Fattorie verticali negli USA, verdure fresche dalle fabbriche in disuso

L’esperienza delle vertical farms è un buon modo di riutilizzare gli spazi industriali dismessi, ma gli elevati costi energetici probabilmente ne limiteranno la diffusioneFattoria-verticale

L’idea delle colture idroponiche era abbastanza comune nella fantascienza del XX secolo, ma ora inizia a diffondersi anche nel mondo reale attraverso l’esperienza delle vertical farms,fattorie verticali urbane, adatte a colonizzare spazi industriali in disuso. Negli USA aprirà a breve la seconda i queste farms in Pennsylvania, seguendo l’esperienza pioneristica di Green Spirit Farms (GSF) di New Buffalo, Michigan. Il progetto di GSF è quello di produrre ortaggi biologici con rack verticali o con l’innovativo sistema Omega Garden (vedi oltre) con colture idroponiche alimentate da energia rinnovabile all’interno di vecchie fabbriche. I prezzi, almeno per gli standard italiani, sono abbastanza alti (paragonabili a quelli della quarta gamma), ma sono probabilmente destinati a scendere se questo approccio dovesse diffondersi. Ma torniamo al sistema Omega Garden, quello nella foto in alto. Le colture sono poste sulla superficie interna di un cilindro rotante che ha nel suo asse la sorgente di luce. In questo modo tutta la radiazione luminosa incide sulle piante; la lenta rotazione permette ai vegetali di assorbire acqua e nutrienti quando si trovano nella parte bassa del cilindro. La rotazione sembra che riduca l’altezza delle piante aumentando i punti di fioritura e quindi la produzione. E’ un buon esempio di ecologia urbana e di riuso degli spazi, ma difficilmente potrà essere la soluzione per sfamare l’umanità, come alcuni sostengono. Se le colture sono infatti al riparo da siccità e alluvioni, esse necessitano di luce artificiale e di acqua che deve essere pompata magari anche fino agli ultimi piani degli edifici. I costi energetici sono comunque elevati visto che si utilizzano lampade da 400 a 1000 W per crescere 80 piante, oltre all’energia per ruotare i cilindri e azionare le pompe.  Le luci devono essere alimentate da impianti fotovoltaici che si dovranno occupare suolo da qualche parte, il suolo che appunto ci si illude di risparmiare con una fattoria verticale.

fonte: ecoblog

Vi sentite stanchi? Andate in campeggio

detail-campeggio

 

Se soffrite di insonnia o la mattina vi svegliate già stanchi, un po’ di sano campeggio potrebbe essere proprio quello di cui avete bisogno. E’ quanto suggerisce uno studio della University of Colorado Boulder pubblicato su Current Biology. Il perché è presto detto. Secondo lo studio, nell’ambiente moderno siamo soggetti a un ritardo di circa due ore sui normali ritmi circadiani, come indicato in maniera piuttosto evidente dalla fluttuazione dell’ormone melatonina. Infatti si tende sempre più a rimanere svegli dopo mezzanotte, e ad alzarsi comunque verso le otto del mattino. La conseguenza? La maggior parte delle persone è al massimo della stanchezza proprio quando si è appena svegliata, poiché le notti biologiche, per così dire, si estendono oltre il momento del risveglio, un po’ come se stessimo ancora dormendo, ma in piedi e a occhi aperti. Per studiare meglio il fenomeno ed eventuali rimedi, Kennet Wright della University of Colorado Boulder e i suoi colleghi hanno reclutato otto adulti reduci da una settimana di intenso lavoro, scuola e normali routine di attività sociali, ognuno con orari molto diversi e regolare esposizione a luce artificiale (lampade, ma anche pc e televisione) specialmente durante la sera. Queste persone sono state quindi portate in campeggio in Colorado, dove le uniche fonti di luminosità erano invece la luce del sole durante la giornata e quella di un falò nelle serate all’aria aperta. I ricercatori, inoltre, hanno loro vietato l’utilizzo di qualsiasi dispositivo elettronico come gli smartphone, ma anche quello di semplici torce elettriche, permettendo a ognuno di andare a dormire quando meglio preferiva. Dopo la settimana all’aria aperta, i ritmi circadiani di tutti i campeggiatori si erano spostati indietro di due ore circa, come anche gli orari seguiti per il sonno e la veglia, nonostante il totale di ore dormite fosse rimasto circa lo stesso. Come spiegano i ricercatori, le alterazioni nei livelli di melatonina avevano riportato l’equilibrio nell’orologio interno, aiutando le persone a sentirsi attive già di prima mattina. Il naturale ciclo luce-buio della vita all’aria aperta, infatti, aiuta il nostro orologio biologico interno a regolarsi: una settimana di albe, tramonti, e notti illuminate dalla sola luce del falò sarebbe un toccasana per tutte quelle persone con ritmi più simili a quelli di un gufo che a quelli di un mattiniero gallo. Purtroppo non possiamo vivere sempre in campeggio e a contatto con la natura, ma secondo i ricercatori possiamo ricorrere a dei piccoli espedienti per non sentirci sfasati e fuori forma. Per esempio, fare una passeggiata mattutina e tenere le tende aperte al lavoro per far entrare il sole, o mantenere basse le luci in casa di sera, spegnere pc e televisione sono accorgimenti che potrebbero rivelarsi utili. E il mattino seguente, promettono i ricercatori, ce ne accorgeremo.

