IL CAMBIAMENTO DAL VIRTUALE AL REALE

“Io faccio così”, mi hanno assicurato centinaia di italiani. E noi? E voi?8598301328_4bd044094c_o

 

Sono stanco stanco stanco di sentire associare il nostro Paese e le nostre genti agli stereotipi, alla decadenza, alle italiche difficoltà di vivere e agire. Certo, sono vere, sono reali, le pecche che tutti ci rinfacciano. Ma noi siamo anche altro, anzi siamo soprattutto altro. Dopo aver trascorso sette mesi (e sette giorni) in camper visitando tutte e venti le nostre regioni posso dirlo con certezza: l’Italia non è solo la malapolitica, i personaggi dei reality show, i calciatori, le veline, la decadenza, la furbizia, l’individualismo e l’arte di arranggiarsi. Ho incontrato oltre 400 realtà e centinaia di persone, e molte di più non ho potuto incontrarle per mancanza di tempo, e tutte erano accomunate dalla stessa voglia di fare, dalla stessa luce negli occhi, dalla stessa capacità di sognare l’impossibile e di realizzarlo. Lontano dai riflettori dei mass media, quindi, vive e agisce un’Italia diversa , fatta di imprenditori che non mettono al primo posto il profitto, ma il senso di ciò che fanno, il rispetto per il territorio in cui vivono, le persone e le relazioni e che in questo momento storico non solo non chiudono, ma assumono nuovo personale;

un Paese fatto di giovani e meno giovani che scelgono di coltivare la terra in modo “nuovo”, andando aldilà della storica contrapposizione tra natura e cultura e cercando di ricucire i rapporti tra campagna e città;

un’Italia costituita da donne e uomini che riescono a portare cultura speranza in territori difficili come quelli delle periferie urbane, che riescono a costruire modelli energetici, alimentari, politici e sociali funzionanti e innovativi;

l’Italia dei movimenti, dei singoli, degli anziani, delle maestre di scuola, di quelli che lasciano il posto fisso per inseguire il proprio sogno, di quelli che si inventano un modello di vita sostenibile, che riescono a mantenersi e mantenere la propria famiglia con pochi soldi.Io-faccio-così_piatto-658x1024

E’ un’Italia che incontra moltissime difficoltà nella propria quotidianità, che è oppressa dalla burocrazia, spesso ostacolata dalle istituzioni, ma che non molla e non dimentica quanto sia ancora più difficile arrendersi, non cambiare, non lottare per ciò in cui si crede e ciò per cui ha senso vivere. Ho girato tutta l’Italia e le persone che ho incontrato mi hanno raccontato la loro esperienza, mi hanno spiegato le loro aspirazioni e le loro difficoltà e mi hanno rassicurato: “ Io faccio così “, sembravano dirmi. “Sì può fare”, mi mostravano e dimostravano. Finito il viaggio mi sono rinchiuso a scrivere ed ecco che è nato il libro edito da Chiarelettere. Spero che troverete il modo di leggerlo e di farmi sapere che ne pensate. Colgo l’occasione per ringraziare Paolo Cignini e Elisa Cutuli che hanno condiviso lunga parte del viaggio con me e hanno realizzato molte delle foto e dei video che accompagnano questa esperienza e Simone Perotti che in tempi non sospetti mi ha dato la forza e il coraggio di intraprendere questo cammino.

Daniel Tarozzi

LE PROSSIME PRESENTAZIONI DEL LIBRO (SI COMINCIA LUNEDI’ DA MILANO!)

28/10/2013
18:30 – 20:00
Presentazione del Libro “Io Faccio Così” di Daniel Tarozzi
Libreria Feltrinelli, Milano
02/11/2013
21:00 – 22:00
“Io faccio così”, presentazione a Ravenna
DOCK61 – Circolo Arci, Ravenna
06/11/2013
21:00 – 22:30
Presentazione del Libro Io Faccio Così
Sala Multimediale -Biblioteca “S. Grimaldi”, Rivalta di Torino To
13/11/2013
21:00 – 22:30
Presentazione del libro Io Faccio Così con Daniel Tarozzi
Luna’sTorta, Torino To
30/11/2013
18:00 – 23:30
Italia (che cambia) in festa!
La Pelanda, Roma Roma

Fonte: il cambiamento

 

