Plastica nello stomaco del capodoglio spiaggiato: “L’SOS disperato del mare”

Nello stomaco del capodoglio spiaggiato due giorni fa a Cefalù, in Sicilia, è stata trovata molta plastica. “Bisogna intervenire subito per salvare le meravigliose creature che lo abitano”. Lo afferma Greenpeace pronta a salpare insieme a The Blue Dream Project per monitorare lo stato di salute dei nostri mari. A pochi giorni dalla partenza di una spedizione di ricerca, monitoraggio, documentazione e sensibilizzazione sullo stato dei nostri mari, organizzata insieme a The Blue Dream Project, Greenpeace diffonde le immagini di quanto è stato ritrovato nello stomaco del capodoglio spiaggiato due giorni fa sulle coste della Sicilia.

«Quello che è stato trovato due giorni fa sulla spiaggia di Cefalù era un giovane capodoglio di circa sette anni appena. Come si può vedere dalle immagini che diffondiamo, nel suo stomaco è stata trovata molta plastica. Le indagini sono appena iniziate e non sappiamo ancora se sia morto per questo, ma non possiamo certo far finta che non stia succedendo nulla», dichiara Giorgia Monti, responsabile campagna Mare di Greenpeace Italia.  

«Sono ben cinque i capodogli spiaggiati negli ultimi cinque mesi sulle coste italiane. Nello stomaco della femmina gravida ritrovata a marzo in Sardegna sono stati trovati addirittura 22 kg di plastica. Il mare ci sta inviando un grido di allarme, un SOS disperato. Bisogna intervenire subito per salvare le meravigliose creature che lo abitano».

Greenpeace e The Blue Dream Project monitoreranno per tre settimane i livelli di inquinamento da plastica in mare, in particolare nel Mar Tirreno Centrale. Una spedizione di ricerca che si concluderà in Toscana l’8 giugno, in occasione della Giornata mondiale degli oceani. In occasione della conferenza stampa di presentazione del tour, che si terrà martedì 21 maggio alle ore 11 presso la Sala conferenze Lega Navale di Ostia, i ricercatori del Dipartimento di Biomedicina Comparata e Alimentazione dell’Università degli Studi di Padova, centro di riferimento per le autopsie sui grandi cetacei spiaggiati lungo le coste italiane, presenteranno un report preliminare sullo spiaggiamento dei cetacei in Italia, con un focus proprio sui capodogli e la plastica. 

Fonte: http://www.italiachecambia.org/2019/05/plastica-stomaco-capodoglio-spiaggiato-sos-disperato-mare/?utm_source=newsletter&utm_campaign=general&utm_medium=email&utm_content=relazioni

Annunci

Chi ci vaccina contro l’inquinamento di aria, acqua e cibo?

Alle campagne esasperate che allarmano la popolazione contro potenziali epidemie e che obbligano alla vaccinazione di massa, non corrispondono campagne altrettanto convinte che contrastino i livelli paurosi di inquinamento raggiunti da aria, acqua e suolo e che causano migliaia di morti anche in Italia. Come mai?

Le campagne messe in atto dalle aziende farmaceutiche per obbligare tutti a vaccinarsi per qualsiasi cosa sono condotte per continuare a guadagnare enormi somme di denaro da aggiungere a introiti già inimmaginabili. Faticosamente e contro forze soverchianti, medici, esperti, volontari, genitori, persone che si informano attraverso una letteratura scientifica ormai vastissima, cercano di mettere in guardia sull’acclarata pericolosità dei vaccini e di rendere quantomeno libera la scelta fra vaccinarsi o meno.

Che ci sia del marcio dietro e che le campagne allarmistiche trovino eco nei media, spesso prezzolati dalla stesse potenti multinazionali dei farmaci, è confermato dal fatto che, quando ci sono casi di una o l’altra malattia che si presume siano derivanti da una non vaccinazione, vengono ingigantiti a dismisura e si urla contro i nemici della “scienza” che hanno l’ardire di pensare con la loro testa e vorrebbero semplicemente essere informati correttamente.

Scienza che, va ricordato, viene presa a Dio indiscusso solo quando serve gli interessi di chi deve fare profitti; se poi la stessa scienza va contro gli interessi di quei profitti, allora non è più scienza, non conta nulla e deve essere combattuta in tutti i modi.

Quindi, stranamente, sulle migliaia di morti che ci sono per l’inquinamento dell’aria, dell’acqua, dei cibi non si alza nessun grido o campagna a tappeto, né di informazione, né di altro tipo. Altrettanto stranamente non scatta nessun “allarme epidemico” che invece dovrebbe esserci quando tante persone sono chiaramente a rischio e danneggiate. Ma se ci si preoccupa della salute, a maggior ragione ci si dovrebbe preoccupare di tante vite in pericolo. Quindi una domanda sorge spontanea: a quando i vaccini contro l’inquinamento che miete costantemente vittime a tutto spiano? Ovvio che non ci sarà né un vaccino, né una campagna mediatica nemmeno lontanissima parente della caccia alle streghe che si fa sui vaccini.

Eppure il problema anche solo numericamente è assai più grave. Ci sono 90 mila morti l’anno in Italia per inquinamento dell’aria, e altre migliaia di morti che si manifestano in cancri e avvelenamenti vari dovuti al cibo che mangiamo e all’acqua che utilizziamo. E se tanto mi dà tanto, ci dovrebbero essere titoli a caratteri cubitali e coperture mediatiche per mesi interi su queste immani tragedie che colpiscono così tanti italiani. Invece no, perché non ci sono lobby potentissime a difendere tutti questi morti e malati; anzi, accade esattamente il contrario: le lobby potentissime producono esse stesse inquinamento e quindi si fa poco e niente.

I morti, i lutti, la disperazione di chi perde un caro, devono avere tutte la stessa importanza. Quindi si cambi completamente paradigma, si investano soldi, si facciano campagne mediatiche, si informi capillarmente la cittadinanza, si puniscano i colpevoli di chi tutti i giorni ci ammazza con i propri veleni e gli si impedisca di continuare a seminare morte indisturbato, piuttosto che dare addosso a chi si ostina a non accettare la sola versione di chi ha soldi e potere.

Fonte: ilcambiamento.it

Cambiamenti climatici: l’Italia sott’acqua. Ma chi se ne frega!

Nel corso degli anni, gli ambientalisti sono stati trattati sempre con sufficienza e come catastrofisti se ammonivano sui rischi di inquinamento e cambiamenti climatici. Ma, è evidente, che non erano esagerazioni…

Nel corso degli anni, gli ambientalisti sono stati trattati sempre con sufficienza e come catastrofisti se ammonivano sui rischi di inquinamento e cambiamenti climatici. Considerati esagerati, troppo preoccupati, perché comunque si credeva, e qualcuno incredibilmente lo pensa ancora, che la tecnologia ci avrebbe salvato e si sarebbe inventato qualcosa per farci passare indenni la “nottata”. 

Purtroppo però si sta verificando esattamente quanto dicevano gli ambientalisti e non sta arrivando nessun Messia a salvarci, né tantomeno ci salverà qualche magica tecnologia nascosta nel cilindro degli stessi apprendisti stregoni che ci hanno condotto fino al baratro. Ora anche la scienza dà ragione agli ambientalisti rompiscatole. Scienziati prestigiosi di rinomate e riconosciute istituzioni sono d’accordo nel confermare, con dati e studi accurati, la situazione ambientale avviata alla catastrofe per mano umana. Del resto anche senza gli scienziati ce se ne poteva rendere perfettamente conto, vista la situazione sotto gli occhi di tutti. Quella stessa scienza che si invoca indiscutibile, sacra e inviolabile solo quando c’è di mezzo il profitto ovvero quando si devono vendere farmaci, vaccini, combustibili fossili, concimi chimici, alimenti schifezza, ecc. Ma quando la scienza non fa guadagnare i mega squali del profitto e cerca semplicemente di salvare l’umanità, allora non conta più. Anzi viene combattuta a suon di consulenti pagati dalle grandi compagnie petrolifere e multinazionali in genere, per dire e scrivere ovunque sui media compresi i social, che gli scienziati stanno mentendo, i dati sono falsi, gli ambientalisti sono pagati dai russi, che fra le stupidaggini è la più roboante essendo la Russia uno dei paesi più inquinati della galassia a cui tutto importa, meno che dell’ambiente. E che dire poi circa i commenti dei fan del progresso quando denigrano e prendono in giro chi mette in discussione la crescita e ammoniscono che così torniamo alla preistoria? Ebbene proprio il loro progresso, la loro amata crescita del PIL ci sta riportando alle preistoria quando una parte dell’Italia era sommersa dalle acque. Addirittura l’ENEA, quindi non certo un covo di ambientalisti fanatici, ci dice che fra qualche decennio l’Italia sarà inondata a causa dei cambiamenti climatici e conseguente innalzamento del livello del mare di un metro. Circa 400 chilometri di costa spariranno e 5.686 chilometri saranno a rischio inondazioni. Cioè migliaia di persone che se ne dovranno andare dalle loro terre perché se le riprenderà il mare, compresa la tanto amata Venezia. E quindi avremo l’ondata dei profughi ambientali al di fuori dell’Italia e i profughi ambientali che verranno direttamente da dentro l’Italia. Una situazione simile significa che prossimamente ci dibatteremo in maniera ancora più grave fra incendi, dissesti idrogeologici, siccità, inondazioni e vivremo una situazione estremamente pesante. E nonostante ciò non si balza sulla sedia e non si agisce.  Siamo di fronte ad una catastrofe con problemi enormi da affrontare, costi spaventosi e cosa si sta facendo per fermare tutto ciò? Nulla, zero, nada, nisba.

