Dal 20 luglio a Torino si sale in bici sulla metro, l’annuncio dell’assessore Lubatti

Si tratta di un’anticipazione che l’assessore ai Trasporti del comune di Torino, Claudio Lubatti, ha fatto tramite twitter. La sperimentazione partirà a fine luglio e durerà sino al 30 novembre ma sarà possibile trasportare le bici in metropolitana solo la domenica mattina379811

“Dal 20 luglio 2014 le biciclette entrano in metropolitana! Parte la sperimentazione, a breve i dettagli!” L’assessore ai trasporti del comune di Torino, Claudio Lubatti, affida a twitter l’annuncio che a breve si potrà salire in metropolitana con la propria bicicletta. Poche parole che non forniscono elementi concreti sulla novità all’orizzonte, se non due piccole informazioni: la prima è la data, il 20 luglio, una domenica, la seconda è che si tratterà di una “sperimentazione”. In realtà qualche indiscrezione è filtrata. La fase di sperimentazione dovrebbe durare fino al 30 novembre e dovrebbe essere molto vincolante: si potrà viaggiare con la bicicletta solo la domenica mattina dalle 8 alle 14. Si potranno portare fino a quattro biciclette su ogni treno in una carrozza deputata ed il costo aggiuntivo rispetto al biglietto sarà di 50 centesimi. Dalle parti di Palazzo Civico si parlava della novità in arrivo dall’assessorato ai trasporti già da qualche giorno e alcuni ben informati riferiscono che Lubatti avesse messo le mani avanti. Avrebbe infatti chiesto alle associazioni dei ciclisti urbani della città di collaborare per gestire la novità in arrivo, probabilmente per paura che alcuni cittadini e cittadine possano essere in qualche modo intimoriti dall’idea di dover condividere gli spazi con le due ruote. Cosa che comunque nella altre città italiane dotate di metropolitana accade da tempo. Oltre a Milano, come detto, anche a Roma si può salire in metro con la bici. Per adesso è possibile farlo sulla linea A e B solo dopo le 20.00, ma secondo quanto anticipato dal sindaco della Capitale, Ignazio Marino, lo scorso giugno, da agosto dovrebbe essere consentita anche una seconda finestra temporale dalle 10.00 alle 12.00.
A Napoli la situazione è simile, ovvero è possibile caricare le bici sulla metro solo nella fascia oraria mattutina fino alle 7.00 ed in quella serale dopo le 20.00.

Fonte: ecodallecittà.it

Bici in Metro Roma e Milano: posso portare la bicicletta in metropolitana?

Ci hanno scritto in molti chiedendoci se fosse possibile portare la bicicletta in metropolitana, ideale per chi ad esempio non vive vicinissimo alla metropolitana oppure lavora in una sede lontana a piedi dalla stazione stessa della metro, a me è capitato solo occasionalmente ad esempio perchè sorpreso dalla pioggia sul lavoro.5246169557_a7f7eba017_z-e1366460607324-400x250

Ci siamo documentati ad esempio sulla possibilità di portare la bici in metro a Milano e la bici in metro a Roma, la soluzione che appare più versatile è quella di dotarsi di una bici pieghevole per cui non ci sono vincoli di orario ed è inoltre gratuito, andiamo comunque nei dettagli di seguito.

Milano le regole sono le seguenti

  • le bici “standard” possono essere trasportate nei giorni feriali e solo dalle 20 in avanti, mentre tutto il giorno il Sabato ed i festivi ed in generale il trasporto è gratuito.
  • nel mese di Agosto è sempre consentito trasportare le bici in metro, invece mai a Dicembre.
  • se avete una bici pieghevole non c’è vincolo di orari
  • A Milano non si possono usare scale mobili, solo scale fisse ma invece ok gli ascensori.
  • dovete utilizzare per ciascun treno solo il secondo ed il quinto vagone, che hanno il simbolo definito ma c’è una massimo di 4 biciclette per vagone.

Roma le regole per poter portare le bici sono pressochè analoghe, sia sulla linea A che B:

  • è possibile portare la bici in metro  nei giorni feriali dopo le 20.00 e il sabato e nei giorni festivi per tutta la durata del servizio.
  • è obbligatorio che saliate sulla prima carrozza della metro, potete anche portare biciclette elettriche a pedalata assistita, ma non quelle che abbiano batterie al piombo
  • se possedete una bicicletta pieghevole non c’è invece alcun vincolo sugli orari e non dovete pagare nulla
  • Se invece avete una bici normale, il costo è quello del biglietto standard per ciascuna bicicletta, ma se siete abbonati Metrebus potete portare la bici gratuitamente.7129257529_f3445d2876_z-250x283

Bici in treno a Londra

Di certo l’accoppiata bici+metro è un’ottima soluzione per una mobilità urbana sempre più sostenibile, mi auguro che si diffonda sempre di più anche in Italia questo fenomeno che in città come Londra o Berlino sta davvero spopolando.

Fonte: tuttogreen.it

Magnalonga a Roma per un città a prova di bici

Il 18 maggio arriva a Roma la 5° edizione della Magnalonga: tra bici, prodotti tipici locali e assaggi biologici, la città rilancia il tema dell’intermobilità urbana e di una mobilità più sostenibile374941

La città si può vivere anche in bicicletta: con questa convinzione parte il 18 maggio a Roma la 5° edizione della Magnalonga, l’evento promosso dal circolo Legambiente Mondi Possibili e l’associazione sociale Tavola Rotonda in collaborazione con Fiab Roma NaturAmici. Nata nel 2009 con l’obiettivo di promuovere la mobilità dolce lungo le vie e i parchi romani, la Magnalonga è diventata negli anni un appuntamento sempre più atteso e partecipato. La particolarità dell’iniziativa è il connubio tra la passeggiata cittadina su due ruote e la possibilità, lungo il tragitto, di assaporare prodotti tipici locali e provenienti da agricoltura biologica. Il percorso di 25-30 km all’interno della città è infatti diviso in 5 tappe durante le quali, sostando in aree prestabilite, vengono offerte degustazioni messe a disposizione da produttori e da associazioni che danno il proprio supporto. E per raggiungere la tappa e il punto di raccolta successivo, basta montare in bici e pedalare con altri centinaia di ciclisti tra le caotiche vie di Roma. L’ultima tappa coincide con la festa durante la quale i ciclisti urbani potranno riposarsi e festeggiare con giochi e musica. Tra i temi al centro di questa edizione ci sarà l’intermodalità urbana, ovvero la possibilità di integrare la bicicletta ai mezzi pubblici, quali treni o autobus, ma anche mezzi di bike e car sharing, l’unica vera alternativa per una città più sostenibile.
Per informazioni sul percorso e per iscriversi in lista di attesa visitate il sito www.magnalonga.net

Fonte: eco dalle città