Studenti e cittadini valorizzano il quartiere con l’economia circolare

Cultura ed economia circolare si incontrano a Mirafiori all’interno del progetto “Mirafiori Cultura in Circolo” che per tutto l’anno coinvolgerà studenti e cittadini del quartiere in processi artistici volti a sperimentare pratiche di sostenibilità che coinvolgono la comunità locale con lo scopo di migliorare la qualità della vita nel quartiere. A Torino c’è un quartiere che si sta facendo portatore di un messaggio di sostenibilità e di un insegnamento da diffondere per promuovere una cultura condivisa all’insegna della circolarità. Siamo a Mirafiori sud e qui l’Istituto Primo Levi, vincitore del bando “Cultura Futuro Urbano” del MiBACT, ha avviato il progetto “Mirafiori Cultura in Circolo”, trasformandosi in un punto di riferimento per il quartiere sui temi del riuso, del riciclo e dell’economia circolare. Gli obiettivi del progetto sono da una parte promuovere la cultura per favorire il benessere e migliorare la qualità della vita degli abitanti di Mirafiori Sud, puntando sulla partecipazione dei cittadini e sul coinvolgimento di persone con un bagaglio culturale differente. Dall’altra si tratta di valorizzare la storia e la vocazione dell’Istituto Primo Levi offrendosi al territorio come possibile presidio culturale, istituzionale e sociale destinando i propri spazi al quartiere e avviando collaborazioni con diversi attori sul territorio.

https://www.italiachecambia.org/wp-content/uploads/2020/01/Mirafiori-Cultura-in-Circolo1-2-1024x681.jpg

E in questo percorso studenti e cittadini saranno accompagnati dai veri protagonisti dell’economia circolare: l’associazione Offgrid Italia, la Cooperativa Triciclo, Mercato Circolare e il Dipartimento di Architettura e Design del Politecnico di Torino, ovvero realtà che in diversi modi, risvegliando le coscienze, si impegnano quotidianamente nella diffusione di buone pratiche per ridurre gli impatti ambientali e mettere in atto la sostenibilità nella nostra società. Il percorso si svilupperà attraverso diversi laboratori durante il corso dell’anno, i quali affronteranno in chiave circolare i temi del cibo, della musica, della danza, dell’edilizia e del digital storytelling. L’obiettivo è aprire una riflessione condivisa sul valorizzare ciò che fino a ieri era considerato rifiuto, per estendere il valore dei beni lungo tutto il ciclo di vita e per promuovere il principio dell’uso in contrapposizione a quello di possesso. In questi giorni il progetto si è aperto al quartiere e proponendo lo spettacolo teatrale “Blue Revolution – L’economia ai tempi dell’usa e getta” di Pop Economix con Alberto Pagliarino, che percorre gli ultimi tre secoli per mostrare come il nostro mondo sia vicino al collasso e ci sia bisogno di una nuova alleanza tra l’uomo e l’ambiente per salvarlo.

Come riportato sul comunicato stampa dell’iniziativa, i laboratori che coinvolgeranno studenti e cittadini saranno:

L’Uovo di Colombo Lab

Con L’Uovo di Colombo Lab, a partire dal 24 gennaio, si sperimenteranno i temi dell’eccedenza alimentare e del suo recupero attraverso un approccio di food design grazie alla collaborazione con il Dipartimento di Architettura e Design del Politecnico di Torino. Il cibo di scarto verrà trasformato in nuovi prodotti di consumo nel corso di un ciclo di workshop che si svolgeranno presso i locali della scuola e che coinvolgeranno i cittadini di Mirafiori.

Edilizia Circolare Lab

A cura di OffGrid Italia, “Edilizia Circolare Lab” offre agli studenti un’esperienza di economia circolare: si partirà dall’ideazione di un progetto che valorizzi e crei nuove funzionalità nella scuola alla sua realizzazione pratica. Il tutto coinvolgendo la comunità locale nel reperimento dei materiali di recupero e nell’auto-costruzione. Il primo dei quattro progetti di Edilizia Circolare avrà luogo il 29 gennaio ed ogni progetto vedrà cittadini e studenti lavorare insieme per riqualificare e rigenerare un diverso spazio della scuola.