La politica, sostanzialmente, se ne frega altamente, tutta presa a inseguire consenso, like e potere, ad accapigliarsi su ridicole leggi e leggine che quando saremo spazzati via tutti, conteranno meno che zero. Ma al politico attaccato a immagine, soldi, potere e poltrona, cosa vuoi che gliene freghi dei cambiamenti climatici, è un tema che non paga a livello elettorale. Al massimo nella loro proverbiale intelligenza e sagacia diranno che se le nostre coste verranno inondate, ci si trasferirà sulle montagne.  I media riportano notizie sul dramma climatico se e molto dopo altre notizie fondamentali per la nostra esistenza… come le primarie del PD, cosa ha mangiato Salvini oggi o quale era il vestito più bello indossato al festival di Sanremo.  E il tanto decantato popolo? Non si pone granché il problema e in caso aspetta che ci pensi la politica fra una Nutella e l’altra e nel frattempo si va avanti come se nulla fosse. Di fronte a questi atteggiamenti assurdi, viene da chiedersi se una specie vivente che si sta comportando in maniera così profondamente folle meriti ancora di stare nel paradiso che è la nostra meravigliosa terra.  Abbiamo la casa in fiamme con i parenti dentro e noi pensiamo se sia il caso di indossare una giacca piuttosto che un’altra perché se ci filmano nel salvataggio dobbiamo apparire trendy. Sembra che la nostra stupidità sia così profonda, radicata e senza speranza che sacrificheremmo tutto, anche la nostra stessa sopravvivenza e quella dei nostri figli e nipoti. Oltre ai soliti ambientalisti, solo gli studenti, grazie all’extraterrestre Greta Thunberg, stanno facendo sentire la propria voce ma ancora non preoccupano particolarmente i potentati criminali.

In questa situazione drammatica, come persone singole abbiamo comunque in mano un potere enorme. Così come insegna Greta, dall’alto della saggezza dei suoi 16 anni, serve essere moralmente incorruttibili da fama, soldi e potere, convinti di cambiare e determinati a farlo. Con questi ingredienti si possono spostare montagne. Quindi innanzitutto: boicottare e acquistare il meno possibile prodotti che non hanno alcun rispetto per persone e ambiente, chiedendosi sempre cosa c’è dietro a quello che acquistiamo in termini ambientali e di sfruttamento delle persone.  Se si decide di votare, lo si faccia per quei politici che hanno come programma al primo posto l’obiettivo della riduzione delle emissioni di gas serra di almeno l’80%  tassativamente entro il 2030. Tale programma deve essere sottoscritto con il sangue attraverso un regolare contratto e in caso di non ottemperamento, il politico dovrà pagare multe milionarie e la perdita di tutti i diritti civili. Fondamentale è poi organizzarsi in gruppi e comunità di persone per riabitare campagne, borghi, paesi abbandonati in posti di estrema bellezza e ricchezza naturale che sono ovunque in Italia che ormai si sta spopolando, fra la gente che se ne va e i figli che non si fanno più. Realizzare progetti il più possibile di autosufficienza alimentare ed energetica con scambio di eccedenze in un ottica di eco vicinato. Recuperare e far rinascere l’artigianato dappertutto con l’obiettivo di avere la maggiore autonomia possibile in fatto di materiali riducendo la dipendenza dall’estero. Tanto con le prossime crisi di approvvigionamento, in ogni caso dovremmo fare senza molti prodotti che arrivano da fuori Italia. Le città devono fare piani di autosufficienza energetica e alimentare mettendoli al primo posto come obiettivi delle amministrazioni comunali. A livello statale si deve avere come politica prioritaria e urgente la salvaguardia dell’ambiente creando milioni di posti di lavoro nei settori immensi che ne sono connessi: energie rinnovabili, risparmio energetico e idrico, efficienza energetica con la  riqualificazione del patrimonio edilizio, agricoltura biologica, recupero, riuso e riciclo materiali, ecoturismo e cultura. Non bisogna aspettare niente e nessuno per realizzare questi obiettivi perché è già tardi, occorre organizzarsi  immediatamente per cercare quantomeno di salvarsi ma ben sapendo che da solo non si salva nessuno. Quindi unirsi agli altri e creare relazioni di comunità forti e solidali, il solo, unico, vero, efficiente welfare. Nell’emergenza si farà di necessità virtù e di fronte all’immobilismo o all’aperta contrarietà di politica ed istituzioni, preoccupate di perdere il loro potere, nasceranno forme diverse di decisione e organizzazione realmente paritarie e partecipative. Questo avverrà se non altro perché attraverso strutture decentrate ed efficienti e soprattutto sburocratizzate, ci potrà essere qualche speranza di sopravvivenza. Se poi la politica in uno scatto di orgoglio e destandosi dal suo torpore, vorrà dare una mano, ben venga ma meglio non sperarlo o aspettarlo, si rischia di perdere altro tempo prezioso che non c’è più. Non  si può scherzare o sottovalutare la situazione perché la natura che abbiamo violentato in tutti i modi si sta pesantemente difendendo dal cancro umano che la vuole uccidere. Ed è evidente chi vincerà alla fine.

Fonte: ilcambiamento.it

La plastica minaccia la salute umana

Non sono solo gli oceani e gli animali marini a soffrire: la plastica comporta evidenti rischi per la salute umana e per questo è necessario ed urgente adottare il principio di precauzione e a iniziare ad eliminare definitivamente questo materiale, a partire dall’usa e getta. Un rapporto diffuso nelle ultime ore dal Center for International Environmental Law (CIEL) evidenzia l’urgenza di adottare il principio di precauzione per proteggere l’umanità dall’inquinamento della plastica. Valutate tutte le fasi del ciclo produttivo e di vita di questo materiale, il report infatti rileva evidenti rischi per la salute umana. 

Nel dettaglio, il rapporto del CIEL evidenzia come: 

– le materie plastiche presentano differenti rischi per la salute umana in ogni fase del loro ciclo di vita: dalle sostanze chimiche pericolose rilasciate durante l’estrazione del petrolio e la produzione delle materie prime, all’esposizione agli additivi chimici rilasciati durante l’utilizzo delle materie plastiche, per terminare con l’inquinamento dell’ambiente e del cibo che può derivare dal rilascio di plastica nell’ambiente; 

– le microplastiche, come frammenti e fibre, a causa delle loro piccole dimensioni possono entrare nel corpo umano attraverso il contatto, l’ingestione o l’inalazione, penetrare nei tessuti e nelle cellule generando impatti sull’uomo, anche a causa del rilascio di sostanze chimiche pericolose; 

– incertezze e lacune conoscitive non consentono di avere un quadro dettagliato circa gli impatti sulla salute umana e impediscono a consumatori, comunità e istituzioni di prendere decisioni consapevoli su questo materiale.

Commentando quanto emerge dal report di CIEL, Giuseppe Ungherese, responsabile campagna Inquinamento di Greenpeace Italia, dichiara: “I rischi per la salute derivanti dall’inquinamento da plastica sono stati ignorati per troppo tempo, un atteggiamento che va contro le regole basilari della prevenzione che dovrebbero guidare le scelte istituzionali e delle multinazionali e venire prima dei profitti. Imprese e istituzioni hanno scelto invece di mantenere lo status quo. Non sono solo gli oceani e gli animali marini a soffrire le conseguenze della dipendenza dalla plastica della nostra società, siamo tutti noi a subirne gli effetti. Nonostante ci sia ancora molto da chiarire su tutti i possibili impatti generati dalla plastica sulla salute umana, i rischi sono evidenti. Le conoscenze attuali impongono di applicare concretamente il principio di precauzione e iniziare a eliminare definitivamente la plastica, a partire dall’usa e getta”. 

“Il ricorso a questo materiale, oltre a devastare il Pianeta, continua a mantenerci dipendenti dai combustibili fossili, contribuendo ai cambiamenti climatici”, continua Ungherese. “Non ci sono motivi per continuare a mettere a rischio la salute umana in nome della presunta convenienza della plastica. Da mesi chiediamo alle grandi multinazionali, responsabili della commercializzazione dei più grandi volumi di plastica usa e getta, di assumersi le proprie responsabilità riducendo drasticamente la produzione di plastica monouso”, conclude.

Fonte: http://www.italiachecambia.org/2019/02/plastica-minaccia-salute-umana/?utm_source=newsletter&utm_campaign=general&utm_medium=email&utm_content=relazioni

Smog, l’usura di pneumatici e freni inquina più dei gas di scarico

“L’usura soprattutto degli pneumatici e anche dei freni influisce addirittura per il 57% nella produzione delle polveri sottili” queste le conclusioni del Seminario Internazionale RespiraMi 3: Air Pollution and our Health

 “Il tubo di scappamento degli autoveicoli incide per il 43% nella produzione delle polveri sottili, ma secondo alcune stime l’usura soprattutto degli pneumatici e anche dei freni influisce addirittura per il 57% osserva Sergio Harari, co-presidente del Seminario e Direttore Unità Operativa di Pneumologia Ospedale San Giuseppe di MilanoGli pneumatici sopportano il peso del veicolo e nell’attrito con l’asfalto si frantumano, producendo piccoli frammenti di gomma che poi di disperdono nell’aria e si depositano sulle strade, secondo il peso del particolato o il vento. Oggi sappiamo che il 60% di questa polvere microscopica che deriva dagli pneumatici può entrare nei polmoni, con effetti dannosi che solo di recente si sono iniziati a comprendere. Se calcoliamo che uno pneumatico perde circa il 20% del proprio peso otteniamo una quantità enorme di materiale disperso nell’ambiente”.