Parole di incoraggiamento bellissime e inaspettate

La famiglia di Riley England, un bimbo di 8 anni di China Grove (North Carolina), si trovava a cena in un ristorante della città, quando una cameriera si è avvicinata ad Ashey, la mamma di Riley, e, piangendo a dirotto, le ha comunicato che uno sconosciuto aveva già pagato il conto per tutta la famiglia e che l’aveva pregata di dar loro un biglietto.Riley-England-Note-609x350

Sorpresa per le lacrime della cameriera, Ashley England ha aperto il bigliettino e incredula ha letto il seguente messaggio: “Dio affida i bambini speciali solo alle persone speciali”. Il piccolo Riley – il bel bambino che sorride nella foto a lato – soffre di epilessia, non riesce ad esprimersi attraverso le parole ed ha subito ben tre delicati interventi al cervello e, durante la cena, stava diventando piuttosto impaziente ed irrequieto.

“Le ultime settimane”, ha spiegato Ashley alla stampa, “sono state piuttosto difficili e spossanti per noi, specialmente fuori casa. Riley cominciava ad urlare e a battere i pugni sul tavolo e so che a qualcuno dà molto fastidio. Ma se uno non si trova nei nostri panni, non ha diritto di giudicare. Perché dà per scontato anche un semplice “ti voglio bene” da parte del proprio figlio”.

Perciò, dopo che la cameriera si è avvicinata al tavolo dicendo “Cercherò di dirvelo senza piangere, ma un altro cliente vi ha già pagato la cena e vuole che vi dia questo biglietto”,Ashley è scoppiata a piangere, sopraffatta da tanta gentilezza ma, soprattutto, per le inaspettate parole di incoraggiamento.

“Vedere che qualcuno ha fatto questo per noi, ci dimostra che c’è chi capisce perfettamente ciò che proviamo e quanto sia difficile per noi, a volte, stare in mezzo alla gente. Mi ha fatto piangere, è stata una vera benedizione, più di quanto possa immaginare. Mi ha fatto dimenticare tutti i commenti negativi e cattivi. Li ha spazzati via completamente. Esistono ancora persone che hanno un cuore!”

Ashley, infine, ha voluto ringraziare pubblicamente la persona che ha pagato la cena, ma soprattutto per le bellissime parole di incoraggiamento nei loro confronti: “Non poteva sapere quali difficoltà abbiamo dovuto affrontare ultimamente e in quel momento avevamo davvero bisogno di una parola di conforto. Grazie!”

Fonte: buone notizie.it

Un condominio di Helsinki condivide il cibo per risparmiare e limitare lo spreco alimentare

timthumb

 

Nei piccoli paesini offrire del cibo che avanza ai propri vicini è del tutto normale e fa parte della quotidianità, lì dove ancora si può lasciare la chiave alla porta e ognuno sa tutto di tutti. Ma nella maggioranza delle città ogni famiglia è chiusa nel proprio guscio e così come si tende a non chiedere nulla, allo stesso modo non si pensa ad offrire quello che si ha. Sembra quasi assurdo che si sia dovuti ricorrere ad un piano strategico eppure ad Helsinki, nel quartiere di Roihuvuori, una società ha proposto un innovativo sistema per ridurre gli sprechi alimentari. Ha creato un punto per il food sharing di quartiere, un luogo dove tutti gli abitanti della stessa zona possono portare il loro cibo in eccesso o usufruire di quello a disposizione. Il progetto, unico al mondo, si chiama ‘Saa syödä!’ (letteralmente ‘Licenza di mangiare‘) ed è stato messo a punto da alcune società private (tra cui MTT, Motiva, Agrifood Research Finland) con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente. Secondo dati di MTT, presentati a St.Malo nel 2012, le famiglie della Finlandia ogni anno spediscono nella spazzatura tra 120 160 milioni di kg di cibo, corrispondente al 4,5% di quello acquistato: una cifra davvero esorbitante! Il ricercatore Kirsi Silvennoinen ha stimato che ogni persona butta almeno 20-30 kg di cibo.

Come si potrebbe intervenire per ridurre gli sprechi?

