L’Ue bacchetta l’Italia sulla gestione delle aree protette

La malagestione delle aree protette potrebbe costare all’Italia l’ennesima procedura di infrazione da parte della Commissione Europea170916991-586x389

L’Italia rischia l’ennesima procedura di infrazione da parte della Commissione Europea per il mancato rispetto delle aree protette. Per il nostro Paese non sarebbe certo una novità viste le precedenti 93 procedure di infrazione. Insomma l’Italia è uno scrigno di bellezze e di biodiversità, ma, se si escludono alcune operazioni di facciata, ben poco viene fatto per preservare e capitalizzare questo tesoro naturalistico. La questione è stata oggetto di un fitto carteggio iniziato la scorsa estate e giunto a un punto nodale negli scorsi giorni quando la Commissione Europea ha chiesto a Palazzo Chigi una serie di informazioni supplementari. Manca la trasparenza sulle procedure che devono valutare l’incidenza ambientale, c’è assenza di comunicazione fra i livelli amministrativi, le decisioni vengono prese da personale impreparato e inadeguato, le realtà che hanno in carico le riserve naturali non vengono interpellate e il Governo Renzi ha più volte ventilato l’ipotesi di sopprimere il Corpo Forestale che l’Ue vorrebbe rafforzato. Insomma le aree sottoposte a tutela sono 2589 ma, per malagestione e miopia, vengono svendute al miglior offerente, in barba alla gestione e al controllo che spetterebbero agli enti locali. E così viene autorizzata la pesca sportiva nelle aree protette come quella delle ex cave Danesi, si autorizza la costruzione di una centrale a biomasse a ridosso della riserva dell’Alto Merse, si approva l’ampliamento dell’aeroporto di Cagliari, a due passi dall’habitat protetto del pollo sultano e così via.

La lista delle prescrizioni della Commissione Europea all’Italia consta di 21 punti, con tanto di esempi nei quali vengono sottolineati il pressapochismo e l’approssimazione con il quale vengono gestite le aree protette. Nella richiesta di chiarimenti la Commissione evidenzia come l’Italia autorizzi interventi nelle aree protette senza valutazioni sull’impatto, ma non solo, alcuni progetti vengono “approvati nonostante l’accertata incidenza negativa”. Secondo la Commissione Europea c’è “un problema di natura sistematica nell’applicazione” delle direttive ambientali comunitarie. E nella sua reprimenda la Commissione Europea cita anche le forze armate che effettuano esercitazioni in siti Natura 2000 di diverse regioni italiane (Friuli Venezia Giulia, Puglia, Emilia Romagna, Abruzzo, Sardegna, Sicilia). Insomma che cosa ci si può attendere se sono gli organi dello Stato i primi a non rispettare le leggi?

Fonte:  L’Espresso

© Foto Getty Images

Annunci

COMUNITÀ EUROPEA: 99 procedure di infrazione ancora aperte per l’Italia

comunità europea

Il Ministro Moavero si è detto soddisfatto della “diminuzione delle procedure di infrazione” con il governo Monti “passate da circa 130 a 97”. Moavero ha aggiunto che le leggi previste dalla Comunitaria 2011/2012 non sono state adottate pienamente.

Tuttavia in campo ambientale gli sforzi dell’Italia continuano ad essere insufficienti, come testimoniano le 26 procedure d’infrazione ancora aperte in questo ambito. A lanciare l’allarme è stata Legambiente preoccupata per il risanamento delle acque superficiali e dei bacini del nostro Paese.

Elenco delle procedure di infrazione in essere contro l’Italia suddivise per materia e aggiornate al 23 gennaio 2013

Affari interni 2
Affari economici e finanziari 3
Affari esteri 4
Agricoltura 2
Ambiente 26
Appalti 7
Comunicazioni 2
Concorrenza e aiuti di stato 4
Energia 3
Fiscalità e dogane 11
Giustizia 2
Lavoro e affari sociali 9
Libera circolazione dei capitali 1
Libera circolazione delle merci 3
Libera circolazione delle persone 3
Libera prestazione dei servizi e stabilimento 2
Pesca 2
Salute 5
Trasporti 7
Tutela dei consumatori 1
Totale 99

Fonte: QuotidianoLegale