Il futuro della plastica a Napoli: dai funghi al design

Ricavare dai funghi la plastica e trasformarla con il design in oggetti di uso quotidianoplastica-620x350

Coltivare gli oggetti che usiamo quotidianamente: può sembrare una fantasia eppure il growing design è un progetto attivo di Maurizio Montalti/Officina Corpuscoli che con la Fondazione Plart presenta la mostra The future of plastic organizzata a Napoli in collaborazione con l’Ambasciata del Regno dei Paesi Bassi. PLART è una fondazione che persegue ricerca e innovazione in relazione al recupero, restauro e conservazione di progettazione e opere d’arte, prodotti in plastica. Cura il progetto Marco Petroni che ha scelto gli oggetti in materiale plastico sviluppati nell’ambito del The growing Labdove sono usati i miceli per creare nuovi materiali dalle caratteristiche pari alla plastica.plastica-funghi-2

plastica-funghi-3

plastica-funghi

plastica-funghi1

Maurizio Montalti è un designer italiano che vive a Amsterdam e che presenta il percorso che porta dalla coltivazione degli oggetti di cui si cibano i funghi sviluppando filamenti a rete, il micelio, che funziona come un vero legante. In pratica si usano oggetti di scarto di tipo agricolo, fibre o materiali organici o materiali polimerici e si consente ai funghi di cibarsene. Il processo è naturale e ricorda il procedimento usato dalle stampanti 3-D.

La mostra sarà inaugurata il 10 luglio e sarà visitabile fino al prossimo 27 settembre.

Fonte:  La città di Salerno

Foto | Officina Corpuscoli @ Facebook

La sedia di design ricavata dal cestello della lavatrice: Miss Savonarola

Il riciclo creativo può davvero rivoluzionare l’approccio che abbiamo con gli oggetti e la materia: è il caso della sedia di design Miss Savonarola progettata e costruita da Mariangela Brandomiss-savonarola-620x350

La sedia di design Miss Savonarola è stata ricavata dal cestello di una lavatrice raccolto in discarica. Tagliato con il flex è stato diviso in due semi cilindri. Con l’ausilio di sette lamietre il lavoro è stato completato. La verniciatura ha completato il lavoro e sono state usati colori a resina sintetica.

Spiega Mariangela Brando l’autrice del progetto:

L’opera realizzata dimostra che è possibile tirar fuori il “bello” da qualcosa che di bello non ha più nulla come una vasca di una lavatrice ritrovata in discarica.

La sedia ora è espost da Illum in via Baracca 3/A Firenze e i visitatori oltre a ammirarla potranno anche votarla per il concorso arte differenziata che vede in concorso 30 opere tutte da riciclo creativo progettate da artisti con meno di 30 anni.

Fonte: ecoblog

THE GREEN BIKE, biciclette olandesi alla Settimana del Design

Ciclotour, installazioni ed incontri sulla mobilità dolce e il verde urbano, insieme al Consolato d’Olanda, durante il Salone del Mobile, dal 9-14 aprile, per le iniziative del Fuori Salone. Opere d’arte e design sul “tema bicicletta” presso tre delle più conosciute officine ciclistiche di Milano. Il programma degli eventi

374487

 

Nato in collaborazione con l’Ambasciata e il Consolato Generale dei Paesi Bassi a Milano, The Green Bike si svolgerà durante il Fuori Salone della Design Week, dal 9 al 14 aprile. L’”idea olandese” nasce dal bisogno di intervenire in maniera concreta all’interno della realtà urbana e di offrire stimoli capaci di coinvolgere il pubblico e di indirizzarlo verso modelli virtuosi di mobilità urbana,sull’esempio della ‘best practice’ dei Paesi Bassi. Dopo la conferenza stampa dell’8 aprile, con istituzioni e autorità cittadine e olandesi, durante l’intera settimana si alterneranno mostre, incontri e conferenze, utilizzando gli spazi di Milano dedicati alla filosofia della bicicletta e i tre negozi di biciclette Equilibrio Urbano, in zona Isola, Nord; Rossignoli, Corso Garibaldi, Centro città; Olmo, Piazza Vetra, Zona Sud. Saranno esposte opere d’arte e di design legate al mondo della bicicletta, come le originali biciclette in legno di Jan Gunneweg. Tutte le installazioni saranno realizzate da giovani designer e paesaggisti italiani, provenienti dal Polidesign di Milano in progettazione giardini, che avranno il compito di allestire‘Paesaggi verdi urbani’ nei luoghi espositivi. Al fine di coinvolgere e stimolare il più possibile il pubblico cittadino, ogni giorno saranno  organizzati anche vari ‘BikeTours’, percorsi in bicicletta ideati in collaborazione con le associazioni Città Nascosta Milano e Inner Design, guidati da storici dell’arte o designers, per mostrare giardini nascosti, studi di creativi, aneddoti e racconti della Milano meno nota. I Bike Tours partiranno dal negozio Rossignoli di C.so Garibaldi. Sarà infine presentato il progetto della futura pista ciclabile che collegherà il centro della città con l’area Expo 2015.  Tra i partners del progetto, Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi a Milano, Comune di Milano, Provincia e Regione, Camera di Commercio, Fondazione Carialo, Flower Council of Holland, PromoGiardinaggio, Legambiente, FAI, Fondo Italiano Ambiente, Università Politecnico di Milano, Ciclobby e Bike District. Per ulteriori informazioni www.amaze.it

Gli appuntamenti del Fuori Salone di “The Green Bike” [0,13 MB]

 Fonte. Eco dalle città