Parco Nazionale del Gargano, secco NO all’ eolico Offshore: “Minaccia cicogne e gru”

gargano-3

Il Parco Nazionale del Gargano dice no alla centrale Eolica OffShore della società Trevi Energy Spa. Il progetto prevede la costruzione di 60 turbine, alte 150 metri, davanti alle isole Tremiti. Il Parco Nazionale del Gargano si oppone a un progetto di eolico offshore che interessa le acque antistanti i comuni di Chieuti, Serracapriola e Lesina. I comuni ricadono nel territorio del Parco e sono posti di fronte all’area marina protetta delle isole Tremiti.

Scopriamo qualcosa in più sul progetto e sul perché del rifiuto.

Il NO del Parco nazionale del Gargano all’eolico Offshore

Un impianto composto da 60 turbine, alte 150 metri, disposte in una superficie di 40 chilometri quadrati. È questo il progetto che ha risvegliato il diniego del Parco nazionale del Gargano, contrario a realizzare un impianto di eolico offshore di fronte alle Isole Tremiti. Le motivazioni sono da cercarsi nell’ impatto ambientale che l’installazione potrebbe avere sulla fauna presente nell’area. Un’opera che, quando è stata presentata, non solo aveva suscitato l’opposizione dell’Ente Parco, ma anche della comunità dei pescatori, preoccupati per l’impossibilità di continuare il proprio operato.

Il Progetto

Il progetto porta la firma della Trevi Energy Spa di Cesena. L’azienda ha chiesto al Ministero delle Infrastrutture una concessione demaniale per 25 anni. L’idea prevede la realizzazione di un impianto di turbine nelle acque antistanti i Comuni di Chieuti, Serracapriola e Lesina, ricadenti nel territorio del Parco e poste proprio di fronte all’area marina protetta delle Isole Tremiti. L’impianto è composto da 60 turbine, dalla potenza di 3,3 MW per complessivi 198 MW. Per realizzarlo è prevista, naturalmente, tutta una serie di opere e infrastrutture, tra cui una stazione marina di trasformazione elettrica ed una condotta sottomarina lunga 8,5 chilometri.

Il secco NO del Parco Nazionale del Gargano

Secondo il Parco Nazionale del Gargano, il progetto non considererebbe l’impatto degli aerogeneratori sull’avifauna migratrice e stanziale.

«Il promontorio del Gargano e le Isole Tremiti – sostiene l’Ente Parco – costituiscono un corridoio ecologico di importanza internazionale per le rotte di migrazione dell’avifauna in direzione nord-sud (Europa-Africa) ed est-ovest (Balcani-Italia), in particolare per rapaci e veleggiatori come cicogne e gru».

Che cos’è l’eolico offshore

Con il termine eolico offshore si intendono i vari tipi di impianti eolici, installati nel mare aperto. Si tratta di decine di turbine, impiantate al largo delle rive, che possono presentarsi in molteplici formazioni: a stormo, ad esempio, a delta o a filari lineari. Tempo fa, un rapporto dell’European Wind Energy Association (EWEA) aveva evidenziato come l’Unione Europea, nel tratto che va dal Portogallo alla Finlandia, potrebbe produrre 4 volte l’energia necessaria al suo fabbisogno totale, attraverso l’installazione delle turbine eoliche offshore galleggianti. Le potenzialità di progetti del genere nascono dal fatto che in mare aperto c’è una migliore qualità e quantità del vento e nessun vincolo paesaggistico. In teoria, almeno, viste le opposizioni recentemente avanzate dal Parco Nazionale del Gargano.