L’idea è quella di mettere a disposizione una punto dio raccolta comune dove ogni famiglia del quartiere è invitata a depositare piatti pronti, verdure, prodotti alimentari non aperti ma con data di scadenza imminente, di modo che i vicini possano servirsi di avanzi ancora integri che altrimenti verrebbero gettati senza problemi. Attraverso un blog e Facebook, le 200 famiglie che fanno parte del progetto potranno essere costantemente aggiornate sui prodotti disponibili. Sempre MTT ha calcolato che in Finlandia le emissioni prodotte per produrre  la quantità di alimenti gettati equivale a quelle prodotte da ben 100.000 automobili; forse è proprio il caso di iniziare a dare maggiore risalto a questa tematica, troppo spesso messa in secondo piano. A nessuno verrebbe mai in mente di inquinare mentre svuota una scodella di tortellini in eccesso nel secchio della spazzatura ma come facciamo attenzione a limitare gli spostamenti in auto o a separare la carta dalla plastica, ugualmente dovremmo avere un approccio più funzionale nella gestione della spesa alimentare. E non dobbiamo di certo aspettare che qualcuno dall’esterno venga a proporci di condividere i nostri avanzi con il vicino di casa!

Fonte: tuttogreen

Il compostaggio domestico senza giardino: “bastano undici vasi”

Pratica diffusa soprattutto fra chi vive in campagna e coltiva un orto o un giardino, molto meno fra chi ha a disposizione soltanto un piccolo balcone e abita in una grande città. Per queste persone il compostaggio domestico è destinato a rimanere un miraggio? Lo abbiamo chiesto a Alberto Confalonieri della Scuola Agraria del Parco di Monza375826

Lorenzo Marinone

Tra le frazioni per cui è prevista la raccolta differenziata l’organico è quella che rende di meno ai Comuni. Carta, plastica, vetro e lattine raccolte separatamente vengono avviate a riciclo con un notevole recupero di materia. L’ organico diventa compost tramite gli impianti di compostaggio che producono anche energia , ma i costi di tutto questo lavoro, dalla raccolta in giù, superano i ricavi. Si può azzerare questa voce grazie alla pratica del compostaggio domestico. Pratica diffusa soprattutto fra chi vive in campagna e coltiva un orto o un giardino, molto meno fra chi ha a disposizione soltanto un piccolo balcone e abita in una grande città. Per queste persone il compostaggio domestico è destinato a rimanere un miraggio? Lo abbiamo chiesto a Alberto Confalonieri della Scuola Agraria del Parco di Monza.
Il compostaggio domestico è una pratica possibile anche per chi abita in una grande città e non ha a disposizione un giardino?

Tecnicamente sì, non ci sono controindicazioni né problemi insormontabili.

A Torino la produzione di organico compostabile pro capite raggiunge i 50-60 kg l’anno. Che possibilità ha una famiglia media (2,5 persone) di utilizzare il compost che ne ricava?

Facciamo due conti. 60 kg l’anno significa 150 kg in totale a famiglia. Considerando che nel corso del processo di decomposizione l’organico arriva a perdere fino al 70% del proprio peso in 12 mesi, a fine anno la nostra famiglia media ottiene circa 45 kg di compost puro (che occupano un volume minimo, adatto a balconi di qualsiasi dimensione). Compost che non può essere utilizzato così com’è, ma va diluito. Questo prodotto infatti ha un’elevata salinità, deve essere mescolato in parti uguali con il comune terriccio. Se poi il compost ottenuto non è perfettamente maturo (cioè “respira” ancora, come si dice in gergo) è possibile che entri in competizione con l’apparato radicale delle piante concimate: diluirlo riduce notevolmente questo rischio.

Per intenderci, a quanti vasi corrispondono questi 45 kg?

Prendiamo i vasi più comuni, quelli rettangolari di dimensioni 20x20x50 cm, quindi con un volume di 0,02 m3. Se la densità del compost è di 0,4 t / m3 allora ogni vaso potrà contenere 4 kg di compost e altrettanti di terra. Questo significa che a una famiglia media serviranno poco più di 11 di questi vasi per utilizzare tutto il compost prodotto; se consideriamo invece un nucleo familiare di 4 persone il numero di vasi sale a 18.

