si aprono sempre più vasti fronti di disboscamento, dalla Polonia ai Balcani dalla Germania alla Francia migliaia di tronchi crollano sotto i colpi mortali di motoseghe ed escavatori. Le foreste sono tra i principali serbatoi di carbonio del pianeta. Esse immagazzinano circa 289 gigatonnellate (Gt) di carbonio negli alberi e nella vegetazione. Il carbonio immagazzinato nella biomassa forestale, nel legno secco, nello strame messi insieme è maggiore di tutto il carbonio nell’atmosfera.  A livello globale, lo stock di carbonio nella biomassa forestale si stima che tra il 2000 ed il 2010 sia diminuito di circa 0.5 GT all’anno, principalmente a causa della riduzione del totale della superficie forestale (fonte FAO). In Italia viene sbandierato l’aumento della superficie boscata, con dichiarazioni di politici e amministratori che si dicono pronti a voler recuperare la superficie un tempo coltivata strizzando l’occhio alle agroindustrie e agli speculatore del legname, mentre dispensano sorrisi forzati e abbracci falsi per i movimenti ambientalisti che ora iniziano a far sentire la loro voce. Il fatto è che in gran parte del nostro territorio nazionale i boschi e le foreste sono visti e utilizzati quasi esclusivamente come risorsa economica. Se è vero che la superficie boscata è aumentata nel corso degli anni, è altrettanto vero che la qualità di tali ambienti lascia a desiderare. Ovunque, su Prealpi ed Appennini si praticano tagli cedui utilizzando macchinari enormi. Proprio recentemente è apparsa la reclame di una di queste mostruosità distruggi-vita che non lasciano in piedi un arbusto, alterano il suolo in modo devastante (occorrono parecchi decenni per rigenerare un solo compromesso dal passaggio di alcuni di questi mega trattori) riempiono l’aria di gas serra e procedono con velocità sempre maggiori nello sterminio della vegetazione. Il taglio ceduo poi lascia dietro di sé pochi e stenti alberi, leggi permissive e scarso controllo contribuiscono a produrre il resto del danno.

Fianchi interi di colline nel Chianti e nel Mugello, dalle Langhe alla Liguria sono compromessi, nessun castagno, quercia, carpino è al sicuro. Mentre la Regione Toscana dichiara l’emergenza climatica, fiumi rigogliosi di vegetazione riparia sono trasformati in deserti, leccete secolari e perfino territori demaniali protetti sono trasformati in biomasse che alimentano le tanto sdoganate centrali, che per funzionare divorano migliaia di metri cubi di legna in tutta la regione. in Italia i boschi che vengono sottoposti a tagli cedui sono il 43% del totale ma se guardiamo esclusivamente ai boschi di latifoglie, ovvero tutti i boschi tranne quelli di conifere il taglio ceduo è operato sul 70% della superficie. Si tratta di un dato apocalittico e basta pensare che dagli studi emerge come il 45% delle erosioni nel nostro paese è dovuto al taglio del bosco. Tutto ciò si traduce in due semplici parole: dissesto idrogeologico. Ovvero la possibilità concreta di alluvioni, smottamenti e frane. È curioso constatare che gli stessi tecnici e politici che spingono verso un maggiore sfruttamento boschivo, sono gli stessi che chiedono più soldi per opere di contrasto al dissesto idrogeologico e che spingono alla cementificazione e all’artificializzazione dei corsi d’acqua e dei versanti. Gli alberi che comunicano tra loro usando i funghi come ponte, gli alberi che sorreggono il suolo del nostre montagne e le sponde dei nostri fiumi, gli alberi che abbassano anche di 6°C la temperatura delle città durante l’estate, gli alberi che danno rifugio a centinaia di specie diverse, dagli insetti agli uccelli passando per rettili e mammiferi, gli alberi antichi che hanno vissuto dal tempo dei dei crociati potrebbero non sopravvivere ai crociati moderni, i predoni delle agromafie, delle multinazionali (che poi sono la stessa cosa). Le foreste potrebbero sparire a causa di scaltri o incompetenti politici per finire in qualche centrale elettrica a biomasse, nel pellet e nella legna delle pizzerie, nei camini. Per formare tutto questo ognuno di noi ha voce in capitolo, piantare nuovi alberi è un azione straordinaria di amore verso la natura e di rispetto per le generazioni future ma non basta. Infatti è necessario prima di tutto ed immediatamente fermare il disboscamento e la deforestazione. Se non se non agiremo in tal senso sarà come curare un raffreddore camminando in costume da bagno nella neve, ma convinti che una tisana calda sistemerà il malanno. Gli alberi sono vittime nel nostro presente, gli alberi e le foreste dovranno essere i protagonisti del nostro futuro.