Fonte: ambientebio.it

Annunci

Rifiuti del Gargano, trasporto su rotaia. Vendola, Giannini e Nicastro “Unici in Italia”

 

Vendola: “Trasportare i rifiuti solidi su rotaia e non più su gomma rappresenta una soluzione sperimentale e avanguardistica, unica in Italia, che ci consentirà di dare una risposta ai comuni del Gargano”. Il trasporto su gomma è molto più costoso a causa dei tornanti e delle lunghe distanze dagli impianti379940

“Noi vogliamo portare sui territori della provincia di Foggia e del Gargano la nostra sfida più alta. Trasportare i rifiuti solidi su rotaia e non più su gomma rappresenta una soluzione sperimentale e avanguardistica, unica in Italia, che ci consentirà di dare una risposta ad un problema che costituisce un’ansia particolare per gli amministratori e per i cittadini, quello cioè dello smaltimento dei rifiuti in territori particolarmente impervi come quello del Gargano”. Così il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola in conferenza stampa questa mattina, insieme con gli assessori all’Ambiente Lorenzo Nicastro e ai Trasporti Gianni Giannini, per la presentazione del progetto sul trasporto intermodale dei rifiuti solidi urbani dei Comuni del Gargano, progetto realizzato in collaborazione con le Ferrovie del Gargano.
“Il trasporto intermodale di rifiuti con la ferrovia – ha aggiunto il Presidente Vendola – esiste in territori come l’Olanda, il Belgio, la Svizzera e la Danimarca. In Italia non esiste e per noi è un avanzamento notevole poterlo pensare in territori in cui la parcellizzazione del trasporto dei rifiuti è un fenomeno organico ad interessi criminali che insistono sul ciclo dei rifiuti. Ai concetti di efficienza, sostenibilità ed economicità, io vorrei aggiungerei una quarta parola, legalità. Avere un vettore unificato – ha proseguito Vendola – che trasporta i rifiuti di tutto il territorio garganico lungo un percorso di 120 km significa avere una capacità di controllo sul ciclo dei rifiuti inconcepibile nel trasporto di un tempo, quando mille flussi trasportistici impedivano il controllo non solo sugli ingredienti criminali, ma anche sugli ingredienti di inciviltà e di sciatteria”.
“Io sono particolarmente contento – ha concluso Vendola – oggi è una giornata gratificante, questo salto epocale potrà servirci anche ad aiutare tutti ad avere più cura di un territorio delicato come il Gargano, un territorio che merita meno retorica e più amore concreto”.

Per l’assessore alla Qualità dell’Ambiente Lorenzo Nicastro “si tratta di una attività di studio che ha origine nel 2010, frutto del lavoro concertato tra le strutture regionali e i comuni del Gargano che si è tradotta in un progetto vero e proprio grazie all’apporto delle Ferrovie del Gargano. Oltre agli evidenti vantaggi in termini di sostenibilità e di costi – ha aggiunto Nicastro – vi è anche un non trascurabile vantaggio in termini di controllo di legalità dei flussi”.
“Quando l’attività di impresa è svolta nel solco del bene comune – ha aggiunto l’assessore alle Infrastrutture Giovanni Giannini – nasce una sinergia tra pubblico e privato di cui la collettività tutta beneficia. Questo progetto che proietta la Puglia in Europa ha un forte valore aggiunto in termini di efficienza dei collegamenti alla quale la Regione sta lavorando con una forte azione di potenziamento della rete”.

Note sul progetto

Si chiama “Trasporto intermodale rifiuti solidi urbani dei Comuni del Gargano“ ed è un progetto proposto dai Comuni dell’Ambito di raccolta ottimale n. 5 della provincia di Foggia e redatto da Ferrovie del Gargano s.r.l.. Recentemente approvato dalla Giunta per l’adozione della modalità ferroviaria per il trasporto dei rifiuti indifferenziati all’impianto di Cerignola per tutti i Comuni dell’ARO 5/FG, ed altri Comuni quali Vieste, Apricena, Poggio Imperiale, San Severo, Torremaggiore, San Paolo di Civitate, Serracapriola. Una innovazione che non ha precedenti in Italia e si ispira invece a prassi consolidate in Olanda, Belgio e Danimarca con l’obiettivo di ridurre i costi di trasferenza dei rifiuti, efficientare le movimentazioni, ridurre l’impatto ambientale del ciclo di smaltimento e, non ultimo, rendere tracciabile e trasparente i percorsi degli Rsu attraverso una centralizzazione del traffico.

 

Fonte: ecodallecittà.it