Superluna: la fotogallery del fenomeno astronomico del 12 luglio 2014

Quest’estate la Superluna tornerà il 10 agosto e l’8 settembre

L’hanno chiamata la Superluna, perché una Luna così la si vede raramente. Il fenomeno che si è verificato sabato 12 luglio fa parte di una stagione davvero particolare: nel 2014, infatti, le Lune Piene giganti saranno ben cinque: per quanto riguarda il periodo estivo, lo show è cominciato il 12 luglio e si concluderà l’8 settembre, raggiungendo l’apice del proprio splendore il 10 agosto (sì, proprio la notte di San Lorenzo) quando il satellite avvicinerà il nostro pianeta arrivando a una distanza di “soli” 363.319 chilometri contro gli abituali 382mila. In inverno c’erano già state due superlune il 1° gennaio e il 30 gennaio. Dunque chi si fosse perso lo spettacolo di sabato scorso (che si può ammirare nella nostra fotogallery e nel video) potrà rifarsi fra poco meno di un mese.US-ASTRONOMY-SUPERMOON

PALESTINIAN-ISRAEL-CONFLICT-MOON-FEATURE

Moon Appears Larger Than Normal, As Its Closer To Earth

Moon Appears Larger Than Normal, As Its Closer To Earth

BRAZIL-RIO-CHIRIST THE REDEEMER-MOON

BRAZIL-RIO-CHIRIST THE REDEEMER-MOON

La Superluna è un evento che si verifica regolarmente quando la Luna si trova in perigeo ovverosia nel punto più vicino alla Terra durante il percorso della sua orbita. Proprio in virtù di questa maggiore prossimità, il nostro satellite appare fino al 14% più grande e il 30% più luminoso del solito. Il termine “supermoon”, in italiano “superluna”, è stato coniato dall’astronomo Richard Nolle sul cui sito sono calendarizzate tutte le superlune del secolo, dal 2001 al 2100.

© Foto Getty Images

Fonte: ecoblog.it

Langhe, Roero e Monferrato patrimonio dell’Umanità Unesco: la fotogallery esclusiva

L’area del Basso Piemonte è il cinquantesimo sito italiano a entrare nella lista del World Heritage. L’elenco dei 29 comuni

LangheRoero e Monferrato entrano a far parte della lista del World Heritage e da domenica scorsa sono Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco. I paesaggi del Basso Piemonte hanno conquistato la delegazione che si è ritrovata a Doha per decidere delle sorti dell’area nota per le coltivazioni vitivinicole e per una cultura enogastronomica unica al mondo. Per due terzi del secolo scorso, le Langhe descritte dagli scrittori Cesare Pavese Beppe Fenoglio sono state luoghi di grande povertà, in cui si arava la terra con le mani. La Langa era terra di “malora”, vale a dire di miseria. Poi dagli anni Settanta in poi qualcosa è cambiato: il processo di trasformazione è stato lento e inesorabile e questo territorio ha saputo trasformarsi in una potente attrazione turistica e in un solido distretto economico grazie ai suoi paesaggi e all’altissima qualità della sua proposta enogastronomica.??????????????????????

??????????????????????

??????????????????????

??????????????????????

??????????????????????

????????????????????????????????????????????

??????????????????????

??????????????????????

??????????????????????

??????????????????????

??????????????????????

??????????????????????

??????????????????????

??????????????????????

??????????????????????

??????????????????????

??????????????????????

??????????????????????

Per prossimità territoriale anche le colline del Roero e del Monferrato sono state incluse nel territorio di 29 comuni protetti dall’Unesco. Tre sono le province che ospitano i 29 comuni: quella di Asti (Agliano Terme, Castelnuovo Calcea, Mombercelli, Montegrosso d’Asti, Nizza Monferrato, Vaglio Serra, Vinchio, Calosso e Canelli), quella di Alessandria (Camagna Monferrato, Cella Monte, Frassinello Monferrato, Olivola, Ottiglio, Ozzano Monferrato, Rosignano Monferrato, Sala e Vignale), quella di Cuneo (Santo Stefano Belbo, Barolo, Castiglione Falletto, Diano d’Alba, La Morra, Monforte d’Alba, Novello, Serralunga d’Alba, Grinzane Cavour, Barbaresco e Neive). Accanto a questi comuni ve ne sono altri 72 che sono considerati come “buffer zone” o zone cuscinetto: non sono patrimonio Unesco ma devono rispettare determinati criteri di tutela del paesaggio e dell’ambiente. Nella fotogallery le immagini scattate in un itinerario segnalato che tocca i comuni di Monforte d’AlbaCastiglione FallettoBarolo e Novello.

Foto | Davide Mazzocco | Paula Dias

Fonte: ecoblog.it