La fabbricazione della gomma per pneumatici coinvolge molti prodotti chimici tossici, dal benzene alla nafta, dai solventi clorati, fino a composti plastificanti, petrolio, acidi a cui si aggiungono metalli pesanti fra cui zinco, cadmio e piombo. Un mix ‘sporco’ di sostanze cancerogene e neurotossiche, che rendono il particolato inquinante presente nelle strade più trafficate particolarmente deleterio. “Nelle zone dove il traffico è intenso le polveri da pneumatici possono contribuire all’incremento degli attacchi di asma in bambini e anziani – aggiunge Pier Mannuccio Mannucci, co-presidente del Seminario, Professore Emerito di Medicina Interna, Università degli Studi di MilanoInoltre la polvere degli pneumatici non solo può incrementare le allergie generiche ma essere causa anche di quelle specifiche, perché la gomma con cui sono prodotti deriva da una combinazione di lattice naturale e gomme sintetiche da derivati del petrolio: entrambi questi componenti possono indurre allergie e quella al lattice è particolarmente diffusa. La perdita della parte di battistrada dovuta al consumo, sotto forma di pulviscolo e microparticelle, si riversa sulle strade ed entra nei polmoni soprattutto dei bambini che, inalano più particelle degli adulti, in quanto camminano o vanno sui passeggini più a rasoterra. In questi casi sarebbe perciò preferibile l’utilizzo di zaini o marsupi. La polvere da pneumatico costituisce una particolare minaccia anche per gli anziani perché hanno polmoni già indeboliti dall’età e dalle malattie soprattutto se fumatori”.

Purtroppo non è semplice misurare i tassi, il formato, la distribuzione e la composizione di questo inquinante poco conosciuto e largamente sottovalutato né esiste un rimedio a tale problema. Ma una proposta per ridurne l’impatto potrebbe essere lavare più spesso le strade per rendere più pulita anche l’aria che respiriamo” conclude Harari.

I numeri dello smog

– 9 milioni di morti premature ogni anno nel mondo, 790mila in Europa, 81mila in Italia, secondo gli studi epidemiologici del Global Burden of Disease e del World Health Organization;

– per ogni metro cubo d’aria, un aumento di 20 microgrammi di PM produce un aumento dell’1% delle morti da tutte le cause;

– 136 morti ogni 100mila abitanti ogni anno in Italia, meno rispetto a Germania (154) e Polonia (151), ma più che in Francia (105) e Regno Unito (98);

– 3 milioni di miliardi di dollari i costi da ‘aria cattiva’ per le malattie respiratorie;

– nel 2018 Viterbo capitale italiana dell’aria pulita, maglia nera a Brescia con 87 sforamenti, seguita da Torino e Lodi con 69, secondo i dati dell’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale.

Più bravi a scuola se si studia nel verde

Il verde fa bene alla mente e non solo perché è un colore rilassante: nuovi studi mostrano che scuole “green”, con alberi e piante nelle immediate vicinanze o anche nei cortili o nei corridoi, aiutano gli studenti ad avere voti migliori. L’aria inquinata infatti “soffoca” i polmoni ma pure il cervello, come spiegano gli esperti riuniti a Milano dal 24 al 26 gennaio per il Seminario Internazionale RespiraMi 3: Air Pollution and our Health organizzato dalla Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico e dalla Fondazione Internazionale Menarini: lo smog peggiora le performance cerebrali e addirittura accelera il declino cognitivo correlato all’età, aumentando anche il rischio di Alzheimer. Vivere e studiare in ambienti verdi, dove alberi e piante ripuliscono naturalmente l’aria, è un ottimo “antidoto”: nelle scuole più green l’apprendimento migliora, fin dalla primaria, grazie a un miglioramento della memoria e delle capacità di attenzione.

Un numero sempre maggiore di studi indica che lo smog, che ogni anno in Italia uccide prematuramenteoltre 80.000 persone per colpa dei suoi effetti dannosi sull’apparato respiratorio e sul sistema cardiovascolare, è deleterio anche per la funzionalità cerebrale – osserva Sergio Harari, co-presidente del Seminario e Direttore Unità Operativa Pneumologia, Ospedale San Giuseppe di MilanoUn’ampia ricerca su circa 25.000 cinesi ha per esempio dimostrato che i livelli di esposizione all’inquinamento atmosferico correlano con le capacità in test matematici e di linguaggio: quanto più si è esposti allo smog, tanto più con l’andare degli anni peggiorano le abilità cognitive necessarie a svolgere i test, soprattutto negli uomini e in chi appartiene a fasce socioculturali svantaggiate. Altri dati confermano che lo smog si associa a un peggioramento delle capacità cognitive a ogni età, con un aumento del rischio di demenze e Alzheimer nei soggetti più anziani: l’associazione è particolarmente evidente con alcuni inquinanti derivanti dal traffico veicolare, come ossidi di azoto e particolato fine”.

I meccanismi precisi attraverso cui lo smog può diventare tossico sul sistema nervoso centrale non sono noti, ma sembra che possano essere coinvolti un incremento dell’infiammazione delle cellule immunitarie presenti soprattutto nei bronchi e nei polmoni che a loro volta innescano una reazione infiammatoria generalizzata e sistemica, nonché un’alterazione delle difese antiossidanti. I danni sono evidenti a ogni età e perfino se si è esposti allo smog durante il periodo fetale: una recente ricerca su oltre 700 bambini olandesi, seguiti dalla gestazione fino a dieci anni d’età, ha verificato che anche livelli di inquinamento inferiori alle soglie stabilite dall’Unione Europea (medie annuali di PM10: 40 microgrammi per mm3)comportano alterazioni nello sviluppo del cervello dei bimbi. La corteccia cerebrale risulta più sottile in alcune aree e questo sarebbe correlato a una maggiore impulsività e quindi a un maggior rischio di problemi come il disturbo da deficit dell’attenzione e iperattività. “Altrettanto dimostrati sono i rischi per le donne in gravidanza – commenta Harari – l’esposizione prolungata alle polveri sottili si associa ad una riduzione del peso alla nascita del neonato che, in proporzione, respira volumi d’aria doppi rispetto all’adulto, mentre elimina in modo meno efficiente le sostanze tossiche”.

L’esposizione allo smog è dannosa sulle capacità cognitive, ma c’è un modo per proteggersi – interviene Pier Mannuccio Mannucci, co-presidente del Seminario e Professore Emerito di Medicina, Interna Università degli Studi di Milano – Il verde delle piante purifica l’aria delle nostre città intrappolando le polveri sottili, con un effetto positivo non soltanto per la salute cardiorespiratoria (non a caso infatti in città più verdi si vive più a lungo), ma anche per il cervello. Uno studio spagnolo su quasi 2600 bambini della scuola primaria ha dimostrato che gli spazi verdi nella scuola e nell’ambiente circostante aiutano l’apprendimento, portando a un miglioramento dello sviluppo cognitivo. Piante e alberi riducono l’inquinamento atmosferico e in parallelo nell’arco di un anno portano i ragazzini ad avere un miglioramento nelle capacità di memoria e di attenzione, a tutto vantaggio della performance scolastica. Tutto ciò dimostra che, se l’urbanizzazione che oggi riguarda il 55% della popolazione mondiale e raggiungerà nel 2050 il 75%, ha ridotto drammaticamente la qualità e la quantità delle aree verdi, è ormai necessaria un’inversione di rotta. Aumentare gli spazi verdi nelle città e soprattutto vicino alle scuole sarebbe certamente il miglior mezzo per proteggere il “capitale mentale” della popolazione. Tuttavia le piante vanno scelte con attenzione evitando quelle che possono avere effetti allergizzanti, che possono essere amplificare dall’inquinamento atmosferico, come ad esempio le graminacee. La capacità degli alberi di ripulire l’aria da particolati e ozono però dipende soprattutto dalla specie. Bisogna pertanto prevedere la scelta di determinate piante in determinate aree in base alle sostanze inquinanti presenti in quella zona. Anche negli ambienti chiusi è preferibile scegliere piante ‘anti-smog’ come ficus, benjamin ed edera più efficaci contro benzene e ammoniaca che sono le sostanze inquinanti maggiormente presenti in scuole, case e uffici”.

