Pronti a rivedere il Codice della Strada con maggiore attenzione ai ciclisti

Al MIT Ministero per le infrastrutture e trasporti sono pronti a rivedere il Codice della strada in favore di ciclisti e pedoni dopo il boom di vendite di biciclette del 2012179564740-594x350

Ha detto il Sottosegretario al MIT Erasmo D’Angelis, stamane durante la conferenza stampa di presentazione dei dati sulla sicurezza stradale per i ciclisti:

Il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti è pertanto pronto a rivedere il Codice della Strada, con un’attenzione particolare per pedoni e Ciclisti.

Alla conferenza stampa oltre al Sottosegretario D’Angelis erano presenti il Direttore Generale per la Sicurezza Stradale Sergio Dondolini, l’assessore alla Mobilità del Comune di Firenze Filippo Bonaccorsi, il responsabile nazionale sicurezza di Fiab (Federazione Italiana Amici della Bicicletta) Edoardo Galatola, Paolo Pinzuti di Salva i Ciclisti e Alberto Fiorillo di Rete Mobilità Nuova – Legambiente a pochi giorni dai Mondiali di Ciclismo che si terranno in Toscana e a cui il MIT prenderà parte con iniziative dedicate proprio alla sicurezza dei ciclisti.

Sia nel 2011 e sia nel 2012 sono state vendite più biciclette: 1.748.000 contro la vendita di 1.450.000 di auto e i ciclisti rappresentano il 9% delle persone che si muovono in strada.

Ha detto de Angelis:

La voglia di mobilità nuova va sostenuta e incentivata. Spesso guardiamo al Nord Europa per trovare buone pratiche nel settore della mobilità ciclabile, ma in realtà il nostro Paese già propone molti esempi da copiare, come Bolzano, Reggio Emilia, Ferrara, città nelle quali un abitante su tre già oggi usa la bicicletta.

Fonte:  Siciliaway

Obama nomina il direttore del MIT a segretario per l’Energia Usa

moniz-586x421

 

Barack Obama ha nominato il nuovo segretario per l’energia ovvero Ernest Moniz (in alto nella foto) 69 anni che arriva dal MIT. La nomina arriva dopo le dimissioni del nobel Steven Chu. Il curriculum di Moniz è spaventoso: Cecil and Ida Green Professor of Physics and Engineering Systems al MIT, direttore del MIT Energy Initiative (MITEI) e del Laboratory for Energy and the Environment. L’obiettivo di Obama è stato mettere l’uomo giusto a posto giusto per dare un positivo segnale del suo impegno alla lotta ai cambiamenti climatici. Tutto bene? Macché! Gli ambientalisti americani sono davvero arrabbiati per questa nomina perché Moniz sostiene il fracking, ossia la fratturazione idraulica per l’estrazione di gas di scisto, una delle attività più inquinanti e devastanti per l’ambiente. Moniz è un fisico nucleare e docente al MIT e direttore della Energy Initiative. Ha già lavorato a come sottosegretario all’Energia sotto cambiamenti climaticila presidenza di Bill Clinton. Ha pubblicamente sostenuto il gas naturale come combustibile di transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio nel futuro e ha sostenuto che è la fonte più conveniente in materia di energia rinnovabile. Spiega Mitch Jones program director del Food and Water Watch:

La nomina di Moniz è da vedere come una contraddizione a quel discorso tenuto da Obama in cui si impegnata a sostenere una efficace lotta ai cambiamenti climatici.

Anche Phil Radford direttore esecutivo di Greenpeace Usa commenta:

Moniz conosce i combustibili fossili e l’energia nucleare, che è vecchia energia. E al tempo stesso non si allinea con la promessa del presidente di portare il paese in avanti. E ‘una strana scelta quella appena fatta dal presidente per combattere il riscaldamento globale.

Fonte: Energy manager Today, The Daily Beast