Balla con Noi 2.0

Balla con Noi 2.0, cura di “Balletto Teatro Torino” partirà il 3 febbraio per diffondere la danza nei suoi molteplici aspetti attraverso corsi di danza aperti a tutti.

https://www.italiachecambia.org/wp-content/uploads/2020/01/Mirafiori-Cultura-in-Circolo-1024x681.jpg

Digital Lab

Durante il progetto, a cura di Mercato Circolare, studenti e cittadini di Mirafiori sperimenteranno insieme l’utilizzo di diversi strumenti multimediali. Il laboratorio partirà il 12 febbraio e fornirà le competenze per strutturare e gestire una strategia social e, attraverso l’utilizzo di foto e video, costruire una narrazione multimediale dell’intero percorso.

Home Music Lab

Il progetto, avviato dalla Cooperativa Triciclo, unisce le capacità di aggregazione e di coinvolgimento della musica ai temi del recupero e del riuso. Si esplorerà il mondo degli oggetti di casa e dei suoni dei diversi materiali attraverso l’esercitazione dell’“orecchio specializzato” che permette di sviluppare le innate attitudini musicali dei bambini e la concretezza dell’agire inventando gli strumenti.

Fonte: https://www.italiachecambia.org/2020/01/studenti-cittadini-valorizzano-quartiere-economia-circolare/?utm_source=newsletter&utm_medium=email

Torino, sabato 4 febbraio a Mirafiori la ‘Festa delle 5 ERRE’

386884_1

Nell’ambito del progetto Mirafiori Social Green, il 4 febbraio nella Casa nel Parco di Mirafiori si tiene una festa dedicata al tema del riuso, del riciclo, della riparazione, del risparmio e della riduzione dei rifiuti. Nell’ambito del progetto Mirafiori Social Green, Cooperativa VOV102 e Associazione ENZO B, in collaborazione con Contiamoci.com – Buone pratiche che contano, hanno ideato una giornata dedicata alla sostenibilità ambientale attraverso una festa delle 5R, dove ogni R sta per Riuso, Riduzione, Riparazione, Riciclo e Risparmio. L’obiettivo è quello di riunire in un pomeriggio tante voci accomunate dallo stesso interesse verso uno stile di vita rispettoso dell’ambiente, che valorizza l’esistente e che promuove l’importanza del riciclo. La festa si tiene il 4 Febbraio alla Casa nel Parco di Via Panetti 1 a Torino, grazie al contributo della Fondazione di Comunità Mirafiori ed è ad ingresso gratuito. Un pomeriggio in cui cittadini, associazioni e professionisti raccontano la propria esperienza, buoni esempi e buone pratiche attraverso “pillole” informative e laboratori pratici.

Ecco il programma del pomeriggio

Ore 15:00 – 18:00  Postazioni per fare

Restart PartyA cura di Restarters Torino

Porta dispositivi e piccoli elettrodomestici rotti o vecchi computer da riattivare. Tecnici volontari li aggiusteranno e ti insegneranno come evitare di trasformarli in rifiuti.

Ciclo_officina PopolareA cura di Casa nel Parco

Porta la tua bicicletta da riparare. Tecnici volontari ti aiuteranno a rifarla partire.

Mercatino di scambio dell’usatoA cura di Usato&Donato Torino

Porta abiti, accessori e oggetti domestici usati ma utilizzabili che non ti servono più e scambiali con altri che ti possono servire.

Riciclo creativoA cura di Artefizio.Lab e Atefra.

Porta lattine vuote e vecchi collant di naylon da donna e bambino da trasformare in oggetti artistici e decorativi.