Fonte: ecodallecitta.it

Direttiva Ue sulla plastica monouso: “Ora gli stati membri vadano oltre al plastic free” – Parte 2

La direttiva approvata dal Parlamento europeo sulla plastica monouso getta le basi per grossi cambiamenti nella progettazione, imballaggio e utilizzo dei beni di consumo, introducendo divieti su molti oggetti di plastica usa e getta e concetti come la responsabilità estesa del produttore su molti altri. Riusciranno gli stati membri a recepire correttamente la direttiva e anzi a cogliere l’occasione per andare oltre il plastic free e introdurre misure per il riuso, la riduzione a monte dei rifiuti, il superamento dell’usa e getta? Ne abbiamo parlato con Silvia Ricci, responsabile campagne dell’ACV Associazione Comuni Virtuosi. Qualche settimana fa abbiamo parlato con Silvia Ricci, responsabile campagne dell’ACV Associazione Comuni Virtuosi, dello stato dell’arte nella gestione degli imballaggi in plastica. L’abbiamo ricontattata per entrare più nel dettaglio della direttiva sulle plastiche monouso o Single Use Plastics (SUP) recentemente approvata dal Parlamento europeo. In particolare ci interessa avere un suo parere su quali sono le luci e le ombre del provvedimento europeo e su cosa si potrebbe fare da subito per preparare il terreno per il miglior recepimento possibile. Il tema degli imballaggi e dell’usa e getta in genere è infatti uno dei cavalli di battaglia dell’ACV, oltre che che oggetto di proposte a decisori politici e aziendali, a partire dal lancio della campagna Porta la Sporta che ha informato sul marine litter collegandolo agli  attuali stili di vita già dieci anni fa.

Parliamo della direttiva SUP: qual è la tua valutazione complessiva?  

L’Europa con questa direttiva ha fornito una prima risposta importante che mancava per affrontare un’emergenza mondiale come l’inquinamento da plastica che, soprattutto negli ambienti marini e acquatici in genere ha assunto dimensioni allarmanti. Nonostante il fenomeno fosse già noto almeno dagli anni settanta, come ha evidenziato lo studio “Plastic Industry Awareness of the Ocean Plastics Problem” del CIEL (Center for International Environmental Law), l’atteggiamento negazionista adottato in primis dall’industria della chimica e plastica ha avuto la meglio. Pertanto, decadi dopo, il problema si è ripresentato, amplificato dal boom di produzione plastica che è passato dai dei 35 milioni di tonnellate del 1970 ai 348 milioni di tonnellate del 2017 e ci è stato “servito sul piatto” , nel senso letterale del termine.  

Tuttavia alcune misure presentate nella prima versione del testo sono state edulcorate nell’ultima stesura e cercherò di spiegare perché,  complessivamente, non le ritengo commisurate alla reale gravità del fenomeno. Non dimentichiamoci che l’impatto della plastica sull’ambiente  è destinato ad aumentare visto che anche la produzione plastica aumenta, trainata dall’aumento della popolazione mondiale e da un maggiore benessere nei paesi in via di sviluppo. Molto dipenderà pertanto dal recepimento che i paesi membri dovranno formalizzare all’interno dei propri quadri legislativi. Questa direttiva potrebbe diventare un’importante opportunità per ripensare il modello lineare che caratterizza la gestione degli imballaggi – non solo in plastica – introducendo azioni di prevenzione e riuso che sono indispensabili per alleggerire il carico che i prodotti usa e getta hanno sull’ambiente, riducendo al contempo le emissioni climalteranti che sono associate a tutti i processi produttivi, a prescindere dai materiali.   

Quali sono i punti di forza di questa direttiva ? 

Ritengo sicuramente positivo il divieto di vendita  sul mercato comunitario (ai sensi dell’articolo 5 a partire dal 2021) di quegli articoli usa e getta che sono diventati rifiuti pervasivi sia in contesti urbani che in natura rappresentando circa la metà di tutti i rifiuti marini trovati sulle spiagge europee (per numero). Si tratta di: cotton fioc, posate (coltelli, cucchiai, forchette, bacchette e agitatori), piatti, cannucce, aste per palloncini, contenitori in plastiche oxo-degradabili e in polistirene espanso (EPS) per alimenti e bevande (e relativi coperchi) sia per consumo in loco che da asporto. Inoltre l’istituzione di regimi di responsabilità estesa del produttore (EPR, ai sensi dell’articolo 8) per alcuni di questi prodotti non ancora coperti da tali schemi è a mio avviso la misura determinante per favorire la prevenzione, l’eco design e la riduzione di prodotti superflui, di cui una parte può essere sostituita con opzioni riutilizzabili. Principalmente perché questi regimi prevedono che siano i produttori a sostenere i costi di raccolta e avvio a riciclo di tali prodotti a fine vita nonché delle attività di pulizia ambientale e di sensibilizzazione verso i cittadini. Parliamo di articoli come, ad esempio, involucri di snack dolci e salati, salviette umidificate, assorbenti e prodotti a base di  tabacco contenenti plastica (entro il gennaio 2023 per la maggior parte degli articoli). Inoltre ritengo importante che la presenza di materie plastiche venga notificata sull’etichetta del prodotto insieme all’informazione sugli impatti ambientali e alle opzioni appropriate di smaltimento.

Infine sono favorevole alla misura che riguarda i criteri di progettazione degli articoli SUP che, all’articolo 6, stabilisce che coperchi e contenitori debbano essere fissati al contenitore in modo da non venire dispersi nell’ambiente. Ma anche finire nello scarto degli impianti di selezione a causa delle ridotte dimensioni aggiungerei. Peccato che l’entrata in vigore sia stata posticipata dal 2021 al 2024. Va detto che i paesi che hanno in vigore il deposito su cauzione offrono già una soluzione alla dispersione dei tappi con tassi di intercettazione di bottiglie (e tappi) che possono andare oltre al 90% dell’immesso. Per quanto riguarda invece prodotti contenenti plastica come i mozziconi di sigaretta e gli attrezzi da pesca l’obbligatorietà di adesione ad un un regime di responsabilità estesa con monitoraggio e raggiungimento di obiettivi nazionali di raccolta avrebbe dovuto arrivare già molto, molto tempo fa. Ma meglio tardi che mai…. 

Quali sono invece le ombre della direttiva? Quali misure avresti voluto vedere incluse sin dalla prima stesura? 

In prima battuta non avere fissare in sede europea delle obiettivi obbligatori di riduzione per contenitori per alimenti e bevande. Avere previsto la possibilità per i paesi dell’UE di adottare restrizioni di mercato per questi manufatti, senza proporre obiettivi, rischia di non stimolare i governi centrali e locali a prendere misure legislative in merito. Ma soprattutto di non incentivare le aziende che utilizzano questi contenitori a dismetterli a favore di alternative più sostenibili già collaudate. Basta guardare impegni annunciati dalle grandi catene del fast food per diminuire l’impatto dei propri contenitori per notare che generalmente si limitano all’eliminazione delle cannucce. Oppure a sostituire la plastica con altri materiali usa e getta che, seppur riciclabili o compostabili, vengono poi gestiti con l’indifferenziato. Solamente la catena di caffetterie inglese Boston Tea Party  ha, coraggiosamente, eliminato lo scorso anno tutti i contenitori monouso e introdotto tazze da asporto riutilizzabili. Il proprietario della catena ha raccontato di essersi chiesto cosa poteva fare per non lasciare alle future generazioni un pianeta di spazzatura e di avere fatto la scelta maggiormente responsabile, nella totale consapevolezza di incorrere in un’importante riduzione del fatturato (che si è poi verificata). Abbiamo fatto un appello a Starbucks in collaborazione con Zero Waste Europe, Greenpeace e WWF Italia  prima che aprisse il primo locale a Milano, coinvolgendo anche la Giunta di Milano che ha dimostrato di apprezzare il gesto, senza che l’appello venisse colto nella sostanza.

Pertanto in assenza di provvedimenti, che per ora stanno prendendo alcune città come Berkeley, Amsterdam e Tubinga, che spiegherò a seguire, questo flusso di rifiuti, insieme ai rifiuti derivati dal commercio online, continuerà a crescere così come i costi ambientali ed economici collegati a carico delle comunità. In seconda battuta penso sia stato un errore madornale ritardare di 4 anni il raggiungimento dell’obiettivo di raccolta separata del 90% per le bottiglie di bevande (articolo 9) che, dal 2025 slitta al 2029, anche se è stato fissato un obiettivo intermedio del 77% di intercettazione entro il 2025. Una scadenza più vicina avrebbe spinto i paesi EU ad attivarsi per introdurre al più presto un sistema di deposito per tutti i contenitori di bevande,  seguendo gli esempi di successo dei 10 paesi europei dove il sistema è già rodato e nei quali nessuno vorrebbe più tornare indietro. Come ho raccontato recentemente la Lituania che ha implementato un sistema di deposito in tempi da record, ha raggiunto in meno di un anno oltre il 70% di intercettazione (obiettivo intermedio del 2025), per attestarsi al 92% in due anni, testimonia come la volontà politica possa risolvere dei problemi convertendoli in opportunità economiche. Infine considero  l’obiettivo del 25% di contenuto riciclato per le bottiglie entro il 2025, per passare al 30% al 2030, alquanto modesto, considerato che gli impegni annunciati da alcune multinazionali dell’acqua in bottiglia, ma anche di prodotti per la detergenza, sono molto più ambiziosi.  Lo scorso anno Bar le Duc (United Soft Drinks) è stata la prima marca di acqua minerale ad optare in Olanda per bottiglie realizzate con il 100% di plastica da riciclo. Evian di Danone ha annunciato  che raggiungerà lo stesso obiettivo entro il 2025 e Coca-Cola porterà al 50% la percentuale di contenuto riciclato nelle sue bottiglie al 2030.

Gli Stati membri hanno due anni per recepire la direttiva nella propria legislazione nazionale che cosa temi e ti auguri rispetto a questa fase?  

