Al Gore mette in guardia la finanza dalla bolla del carbonio

Secondo l’ex vicepresidente USA, non è possibile attendere gli accordi internazionali, ma gli investitori devono iniziare a individuare i “rischi da carbonio” nei loro portafogli, spostando il denaro dai fondi fossili ad alternative più sostenibiliAl-Gore-586x385

L’ex vicepresidente USA Al Gore, noto per il suo impegno per la lotta ai cambiamenti climatici, ha messo in guardia il mondo della finanza dal rischio estremamente reale delle scoppio della bolla del carbonio, già messo in luce in un rapporto curato da Lord Nicholas Stern. Due terzi delle riserve di carbonio nel sottosuolo sono di fatto non bruciabili (unburnable) se si intende mantenere gli aumenti di temperatura nell’ambito dei due gradi. La manifestazione progressiva dei pericoli legati al cambiamento climatico porterà a maggiori regolamentazioni sulle emissioni ed ad una carbon tax; tutti i fondi di investimento legati alle fonti fossili saranno a rischio proprio a causa della necessità di dare vita a un’economia low carbon. Non si tratta solo di speculazioni, perchè parte del mondo della finanza si sta muovendo in questo senso e lo stesso Al Gore ha fondato la Generation Investment Management insieme con David Bloom, ex CEO di Goldman-Sachs, per introdurre criteri di sostenibilità negli investimenti finanziari. Conflitto di interessi? E’ possibile che sia così; tuttavia per il bene del pianeta forse non è il caso di essere troppo schizzinosi se il risultato potrebbe essere una finanza meno rapace e più sostenibile. Gore e Bloom sostengono che non c’è tempo di aspettare nuovi accordi internazionali, per cui gli investitori dovrebbero identificare e rendere pubblici i “rischi da carbonio” nei loro portafogli, per arrivare a diversificare gli investimenti privilegiando le opzioni a basso carbonio come le fonti energetiche rinnovabili e i veicoli elettrici e dismettendo il proprio denaro dai fondi legati alle compagnie petrolifere per cercare soluzioni a più basso carbonio. Queste scelte certo non miglioreranno oggi la vita delle persone più svantaggiate su questo pianeta, ma almeno avranno il coraggio di iniziare a cambiare direzione prima che sia troppo tardi.

Fonte: ecoblog

Nicholas Stern: abbiamo un budget di carbonio limitato e ne abbiamo speso già metà

Per mantenere gli aumenti di temperatura entro i 2°C e dare una chance all’umanità futura, il budget cumulativo di carbonio che possiamo immettere in atmosfera è pari a circa 780 miliardi di tonnellate, ma oltre metà, pari a 420 miliardi tonnellate lo abbiamo già speso. Dobbiamo spendere in modo saggio la metà rimanente e non eccedere, ci dice Nichola SternIPCC-previsioni-emissioni-temperatura-586x459

Ben più importante dei budget economici e finanziari è il budget di carbonio spendibile dall’umanità. Se i primi sono infatti legati a convenzioni sociali che riflettono rapporti di potere tra individui e gruppi, il secondo è basato sull’evidenza fisica che l’inquinamento da CO2 altererà in modo irreversibile il clima terrestre. Lo sottolinea l’economista, Lord Nicholas Stern, che già nel 2006 aveva pubblicato un celebre rapporto in cui stimava che l’effetto serra ci sarebbe costato più di due guerre mondiali. Mentre un demenziale ministro conservatore arriva ad affermare che il global warming potrebbe fare bene all’economia inglese, il più brillante economista ambientale europeo evidenzia il fatto che, per restare entro i 2°C di aumento a fine secolo, l’umanità ha un budget di carbonio limitato e che ai ritmi attuali potremmo esaurire nell’arco di 15-25 anni. Questa valutazione mi sembra eccessivamente ottimistica, visto che secondo l’IPCC il budget di carbonio relativo ai 2°C è pari a circa 780 miliardi di tonnellate  (Gt, vedi il grafico in alto (1)). Poiché tra il 1870 e oggi abbiamo già speso oltre la metà di questa cifra, cioè 420 Gt, ne rimangono solo 360 Gt, ovvero poco più di 50 t per ogni abitante del pianeta (2). Ai ritmi di emissione attuale (9,4 Gt) esauriremmo questo budget in 5 anni e 4 mesi. Si tratta in ogni caso di un orizzonte temporale molto breve, per cui secondo Stern  i colloqui per la riduzione delle emissioni devono iniziare subito per arrivare ad un accordo chiaro e vincolante entro la conferenza di Parigi del 2015. C’è invece chi, come il climatologo Ken Caldeira, è molto critico verso la nozione di budget del carbonio, perché afferma che veicolerebbe l’idea che ci sono emissioni di CO2 permesse, mentre le emissioni sono sempre dannose e pericolose.