Testimoni di Buone PraticheA cura di, Triciclo, Officine Creative Torino presso Hub Cecchi Point, Ecoborgo Campidoglio, Comitato Mirafiori Borgata

Ore 16:30 Workshop

Conoscere e praticareA cura di Contiamoci.com

Un percorso teorico in cui scoprire buone pratiche e semplici azioni, per ridurre lo spreco e risparmiare. E pratico: autoproduciamo insieme semplici detersivi per la pulizia della casa.

ORE 18:00 Buffet sostenibile

AperitivoA cura di Coop. Sociale Patchanka

Realizzato con la collaborazione dei commercianti locali e la donazione di eccedenze e invenduto.

ORE 18:45 Racconto per immagini e parole

“Plastiche, rotta di collisione”A cura di PopEconomix.

Un viaggio verso il mitico Passaggio a Nord Ovest per mappare la plastica che uccide gli oceani. Racconto – per immagini e voce – del giornalista Franco Borgogno, ambasciatore in Italia di 5gyres.org, progetto che combatte l’inquinamento da plastiche attraverso l’educazione, la scienza e l’attivismo.

Fonte: ecodallecitta.it

Torino, la circoscrizione 10 promuove il bando per l’assegnazione di 82 orti urbani

La circoscrizione 10 Mirafiori Sud promuove il l’assegnazione di 82 orti urbani collocati in strada Castello di Mirafiori – Parco Sangone. Le domande dovranno pervenire presso lo sportelloPIù dal 29 settembre al 20 ottobre 2014380373

Via libera al bando promosso dalla circoscrizione 10 di Mirafiori per l’assegnazione di 82 orti urbani ai cittadini di Torino.  Valorizzare gli spazi sottraendoli al degrado e riconvertirle in aree a “destinazione agricola”, sostenere la socialità e avvicinare i più giovani ad attività agricole, tutelare l’ambiente e migliorare la qualità urbanistiche dei luoghi: questi alcuni degli obiettivi che il comune di Torino si pone con il progetto “Torino città da coltivare”.
Per partecipare al bando puoi consultare il sito del comune di Torino

Ecco i requisiti per l’ammissione al bando:

– Residenza nel Comune di Torino

– Maggiore età alla data di scadenza del bando

– Non essere stati revocati dall’assegnazione del precedente bando

criteri sulla base dei quali verranno assegnati gli orti sociali sono:

– Reddito familiare (certificazione rilasciata da CAF abilitati che darà un punteggio massimo 40)

– Età (per un punteggio massimo di 25 punti)

– Essere ex assegnatari a cui è stato sottratto l’orto per motivi di pubblica utilità (per un punteggio di massimo 15 punti)
– Aver partecipato alla graduatoria precedente ed essere stati diffidati (per un punteggio massimo di 10 punti)

Ai fini della graduatoria, in caso di parità di punteggio fra i richiedenti, si utilizzeranno le seguenti regole di preferenza:

– Maggiore vicinanza come residenza o come luogo di lavoro all’orto

– Partecipanti non assegnatari  al precedente bando benché provvisti di requisiti

– Anzianità di residenza nella Circoscrizione

– Anzianità di residenza nella Città di Torino

Nel caso del permanere di ex aequo, si procederà a sorteggio.

Il bando e i moduli per la compilazione delle domande di assegnazione degli orti sono disponibili presso lo SportelloPIU’ di Strada Comunale di Mirafiori 7, i Servizi Sociali di via Farinelli 40/1, il Centro di incontro di Via Negarville 8/3, il Centro di incontro di Via Plava 66 e la Biblioteca Cesare Pavese di Via Candiolo 79 oppure al sito internet della Circoscrizione 10. Le domande dovranno pervenire presso lo SportelloPIU’ della Circoscrizione 10 di strada Comunale di Mirafiori 7 dal 29 settembre 2014 al 20 ottobre 2014, con orario nelle giornate dal lunedì al giovedì dalle ore 09.30 alle ore 16.00 e nella giornata di venerdì dalle 09.30 alle 12.30

 

Bando di partecipazione [0,02 MB]

 

Modulo di domanda per orti urbani [0,10 MB]

 

Fonte: ecodallecitta.it