Come ho anticipato mi auguro che i paesi membri recepiscano questa direttiva in modo ambizioso con misure che si inseriscano come tasselli in un contesto più ampio che è quello della prevenzione dei rifiuti e del consumo di risorse. Perché è qui che si gioca la vera partita,  ogni rifiuto da smaltire è una sconfitta, anche rispetto alla lotta al cambiamento climatico. A maggior ragione se teniamo presente che le previsioni della Banca Mondiale (nel rapporto What a Waste 2.0) stimano al 2050 un aumento del 70% nella produzione dei rifiuti, di cui  quelli da usa e getta ne costituiscono una parte importante. Anche le stime dell’Unep che indicano che avremo bisogno del 40% in più di risorse come energia, acqua, legno e fibre varie andrebbero tenute in mente quando si legifera. Tornando al clima lo Special report 15 (Sr15) dell’IPCC recentemente presentato alle Nazioni Unite avverte che entro i prossimi dodici anni vanno messe in campo misure che abbattano a tempo di record le emissioni di gas ad effetto serra per mantenere il riscaldamento della Terra entro i 1,5 gradi centigradi.   Assodato che per avere qualche chance di centrare questo obiettivo vanno intrapresi urgentemente drastici cambiamenti negli stili di vita, cosa c’è di più scontato che partire con una revisione dei modelli di consumo usa e getta  che, in cambio di comodità fugaci garantiscono una distruzione perenne degli habitat naturali? In linea peraltro con l’Obiettivo di Sviluppo Sostenibile nr.12: Consumo e Produzione Responsabili delle Nazioni Unite. I ritmi massicci di prelievo di risorse operato da oltre 7 miliardi di “cavallette” non rispettano da almeno mezzo secolo quelli che sono i tempi naturali di rigenerazione degli ecosistemi. E anche in Italia non scherziamo, visto che  l’Overshoot day, il giorno dell’anno in cui abbiamo già consumato tutto il nostro budget annuale di risorse naturali cade, secondo il Global Footprint Network, il 24 maggio, con quasi tre mesi di anticipo rispetto alla media globale ( il 1 agosto nel 2018) . Pertanto un recepimento della direttiva SUP non dovrebbe solamente seguire la Gerarchia EU di gestione dei rifiuti nell’individuazione delle azioni prioritarie da convertire in legge, ma anche  tenere conto, per ogni articolo che si voglia bandire, ridurre o sostituire, verso quali alternative si sposterà il consumo. Una volta individuate le possibili opzioni di ripiego ne andrebbero valutati gli impatti (da enti terzi) e andrebbero previste eventuali misure a supporto delle opzioni più sostenibili. Anche per evitare di lasciare questa partita in mano al mercato, che ha interessi che non coincidono sicuramente con la prevenzione del rifiuto. A meno che non si obblighi il produttore/utilizzatore a dovere recuperare a fine vita i propri prodotti assumendosene i costi totali.  Queste valutazioni , che sarebbero da fare con la collaborazione di tutti i portatori di interesse di uno specifico provvedimento, sono necessarie per identificare possibili effetti collaterali o conseguenze non volute che possono annullare i benefici ambientali previsti. La direttiva sui biocarburanti ne è l’esempio più eclatante: è stata introdotta per i presunti effetti positivi sul clima, ma ha avuto effetti disastrosi sulla biodiversità, sulla deforestazione e sul fenomeno conosciuto come cambiamento indiretto di destinazione d’uso del suolo ILUC (indirect land use change).

L’Italia come si sta muovendo? 

Venendo all’Italia non sono ancora arrivati “segnali incoraggianti” rispetto all’approccio che ho delineato. Non ho letto nelle dichiarazioni del Ministro Costa riportate dai media, alcun accenno alla prevenzione di questi rifiuti. Ad esempio per quanto riguarda le stoviglie usa e getta in plastica , anche se pochi media ne hanno fatto accenno, va detto che le misure della direttiva SUP si applicano a tutte le materie plastiche monouso elencate negli allegati, comprese le plastiche biodegradabili e compostabili. In un’intervista concessa recentemente al Corriere il Ministro Costa afferma che stiamo chiedendo una deroga in Europa per le stoviglie in bioplastica compostabile visto che l’Italia è un produttore leader a livello europeo di questo settore. Questa linea si riflette nella misura del credito d’imposta del 36% previsto nella Legge di Bilancio 2019 che viene concesso alle imprese che acquistano “prodotti realizzati con materiali provenienti dalla raccolta differenziata degli imballaggi in plastica, ovvero che acquistano imballaggi biodegradabili e compostabili secondo la normativa UNI EN 13432:2002, o derivati dalla raccolta differenziata della carta e dell’alluminio”. Questa è una misura di cui tra l’altro , non riesco a cogliere l’utilità, se non per la plastica. Ma anche in questo caso, se si vuole  creare un mercato di sbocco per le plastiche da riciclo servirebbe molto di più di quanto previsto da questa misura. Serve un quadro legislativo di promozione di  modelli di economia circolare che consideri tutti i flussi di rifiuti che potrebbero essere evitati creando occupazione verde. Ritengo di basilare importanza porre il tema delle materie prime seconde per cui va sicuramente creato un mercato, ma se non facciamo prima un ragionamento su quali sono i “prodotti indispensabili” e se ci devono essere eccezioni (e perché),  si rischia di proporre gli stessi volumi (insostenibili) di usa e getta in altri materiali, che sono solamente diversamente impattanti. Mi riferisco ovviamente anche ai prodotti a base di cellulosa. In questo ultimo anno il marketing delle aziende, approfittando del sentiment anti-plastica,  si è speso nella promozione dei propri prodotti con claim che sono al limite del greenwashing. Aggettivi come bio-based, compostabile, biodegradabile, plastic-free (che è invece necessario quando evidenzia la presenza, insospettabile, di microplastiche nei prodotti), vengono utilizzati per vendere inducendo il consumatore a pensare che basti optare per questi prodotti per fare “bene all’ambiente” quando invece, molto spesso, si tratta di alternative  che risultano “meno dannose” o “diversamente impattanti”.  

Per meglio chiarire cosa intendo mantengo l’esempio già citato delle stoviglie monouso: indifferentemente dal materiale in cui siano realizzate, che sia carta o bioplastica,  andrebbe stabilito che un loro uso debba diventare di natura “emergenziale” e cioè in quelle situazioni in cui non possono davvero essere usate alternative riutilizzabili. Questi manufatti dovrebbero essere comunque aggravati da una tassa ambientale, sull’esempio di Tubinga, il cui sindaco spiega che la tassa che verrà introdotta in città (per tutti i tipi di contenitori monouso e in qualunque materiale) è essenziale per rendere meno oneroso l’adesione a sistemi riutilizzabili. Ecco perché credo che i governi centrali in fase di recepimento della direttiva debbano guardare agli esempi di ordinanze come quelle adottate da Berkely, Amsterdam e Tubinga che offrono spunti concreti da adattare alle caratteristiche dei diversi contesti. 

In cosa consistono queste tre esperienze? 

L’ordinanza di Berkeley che è quella “più strutturata”, ha il merito di avere creato un percorso a tappe di creazione del sistema che renderà possibile e agevole, in due anni circa, avere in città cibo e bevande consumate (in loco o da asporto) prevalentemente in contenitori riutilizzabili. Parallelamente al divieto per i contenitori di plastica viene infatti permesso l’utilizzo di contenitori compostabili ma con un sovrapprezzo obbligatorio. Tutto il percorso è stato avviato dalla municipalità con il coinvolgimento attivo di tutti gli stakeholder tra i quali gli esercizi commerciali e i loro rappresentanti e le Ong. L’ordinanza di Tubinga, precedentemente accennata, ha sempre il merito di promuovere il riuso anche se con una modalità “meno laboriosa” e magari più veloce. Tassando tutti i contenitori monouso di qualsiasi materiale l’amministrazione cittadina vuole evitare che l’esternalizzazione dei costi sulle comunità e contribuenti, che favorisce economicamente gli utilizzatori di contenitori monouso, penalizzi la nascita e la diffusione di sistemi di riuso basati sul concetto del “prodotto come servizio”.

E infine l’ordinanza di Amsterdam,  che è altrettanto efficace “da subito” per uno specifico flusso di usa e getta, e pertanto “geniale”. Tutti gli organizzatori di eventi che chiedono da questo mese un permesso di occupazione di suolo pubblico alla città per eventi e manifestazioni varie, sono obbligati a servirsi solamente di bicchieri riutilizzabili. I sistemi che gestiscono contenitori riutilizzabili e funzionano con l’applicazione di una cauzione ( che garantisce la restituzione dei contenitori per la sanificazione e successivi utilizzi), sono già attivi in Olanda da oltre 10 anni fa e ci sono diverse aziende che forniscono questo servizio chiavi in mano. 

Leggi la prima parte dell’intervista

Fonte: http://www.italiachecambia.org/2019/01/direttiva-ue-plastica-monouso-stati-vadano-oltre-plastic-free/?utm_source=newsletter&utm_campaign=general&utm_medium=email&utm_content=relazioni

Inquinamento e salute. Quando la sfiga ci vede benissimo

La visione ecologica e sistemica è parte integrante della medicina più innovativa. Lo studio delle relazioni e dei rapporti nei sistemi viventi e di quelli con il proprio ambiente permette di acquisire nuove conoscenze e molti dati scientifici. Molte malattie non sono “un incidente di percorso”: tante di queste potrebbero essere evitate o risolte se si riconoscessero le dinamiche biologiche dei sistemi viventi, anche nella medicina delle istituzioni. Aumenta la mobilitazione di scienziati, medici e associazioni per l’incremento di patologie dovute ad inquinanti. Sempre più studi clinici e rilevazioni tecniche confermano il nesso di causa-effetto con malattie gravissime ormai epidemiche. Eppure, non riconoscendo appieno tale relazione, lo stato normativo e la scienza istituzionale non riescono a promuovere la salute. Di inquinamento e salute si è parlato in modo approfondito al congresso italiano Saluscienza, di Medicina Integrata, Scienza e Fisica Quantistica organizzato per la prima volta da tre realtà italiane protagoniste nel panorama della divulgazione scientifica e culturale: Med CAM, Spazio Tesla e Scienza e Conoscenza.