Riferimenti: Current Biology Doi:10.1016/j.cub.2013.06.039

Fonte: galileonet.it

Ora legale: in 7 mesi risparmieremo energia elettrica per 90 milioni di euro

Ripristinata, nella notte tra il 30 e il 31 marzo, l’ora legale, che resterà in vigore per i prossimi sette mesi. Terna stima il risparmio energetico previsto in 543,8 milioni di kilowattora, pari al fabbisogno annuo di 180.000 famiglie

374390

 

L’ora legale è ritornata, puntuale come ogni primavera, nella notte tra sabato 30 e domenica 31 marzo. Grazie allo spostamento delle lancette un’ora in avanti, nei prossimi 7 mesi, saranno risparmiati, secondo le stime di Terna, 543,8 milioni di kilowattora di energia elettrica. Si tratta, in concreto, di una quantità di energia corrispondente al fabbisogno annuo medio di 180.000 famiglie. In termini di costi, considerando che un kilowattora costa in media al cliente finale circa 16,6 centesimi di euro al netto delle imposte, la stima del risparmio economico relativo all’ora legale per il 2013 è pari a oltre 90 milioni di euro. Dal 2004 al 2012 l’Italia ha risparmiato complessivamente oltre 6,1 miliardi di kilowattora, corrispondenti a circa 900 milioni di euro di minor costo. Nel periodo primavera-estate, il mese che segna il maggior risparmio energetico stimato è aprile, con 125,8 milioni di kilowattora (pari al 23,1% del totale). In autunno, invece, il primato va al mese di Ottobre con 157,4 milioni di kilowattora risparmiati. Ciò è dovuto al fatto che aprile ha giornate più “corte” in termini di luce naturale, rispetto ai mesi dell’intero periodo. Spostando in avanti le lancette di un’ora, quindi, si ritarda l’utilizzo della luce artificiale in un momento in cui le attività lavorative sono ancora in pieno svolgimento. Nei mesi estivi, da giugno ad agosto, invece, poiché le giornate sono già più “lunghe” rispetto ad aprile, l’effetto “ritardo” nell’accensione delle lampadine si colloca nelle ore serali, quando le attività lavorative sono per lo più terminate, e fa registrare risultati meno evidenti in termini di risparmio di elettricità. Va inoltre ricordato che la maggiore richiesta di energia elettrica nei mesi estivi più caldi è dovuta all’utilizzo dei condizionatori d’aria, ed è quindi indipendente dall’ora legale, poiché legata esclusivamente a fattori climatici e di temperatura e non al maggior numero di ore di luce naturale. L’ora solare verrà ripristinata nella notte tra il 26 e il 27 ottobre 2013.

Fonte: eco dalle città