Fonte: ilcambiamento.it

India: piantare 2miliardi di alberi per combattere disoccupazione e inquinamento

induia

Piantare più alberi per risolvere il problema della disoccupazione giovanile e migliorare la qualità dell’aria. È questa la soluzione proposta dal Ministero dello Sviluppo rurale indiano. Due miliardi di alberi lungo l’autostrada nazionale, stimano i funzionari, garantirebbero circa 300mila nuovi posti di lavoro da distribuire tra i giovani disoccupati presenti nel Paese. Non solo, due miliardi di alberi potrebbero contribuire a migliorare drasticamente la qualità dell’aria di una cittàNuova Delhi, che risulta essere tra le più inquinate al mondo. L’India, come del resto altri grandi Paesi asiatici, tende ad avere grossi problemi di inquinamento. Gli alberi potrebbero essere una risposta concreta. Secondo un recente studio condotto nel Regno Unito, infatti, le foglie degli alberi sarebbero in grado di catturare una notevole quantità di polveri sottili. Per accertarsene, gli scienziati hanno misurato la quantità di inquinamento atmosferico presente nei pressi di un centro abitato di Lancaster, attraverso l’uso di dispositivi di monitoraggio di polveri sottili e particolari tecniche di analisi delle informazioni. Dopo aver collocato di fronte a quattro case una sorta di “schermo” formato da 30 giovani alberi di betulle, disposti in fioriere di legno, i ricercatori hanno analizzato nuovamente i dati della qualità dell’aria dopo appena 13 giorni. Dalle analisi è risultato che, di fronte a tutte e quattro le case, la concentrazione di particelle di metalli era diminuita in una percentuale compresa tra il 52 e il 65%. Nello specifico, PM1, PM 2.5 e PM 10 erano ridotti del 50%. Esaminando poi le betulle al microscopio, i ricercatori hanno confermato che le superfici pelose delle foglie avevano intrappolato le particelle inquinanti, derivanti molto probabilmente dalla combustione o dall’usura dei freni dei veicoli di passaggio sulle strade adiacenti le abitazioni. Il Ministero dello Sviluppo rurale dell’India ha anche sottolineato la necessità della raccolta e conservazione dell’acqua affermando, in particolare, che se il 15% dell’acqua piovana venisse utilizzato, si potrebbe evitare la problematica inerente all’inefficienza delle risorse idriche, alimentando la gente e irrigando il terreno agricolo. Sembra che questo progetto vada ad aggiungersi a una serie di iniziative intraprese dal Paese per sviluppare la propria economia e ridurre l’impatto ambientale. L’India sta infatti investendo anche in energia solare e ha inoltre annunciato di voler stanziare più fondi per progetti sostenibili, raddoppiando la tassa sul carbone. Si era assistito a un’iniziativa simile a quella prospettata di piantare 2miliardi di alberi nelle strade del Paese, già l’anno scorso. Il progetto, arricchito di connotati molto più sociali e simbolici, aveva l’obiettivo di portare l’opinione pubblica a una maggiore considerazione della donna e delle nascite femminili. Allora, si era deciso di piantare 111 alberi nel villaggio Piplantri, per celebrare la nascita di una bambina. La speranza è che accanto a questi progetti sostenibili ne possano nascere molti altri, votati a sensibilizzare l’opinione pubblica di una nazione spesso devastata da episodi di violenza contro le donne.

(Foto: media.canada.com)

Fonte: ambientebio.it/