Il dottor Antonio Pasciuto al congresso italiano Saluscienza

Come emerso anche in questa occasione, l’aumento vertiginoso di tumori infantili, disturbi cognitivi neurologici dello sviluppo e di malattie croniche risulta in crescita tanto da parlarne come di epidemie. Il cancro, tuttavia, viene ancora considerato un incidente genetico, un accumulo di mutazioni casuali del DNA. Per la scienza istituzionale, dunque, siamo in presenza di un’epidemia di sfiga incontrollabile. Il problema è grave perché non si può fare una reale prevenzione senza diagnosi, ovvero se non si capiscono le cause delle patologie. In ambito medico sono poche le patologie che arrivano ad avere una diagnosi. Ipertensione, gastralgia, cefalea, non sono diagnosi ma descrizioni in linguaggio medico dei sintomi e degli effetti. Eppure studi sulle correlazioni tra malattie e fattori causanti sono sempre più numerosi. La scienza statistica epidemiologica produce dati incontrovertibili. Ma la statistica e l’epidemiologia possono solo leggere la punta di un iceberg perché gli esseri viventi sono sistemi complessi e sottostanno a rapporti non lineari di causa-effetto. Ad esempio ormai sappiamo, grazie alle nuove scoperte, che la maggior parte delle patologie gravi infantili sono malattie della gestazione cioè di quel periodo delicatissimo in cui la plasticità dello sviluppo è massima. L’esposizione della madre ad agenti patogeni attiva reazioni difensive agli insulti ambientali. La maggior parte del DNA (quella non codificante) agisce come dei sensori del genoma che si muovono (traslocazioni) per tentativi ingegneristici adattativi, non aberrazioni cromosomiche attivate a caso.

Durante l’adattamento programmatico del feto si forma la capacità di compensazione che l’individuo porta con sé durante il resto della propria vita e che trasmette ai propri figli e nipoti. Questo rende difficile l’analisi dei rapporti causa-effetto ma lo studio dell’epigenetica  chiarisce sempre più i meccanismi che stanno all’origine delle manifestazioni patologiche, anche se si sviluppano in età avanzata o in generazioni successive. La placenta è un organo di nutrizione e informazione ed è il centro nevralgico anche delle patologie croniche dell’adulto. 

I fattori inquinanti: cosa ci fa ammalare?

I maggiori fattori inquinanti sono le sostanze chimiche dell’agrochimica (non più definibile agricoltura), i campi elettro-magnetici (tralicci alta tensione, wi-fi, cellulari), metalli pesanti e particolato da incenerimento (dei rifiuti e dall’industria). 

I pesticidi inducono una risposta genomica che porta le cellule ad attivare una sorta di memoria per poter continuare a riconoscere l’agente tossico ma questo le porta a trasformarsi in cellule immortali e quindi facilmente in cancerose. Si stima che il 98% delle donne in gravidanza sia contaminata dal glifosato. Il 75% delle coltivazioni OGM sono create perché possano sopportare i pesticidi, ma le aziende che li producono sono le stesse che producono i fitofarmaci appunto e spesso i farmaci ad uso umano.  La recente fusione Bayer-Monsanto è stata una tappa significativa di questo processo tutto a sfavore della salute. Quindi chi produce sostanze chimiche è lo stesso soggetto che produce dati scientifici determinanti per le normative; un uso elitario della sfiga altrui. 

Anche se poco presente a livello mediatico, la ricerca medica indipendente si dota di strumenti sistemici, di dati scientifici più vicini alle dinamiche biologiche offrendo capacità di diagnosi e cura innovative; essa integra la visione ecologica dei sistemi ponendo l’attenzione sullo studio delle relazioni tra le parti. L’inquinamento ambientale è un fattore determinante per la salute e condiziona tutti gli aspetti della vita, da quella psico-fisica a quella sociale ed economica. 

L’altro ieri alla Camera dei Deputati è stata consegnata la petizione di 25.000 firme ai parlamentari durante la conferenza stampa organizzata dal gruppo NO PESTICIDI. In gioco c’è il nuovo PAN (Piano d’Azione Nazionale per l’uso sostenibile dei prodotti fitosanitari).

La conferenza stampa organizzata dal gruppo NO PESTICIDI

Nella conferenza stampa è emersa la poca trasparenza sulle modalità di revisione. Mancano 3 mesi alla scadenza della revisione ma il comitato scientifico mantiene, per ora, bloccato il documento del ministero dell’ambiente e non si avvale della partecipazione di esperti del settore come formalmente dichiara di fare. Manca la rilevanza dell’effetto multiplo dei pesticidi che invece vengono studiati singolarmente, mancano gli studi su gestanti e bambini cioè dove la suscettibilità è maggiore. È in atto un vero e proprio scontro sui livelli di pesticidi permessi e sulla reale contaminazione dell’ambiente.

Risulta che le persone maggiormente esposte sono quelle che vivono nelle zone rurali. Pianure e campagne sono più inquinate delle città perché la chimica per l’agricoltura ha un’azione più profonda e sistemica degli inquinanti urbani. Chi lavora nei campi si protegge con attrezzature e maschere a gas, chi vive nelle zone limitrofe ne viene colpito a sua insaputa. Tra le richieste della petizione c’è l’obbligo di avvisare i residenti prima dei trattamenti e della distanza di sicurezza perché i prodotti irrorati si depositino. Per ora le distanze di sicurezza sono solo a carico degli agricoltori biologici che per non essere contaminati creano zone cuscinetto. Nello studio GBH, dell’Istituto Ramazzini è emerso come i limiti giornalieri ritenuti sicuri degli Stati Uniti (ADI) si siano rivelati, in realtà, dannosi per il DNA, per lo sviluppo sessuale e per il microbioma intestinale che sappiamo essere strettamente collegato al neuro-sviluppo del cervello. Quindi è importante fissare dei limiti alle sostanze tossiche che non siano decisi a tavolino ma provenienti dalla ricerca indipendente. Il coordinamento STOP Glifosato, a cui hanno partecipato 57 organizzazioni tra ecologisti, medici e agricoltori biologici, tra cui ISDE e Slow Food, ha raccolto in Europa più di un milione e 200.000 firme per far approvare nuove norme grazie a studi scientifici indipendenti che vietassero la sostanza o almeno togliessero i contributi a chi la utilizzava.

“Il cervello dei nostri bambini è nelle nostre mani, la scienza, se non è indipendente, non è dalla parte della salute e della verità”. È quanto afferma la dott.ssa Gentilini dell’ISDE, oncologa ed ematologa, che ha denunciato le continue deroghe ai divieti. Negli ultimi 30 anni sono state autorizzate 176 deroghe cioè sostanze prima vietate poi permesse, ad esempio negli ortaggi in serra come le fragole. Anche il decreto sull’uso dei fanghi è una deroga poiché invece di incentivare i depuratori permette l’accumulo di tossicità conclamate e già vietate come alcuni Idrocarburi, il Cromo esavalente, il Toluene. A livello normativo la dott.ssa Altera, esperta di valutazione del rischio, denuncia i continui rimandi legislativi al recepimento delle direttive. Manca un organo europeo che sanzioni chi non rispetta le leggi. Ci si sente non tutelati e senza diritti. Presenti alla consegna delle firme la deputata del Gruppo Misto: Silvia Benedetti, Sara Cunial e Saverio De Bonis entrambi M5S. In generale emerge l’esigenza di attivarsi dal basso, nei tribunali, nella ricerca, di studiare i contaminanti prodotto per prodotto, di sensibilizzare e contrastare le industrie inquinanti. Emerge anche la volontà e la necessità di incentivare il biologico, l’agricoltura integrata. Nei prodotti bio, infatti, i residui sono più bassi e l’incidenza di patologie neurologiche, metaboliche e autoimmuni sono inferiori per chi li consuma abitualmente; i dati ci sono. Bisogna fornire alternative alle produzioni convenzionali. Sono già molte le esperienze positive ed economicamente sostenibili, bisogna promuoverle. Così come la medicina integrata studia e si avvale di nuovi sistemi di interpretazione, di diagnosi e di cura basati sul paradigma scientifico sistemico e non riduzionista-lineare, anche il modello ecologico per la gestione del sistema economico, sociale e produttivo sembra parlare la stessa lingua. Ci si richiama agli stessi valori per costruire insieme relazioni sinergiche efficaci e un sapere diffuso. Ogni componente della società dovrebbe attivarsi perché la sfiga spesso è figlia di comportamenti quotidiani poco consapevoli.