(1) I quattro scenari considerati dall’IPCC sono noti come Representative Concentration Pathways (RCP) e prendono il loro nome dal valore in W/m² del forcing radiativo a fine secolo: 2,6 – 4,5- 6,0- 8,5, corrispondenti a concentrazioni atmosferiche di 440-560-740 e 1240 ppm. Come si può vedere dal grafico in alto, corrispondono a budget di carbonio pari a 776, 1226, 1417 3 2979 Gt. La scala x in basso riguarda le emissioni cumulative di carbonio, quella in alto le emissioni di CO2 che sono ovviamente proporzionali alle prime secondo il fattore 44/12=3,667,  sulla base delle masse molecolari.

(2)  L’intervallo di confidenza del budget di carbonio per l’RCP 2,6 è pari a 600-1000 Gt, di cui 180-580 Gt ancora spendibili, ovvero da 25 a 80 t pro capite.

Fonte: ecoblog

NICHOLAS STERN: GLOBAL WARMING, MI SONO SBAGLIATO

……. è molto, molto peggio

Nicholas-Stern-586x496

 

Nel 2006 Sir Nicholas Stern, economista ambientale alla London School of Economics, presentò un ormai celebre rapporto sui cambiamenti climatici commissionato dal governo britannico. La conclusione del rapporto non lasciava adito a dubbi: i benefici di un’azione energica e immediata per limitare e mitigare il global warming superano di gran lunga il costo economico del non agire. Le raccomandazioni di Stern non furono prese in considerazione dall’allora governo Blair-Brown e men che meno oggi dal governo “ultrafossile” di Cameron. In margine ai lavori del Word Economic Forum di Davos, Stern ritorna sull’argomento con polemica e rammarico. Riconosce di avere sottostimato i rischi posti dal global warming e di non essere stato abbastanza netto nel delineare la minaccia posta dal clima: oceani ed ecosistemi assorbono meno carbonio del previsto e le emissioni aumentano, per cui stiamo viaggiando abbastanza spediti verso i 4-5 °C di aumento a fine secolo. Vogliamo giocare alla roulette russa con uno o due proiettili? Si chiede Stern. Alcuni stati, tra cui la Cina, hanno iniziato a comprendere la serietà dei rischi, ma i governi devono agire con forza per spostare le economie verso tecnologie a minore intensità energetica e più sostenibili per l’ambiente. Gli ha fatto eco il neo-presidente della Banca Mondiale Jim Yong Kim affermando che combattere i cambiamenti climatici sarà una priorità del suo mandato, visto che in un mondo con quattro gradi in più ci saranno terribili conflitti per l’uso delle risorse naturali. Occorre creare eliminare i sussidi all’industria fossile e rendere “verdi” le 100 mega-città del pianeta, che sono responsabili del 60-70% delle emissioni. Secondo Kim “occorre trovare strade amichevoli per il clima (climate-friendly) per incoraggiare la crescita economica. La buona notizia è che queste strade esistono”.

Cambierà qualcosa nel mondo degli affari e degli economisti?

Fonte: ecoblog