Quindi si produce più compost di quanto è ragionevolmente possibile utilizzare per le piante da balcone, a meno che non si abbia un terrazzo. Sempre che i vicini siano d’accordo. Per quanto riguarda possibili odori sgradevoli?
In realtà anche in questo caso si tratta di un falso problema. Non tutto l’organico è compostabile: bisogna evitare soprattutto gli scarti di origine animale (che possono invece essere conferiti nel bidone della raccolta differenziata dell’organico) perché rilasciano una quantità importante di ammoniaca, che può creare una situazione di disagio per la puzza. Altra regola fondamentale è fare in modo che la compostiera sia ben areata, in particolare rivoltandone regolarmente il contenuto. L’ammoniaca infatti viene rilasciata anche a fronte di un’ossigenazione insufficiente. Tutte operazioni semplici che chiunque può eseguire senza che si vengano a creare problemi per sé e per gli altri.

Fonte: eco dalle città

“NOI, FAMIGLIA TUTTA GREEN ANCHE NEL CUORE DELLA CITTÀ”

torino

 I Grisorio sono forse gli unici nel capoluogo torinese a non essere allacciati alla rete del gas e a guadagnarci sulla luce –

 

LA FAMIGLIA Grisorio è — probabilmente — l’unica a non essere allacciata alla rete che distribuisce il gas in città, a raccogliere e utilizzare l’acqua piovana e a scambiare l’energia che produce attraverso i suoi pannelli solari con quella che arriva attraverso un gestore. Carlo (idraulico) e la moglie Monica (dietista) cercano di insegnare a Mattia e Elisa, otto e cinque anni, che l’acqua del rubinetto è migliore di quella in bottiglia, e che bevendola il pianeta non si “sporca” né con la plastica da smaltire né con i camion che devono trasportarla. Ma i Grisorio, una giovane coppia che ha acquistato e rimesso a nuovo 130 metri di casa in via Aosta («cadeva a pezzi, la vedevamo dal nostro condominio e alla fine l’abbiamo comprata») non sono due “talebani” dell’ecologia: oltre alla passione, ci sono i conti. Che dicono che la “casa pulita” che hanno messo a posto con le loro mani e l’aiuto dei parenti conviene: a fine anno, la bolletta della luce, che deriva dal dare e avere dei due contatori, costerà loro meno della metà di quella di una casa “normale”, grazie ai kilowatt prodotti in proprio e agli sconti statali. Tutto è pensato per ridurre o eliminare, quando si può, lo spreco di energia: i pannelli sul tetto accumulano calore, l’acqua del serbatoio riscalda le stanze attraverso i pavimenti e entra nella lavastoviglie alla giusta temperatura (in questo modo non si utilizza la resistenza interna), mentre pranzo e cena si preparano su una piastra a induzione, che non brucia le pentole, ma scalda direttamente i cibi. Perfino gli intonaci sono traspiranti e, per quanto possibile, “naturali”.
Calcolando i fabbisogni della sua famiglia — che utilizza tre bagni, essendo non casualmente quella di un idraulico — e i
giorni di pioggia in città, Carlo Grisorio ha fatto costruire e interrato in cortile un secondo serbatoio da 5.000 litri, dove finisce
l’acqua piovana che poi una pompa fa risalire nei bagni e nella lavatrice. Perfino il ghiaccio che si forma all’esterno dell’impianto di riscaldamento va a finire nella vasca sotterranea. «In un condominio — spiegano gli eco-risparmiatori di via Aosta — queste cose non si possono fare, al massimo riuscivamo a utilizzare meglio il riscaldamento grazie alle valvole applicate ai termosifoni. Qui decidiamo noi,
e durante questo primo inverno abbiamo capito che 18 gradi sono più che sufficienti per stare bene». Un solo rimpianto: «Al mattino è impossibile andare a piedi o con i mezzi, con i bambini in due scuole diverse e io e mia moglie che dobbiamo arrivare puntuali al lavoro. Così saliamo tutti sulla stessa auto, a gas s’intende, e facciamo il giro. Ma al pomeriggio, quando si può, si va a piedi». E molti obiettivi ancora da realizzare: la facciata esterna della casa è da finire, ma Carlo sogna di realizzare un “cappotto” per la sua casa, ovvero un’intercapedine che serva a limitare ancora di più la dispersione. E il cortiletto diventerà uno spazio verde. Quanto alla scala interna, quella è già stata rinnovata, l’ha fatta con le sue mani il nonno, carpentiere in pensione.

Fonte: La Repubblica del 24.02.2013