FONTI:

Dott. Ernesto Burgio ECERI (European Cancer and Environment Research Institute), ISDE, Associazione internazionale medici per l’ambiente a Saluscienza

Dott. Antonio Pasciuto (EUROPAEM: Accademia europea di medicina ambientale) a
Saluscienza

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo portale/articolo sono puramente informative e sono di natura generale. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi di qualsiasi natura, che qui dovessero essere citati, non devono in alcun modo sostituire il rapporto medico- paziente. Niente di ciò che viene descritto in questo testo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro, a scopo diagnostico o terapeutico, per qualsiasi malattia o condizione fisica senza il parere diretto del proprio medico. L’Autore e l’Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall’uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Il sito contiene collegamenti ad altri siti Internet, Italia Che Cambia non è responsabile dei contenuti dei predetti siti Internet.

 Fonte: http://www.italiachecambia.org/2018/12/inquinamento-salute-sfiga-vede-benissimo/?utm_source=newsletter&utm_campaign=general&utm_medium=email&utm_content=relazioni

Cibo, ambiente e salute: come cambiano le nostre esigenze

L’alimentazione può essere uno strumento di prevenzione e cura, di detossificazione dell’organismo e di diffusione di una cultura di sostenibilità. Ne abbiamo parlato con la dottoressa Sabina Bietolini, biologa nutrizionista e membro del Comitato Ordinatore del Master di secondo livello di Nutrizione Vegetale nato dalla collaborazione dell’Università della Tuscia con la Società Scientifica di Nutrizione Vegetale (SONVE). Medici, farmacisti e biologi stanno integrando nella propria pratica professionale competenze nutrizionali come complemento o come vero strumento terapeutico. Cresce la produzione scientifica legata allo studio dell’alimentazione nella prevenzione e nella gestione di numerose patologie. 

Le medicine tradizionali da quella ippocratica, da cui proviene la nostra, a quella cinese o ayurvedica considerano la prescrizione alimentare un fondamento di cura per il ripristino della salute. Esse hanno saputo costruire negli anni una raffinata sapienza approfondendo gli effetti che ogni alimento provoca nell’organismo nelle varie circostanze.

Il prof. Franco Berrino, epidemiologo dell’Istituto Nazionale Tumori di Milano, definisce il ritorno in cucina il vero atto rivoluzionario dei nostri tempi. Questo perché al giorno d’oggi molte condizioni stanno cambiando velocemente e sapersi alimentare adeguatamente risulta sempre più difficile. Vaste parti del nostro territorio sono così inquinate che bisogna prestare attenzione al Km 0. Falde acquifere contaminate dalla chimica degli insediamenti industriali e degli allevamenti intensivi, ceneri e particelle da incenerimento delle plastiche, residui tossici dell’agrochimica (non più definibile agricoltura) e, non ultimo per importanza, l’alto grado di sofisticazione degli alimenti in vendita a basso costo, impongono scelte nutrizionali più strategiche e informate. Risulta importante considerare non solo l’adeguato apporto di nutrienti, valutando la qualità degli alimenti, ma anche sostenere una alimentazione capace di detossificare l’organismo dall’accumulo di tossine in aggiunta a quelle che fisiologicamente vengono prodotte. Il significato di praticare, in alcuni periodi dell’anno, il digiuno o semi-digiuno di tante tradizioni, come la Quaresima o il Ramadan, hanno la funzione di permettere all’organismo di alleggerirsi di scorie accumulate, quindi non solo di una purificazione spirituale. Oggi vediamo patologie croniche dovute a sovraccarico degli organi deputati allo smaltimento di queste scorie come il fegato, i reni, la pelle, etc. Il sistema immunitario è sempre più impegnato a contrastare e rendere innocue le tossine ambientali risultando inadeguato al riconoscimento di ciò che può essere metabolizzato. Questo crea fenomeni compensatori a carico di diversi tessuti e organi portando alla manifestazione di patologie.

Uno dei motivi che porta sempre più persone, pazienti e professionisti a scegliere, nelle diverse accezioni e per specifici disturbi, una alimentazione 100% vegetale è proprio la capacità che essa ha di detossificare l’organismo per poter ripristinare il corretto funzionamento degli apparati. Chiediamo alla dott.ssa Bietolini, membro del Comitato Ordinatore del Master di secondo livello di Nutrizione Vegetale, nato dalla collaborazione dell’Università della Tuscia con la Società Scientifica di Nutrizione Vegetale (SONVE), qualche chiarimento.  

“È importante conoscere le evidenze scientifiche, imparare come si valuta la qualità degli alimenti, la biodisponibilità dei nutrienti, approfondire gli approcci molecolari, metabolici, nutrigenomici delle diete 100% vegetale. Il professionista può dotarsi di strategie nutrizionali per gestire patologie croniche, neuro-degenerative e metaboliche; ormai gli studi sono moltissimi. È utile anche saper consigliare alcune tipologie di pazienti come alcuni vegani ‘fai-da-te’ che sono in squilibrio nutrizionale. Tra gli errori più diffusi c’è l’eccessivo consumo di cereali, peggio ancora se raffinati, o l’eccesso di soia, soprattutto quella da reidratare o derivati come il seitan che ha un’altissima percentuale di glutine. In generale si consiglia di ruotare continuamente le diverse varietà, preferire cibo non industriale e introdurre del cibo crudo ad ogni pasto. Capitano anche casi di carenze di vit D e vit B12, spesso sottovalutate anche dai professionisti che non le includono nei controlli ematici, così è consigliabile l’uso di cibi fermentati.”  

L’argomento è complesso e delicato ma la scienza ci aiuta a capire in quali casi questa possa essere una opportunità efficace, in che misura e con quali accorgimenti.  

SONVE è membro della ong SAFE che si occupa dei diritti dei consumatori e della sicurezza alimentare, anche attraverso azione di lobbying al parlamento europeo. Insieme a SAFE, SONVE partecipa al progetto europeo TAO, dedicato alla lotta all’obesità negli adolescenti, al fine di segnalare i comportamenti a rischio, coinvolgendo la scuola come veicolo di informazione per proporre cambiamenti virtuosi tra i giovani. Grazie a questa collaborazione SONVE realizzerà a breve anche un altro progetto europeo, a Novembre, il primo evento in Italia sull’agricoltura che non utilizza prodotti animali nè chimici: “Stock Free organic farming”.  

Considerando i ripetuti appelli dell’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) a ridurre il consumo di carne e il sollecito dell’Onu, già dal 2010, al passaggio globale verso una dieta priva di prodotti e derivati animali  per salvare il mondo dalla fame, dalla povertà di carburante e dai peggiori impatti dei cambiamenti climatici dovuti ai danni che l’alimentazione ricca di prodotti animali determina, potrebbe essere utile iniziare a documentarsi e ad attivarsi anche per aumentare la propria resilienza al futuro.  

BIBLIOGRAFIA

Campbell T. A plant-based diet and stroke. J Geriatr Cardiol 2017,14.
Desmond, et al. Plant-based diets for children as a means of improving adult cardiometabolic health. Nutr Rev 2018;76.
Esselstyn CB. A plant-based diet and coronary artery disease: a mandate for effective therapy. J Geriatr Cardiol 2017,14.
Kahleova, et al. A Plant-Based Dietary Intervention Improves Beta-Cell Function and Insulin Resistance in Overweight Adults: A 16-Week Randomized Clinical Trial. Nutrients 2018,9.
Kutcha, et al. Impact of plant-based diet on lipid risk factors for atherosclerosis. Cardiol J 2016,23.
Lee, et al. Awareness and perception of plant-based diets for the treatment and management of type 2 diabetes in a community education clinic: a pilot study. J Nutr Metab 2015.
McMacken M & Shah S. A plant-based diet for the prevention and treatment of type 2 diabetes. J Geriatr Cardiol 2017,14.
Richter, et al. Plant protein and animal proteins: do they differentially affect cardiovascular disease risk? Adv Nutr 2015,6.
Satija, et al. Plant-based dietary patterns and incidence of type 2 diabetes in US men and women: results from three prospective cohort studies. PLoS Med 2016,13.
Satija A & Hu FB. Plant-based diets and cardiovascular health. Trends Cardiovasc Med 2018.
Turner-McGrievy & Harris. Key elements of plant-based diets associated with reduced risk of metabolic syndrome. Curr Diab Rep. 2014;14(9):524.
Turner-McGrievy, et al. Comparative effectiveness of plant-based diets for weight loss: a randomized controlled trial of five different diets. Nutrition. 2015;31(2):350-8.
Turner-McGrievy, et al. Randomization to plant-based dietary approaches leads to larger short-term improvements in Dietary Inflammatory Index scores and macronutrient intake compared with diets that contain meat. Nutr Res. 2015;35(2):97-106.

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo portale/articolo sono puramente informative e sono di natura generale. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi di qualsiasi natura, che qui dovessero essere citati, non devono in alcun modo sostituire il rapporto medico- paziente. Niente di ciò che viene descritto in questo testo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro, a scopo diagnostico o terapeutico, per qualsiasi malattia o condizione fisica senza il parere diretto del proprio medico. L’Autore e l’Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall’uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Il sito contiene collegamenti ad altri siti Internet, Italia Che Cambia non è responsabile dei contenuti dei predetti siti Internet.

 Fonte: http://www.italiachecambia.org/2018/11/cibo-ambiente-salute-come-cambiano-nostre-esigenze/

L’inquinamento spinge le famiglie ad abbandonare le città

Secondo uno studio condotto sugli alunni delle scuole di Londra, i bambini hanno perso fino al 5% della propria capacità polmonare a causa dell’inquinamento. Proprio la qualità dell’aria è diventato quindi un fattore determinante per la scelta della scuola e della residenza di molte famiglie. Un numero sempre maggiore di genitori sta disiscrivendo i propri figli da scuole anche rinomate per via della qualità dell’aria delle zone in cui si trovano. Alcuni di loro pensano addirittura di abbandonare le città per paura degli effetti che l’inquinamento atmosferico provocato dai veicoli diesel può avere sulla salute. Uno studio pubblicato sulla rivista Lancet ha rilevato che le emissioni dei motori a gasolio ostacolano la crescita dei polmoni dei bambini, provocando danni permanenti. La ricerca, condotta su un campione di più di 2000 studenti londinesi, è stato il primo studio in cui l’inquinamento da diesel ha rappresentato un fattore chiave.3000

“È stato rilevato che i bambini hanno perso fino al 5% della propria capacità polmonare”, ha detto Sarah MacFadyen della British Lung Foundation, che insieme al gruppo Client Earth ha fondato la rete dei Genitori per l’Aria Pulita, un gruppo che esercita pressione sui politici affinché adottino provvedimenti atti a migliorare la qualità dell’aria nelle città. “È una cosa che a loro non verrà mai restituita – ha aggiunto –, qualcosa che durante tutta la loro vita li esporrà al rischio di contrarre infezioni e problemi respiratori, tutto perché hanno respirato mentre andavano o tornavano da scuola, al parco o semplicemente in giro insieme alle loro famiglie”.

Un sacco di informazioni – incluse discussioni su forum online, sondaggi condotti presso i genitori e prove anedottiche fornite da enti sanitari – suggeriscono che le preoccupazioni dei genitori stanno diventando tanto forti da indurli a considerare la qualità dell’aria come un fattore determinante nella scelta della scuola per i propri figli, mentre un numero più ridotto ma in costante crescita di famiglie sta abbandonando del tutto le città.

“È incredibile che nel 21esimo secolo i genitori britannici debbano arrivare a trasferirsi con le loro famiglie per sfuggire a un inquinamento illegale che minaccia i loro figli”, ha dichiarato Andrea Lee di Client Earth. “Questo accade quando il Governo non vuole investire risorse e attuare politiche per risolvere quella che sta diventando una crisi sanitaria”.

Ben Paul, un architetto che vive con la moglie nella zona di Bloomsbury, nel centro di Londra, ha detto che ha cominciato a preoccuparsi dell’inquinamento atmosferico dopo la nascita del suo primo figlio, nove anni fa. “Stavamo pulendo i muri quando hanno cominciato a diventare neri”. Paul ha iniziato a frequentare associazioni ambientaliste e a monitorare la qualità dell’aria, “quasi ovunque non conforme ai limiti imposti dalla legge europea”, ha evidenziato.

Ora ciò che vede come una serie di fallimenti da parte delle amministrazioni locali e nazionali nella lotta all’inquinamento lo hanno spinto a progettare un futuro fuori città: “Siamo al punto in cui stiamo già pensando a trovare una nuova scuola per mio figlio. Dobbiamo forse rimanere in questa zona, che non ha registrato riduzioni significative dell’inquinamento negli ultimi cinque anni? Alcuni provvedimenti allo studio potrebbero portare piccoli miglioramenti, ma sono piuttosto scettico”.

Quest’anno l’associazione no profit Living Streets ha consegnato un rapporto al Ministro dei Trasporti chiedendo azioni urgenti per migliorare i percorsi casa-scuola. L’associazione, che ha denunciato che più di 2000 istituti scolastici sono nella zona in cui i valori dell’aria sono oltre i limiti, ha reso pubblici dei dati che mostrano che l’inquinamento atmosferico è il primo criterio di scelta per il 10% delle famiglie che devono decidere dove mandare i figli a scuola e un fattore importante per il 25%.2835

Un sondaggio condotto da Mumsnet ha rilevato che alcuni genitori sono così preoccupati da aver pensato di trasferirsi. Quasi il 40% delle mamme e papà dell’area metropolitana londinese ha pensato di lasciare la propria casa, mentre nelle altre aree urbane questa percentuale scende al 28%. In un post recente su Mumsnet, una madre ha spiegato che lei e suo marito vorrebbero mandare loro figlio in una delle due scuole private dell’area sud-ovest di Londra, una delle quali dista 12 minuti di autobus e l’altra 45 minuti. Ha detto che avevano deciso per la prima, cambiando però idea in seguito per via dei dati relativi all’inquinamento dell’area in cui si trovava. MacFayden ha evidenziato che un numero sempre maggiore di genitori che vivono in aree urbane hanno considerato seriamente l’ipotesi di abbandonare la città: “È una cosa di cui abbiamo avuto molte testimonianza ed è chiaro che la gente è preoccupata”, ha dichiarato. “Questa tendenza è destinata a crescere in futuro. Una serie di battaglie contro i politici che hanno fallito nel combattere l’inquinamento hanno risvegliato la coscienza delle persone”.

Scandali come quello che ha coinvolto la Volkswagen hanno anche attirato l’attenzione sull’impiego della tecnologia: i genitori più aggiornati adesso si servono di app per monitorare la qualità dell’aria delle varie strade della città in modo da evitarle mentre accompagnano i figli a scuola.

“Sull’inquinamento atmosferico esistono tantissime informazioni. Sappiamo per certo che può causare il cancro ai polmoni a persone con patologie polmonari. Li espone a rischi molto gravi. Molte pubblicazioni hanno messo in relazione la qualità dell’aria con diversi tipi di tumore, diabete, Alzheimer e obesità”.

Qui l’articolo originale.

Fonte: http://www.italiachecambia.org/2018/11/inquinamento-famiglie-abbandonare-citta/?utm_source=newsletter&utm_campaign=general&utm_medium=email&utm_content=relazioni

Emergenza acqua: ne va della nostra vita

L’acqua ricopre il 70% della superficie terrestre e rappresenta un bene da preservare se vogliamo garantire anche la nostra esistenza sulla Terra: se c’era bisogno dell’ennesima conferma, ecco che arriva dal rapporto “Water is life” dell’Agenzia Europea per l’Ambiente.9943-10734

L’acqua copre oltre il 70% della superficie terrestre, è in acqua che è iniziata la vita sulla Terra, è un bisogno vitale, una risorsa locale e globale e un regolatore del clima. Ma negli ultimi due secoli è divenuta l’approdo degli innumerevoli inquinanti che l’uomo ha rilasciato in natura. Occorre dunque cambiare radicalmente il modo in cui usiamo e trattiamo l’acqua. Ed è proprio questo è il filo conduttore del rapporto “Water is life” dell’Agenzia Europea per l’Ambiente.

Uso dell’acqua in Europa: quantità e qualità, grandi sfide

Gli europei usano miliardi di metri cubi di acqua ogni anno non solo per bere, ma anche per agricoltura, industria, riscaldamento e raffreddamento, turismo e altri servizi. Con migliaia di laghi d’acqua dolce, fiumi e fonti d’acqua sotterranee disponibili, la fornitura di acqua in Europa può sembrare senza limiti. Ma la crescita della popolazione, l’urbanizzazione, l’inquinamento e gli effetti dei cambiamenti climatici, come la siccità persistente, stanno mettendo a dura prova l’approvvigionamento idrico in Europa e la sua qualitàacqua1

La vita nell’acqua è fortemente minacciata

La vita nelle acque dolci d’Europa e nei mari regionali è fortemente minacciata. Il pessimo stato  degli ecosistemi ha un impatto diretto su molti animali e piante che vivono nell’acqua e questo colpisce altre specie e soggetti. Lo stato dei mari europei è compromesso, principalmente a causa della pesca eccessiva e dei cambiamenti climatici, mentre le acque dolci soffrono per acidificazione e habitat alterati. L’inquinamento chimico ha un impatto negativo su sia sui corsi e invasi d’acqua dolce che sull’acqua marino-costiera.acqua2

Un oceano di plastica

La plastica prodotta in serie è stata introdotta intorno alla metà del secolo scorso come un materiale miracoloso: leggero, plasmabile, e resistente. Da allora, la produzione di materie plastiche è aumentata rapidamente e ora la produzione annuale supera i 300 milioni di tonnellate e… non scompare dall’ambiente!

Cambiamenti climatici e acqua: mari più caldi, inondazioni e siccità

Il cambiamento climatico sta aumentando la pressione sui corpi idrici. Dalle inondazioni e dalla siccità, all’acidificazione degli oceani e all’innalzamento del livello del mare, gli impatti dei cambiamenti climatici sull’acqua dovrebbero intensificarsi negli anni a venire. È quanto mai necessario che ogni Stato e Federazione di Stati attui misure pronte, efficaci e drastiche per fermare questo fenomeno.acqua3

L’acqua nelle città

Diamo tutto per scontato nelle nostre case: apriamo i rubinetti, scarichiamo le acque reflue e ci aspettiamo che sarà per sempre così. Ma sbagliamo. Per la maggioranza dei cittadini europei, l’acqua nelle abitazioni è potabile e disponibile 24 ore al giorno, ma l’acqua fa un lungo viaggio per arrivare nelle nostre case e incontra molti ostacoli.

Gestire l’acqua in una città non è una questione che interessa solo i gestori dei sistemi idrici pubblici.

Il cambiamento climatico, lo sviluppo urbano e le modifiche ai bacini fluviali possono portare a più frequenti e dannose inondazioni nelle città, lasciando alle autorità una sfida sempre più grande.

Per scaricare il rapporto integrale QUI

Fonte: ilcambiamento.it