Rifiuti, con il sistema CONAI evitata la realizzazione di 507 nuove discariche

In 15 anni il sistema CONAI ha permesso da un lato di evitare l’emissione di 74 milioni di tonnellate di CO2 e dall’altro l’avvio a smaltimento di 60,5 milioni di tonnellate di rifiuti. I dati illustrati nell’ambito della manifestazione EnergyMed

374544

Il comparto dell’industria del riciclo e recupero dei rifiuti di imballaggio risponde positivamente alla duplice crisi che stiamo attraversando, economica ed ambientale. Si conferma il settore chiave, insieme a quello delle energie rinnovabili, della green economy italiana, rappresentando, nel 2011, lo 0,61% del PIL nazionale. CONAI ha organizzato il seminario “Green economy e green industry: il recupero e il riciclo degli imballaggi” all’interno della manifestazione EnergyMed, con l’obiettivo di alimentare il dibattito circa la via da seguire per uscire dalla recessione economica. È l’occasione per approfondire il ruolo che il sistema della raccolta e del riciclo degli imballaggi riveste e capire quali possono essere gli strumenti per rendere tale sistema ancora più efficace, in termini sia di tutela ambientale (sottrazione materiali alla discarica, CO2 evitata, risparmio di materia prima, e così via) sia di sviluppo economico (disponibilità di risorse, maggiore indipendenza dalle importazioni, creazione di materie prime seconde, occupazione qualificata ed investimenti nell’ecoinnovazione). Grazie al riciclo dei materiali gestiti dal Sistema Consortile, i benefici economici ed ambientali per il Paese sono in crescita, raggiungendo la quota di 11,1 miliardi di euro nel 2011. Nel primo semestre del 2012 si registra nuovamente un “saldo positivo” netto pari a 712 milioni di euro (Fonte: Althesys «MP2 Annual Report»). In 15 anni l’operato del Sistema CONAI ha permesso di evitare da un lato emissioni diCO2 per complessivi 74 milioni di tonnellate, dall’altro l’avvio a smaltimento di 60,5 milioni di tonnellate di rifiuti che avrebbe richiesto la realizzazione di 507 nuove discariche. Il recupero complessivo dei rifiuti di imballaggio è aumentato del 132%: ciò significa che, nel 2012, sono stati recuperati ben 3 imballaggi su 4.

Fonte: eco dalle città

Valle d’Aosta. Presentato il progetto “Io Recupero, e tu?” in collaborazione con Conai. Firmati gli accordi con Ricrea, Comieco e Rilegno

Il progetto di tracciabilità dei rifiuti differenziati da imballaggio è stato presentato giovedì 21 marzo ad Aosta presso il Palazzo regionale. Contestualmente sono stati sottoscritti gli accordi con tre consorzi di filiera che, insieme a CONAI, hanno collaborato, al progetto

374284

 

Qualità della raccolta differenziata, recupero dei materiali e prevenzione dei rifiuti sono le linee guida delle iniziative del Programma triennale di prevenzione e riduzione dei rifiuti (2011-2013) della Regione Autonoma Valle d’Aosta. In linea con questi principi la Regione, grazie alla collaborazione di Conai (Consorzio Nazionale Imballaggi) e di tutti i Consorzi di filiera, su iniziativa dell’Osservatorio Regionale sui Rifiuti, ha avviato un progetto relativo alla tracciabilità dei propri rifiuti, per mostrare dove vanno e cosa diventano dopo che il cittadino ha fatto la raccolta differenziata.
Giovedì 21 marzo, presso la Saletta delle Manifestazioni di Palazzo Regionale, l’Assessore al Territorio e all’Ambiente, Manuela Zublena e il responsabile dell’Area Rapporti con il Territorio CONAI, Luca Piatto, hanno presentato i contenuti di questo progetto. Essendo questo il frutto della collaborazione con tutti i consorzi aderenti a Conai, la presentazione del progetto è stata anche l’occasione per la sottoscrizione degli accordi di programma con i consorzi Ricrea, Comieco e Rilegno per confermare e rafforzare la collaborazione fra la Regione e i consorzi. Il progetto “Io Recupero, e tu? – Tutto cambia, tutto si trasforma. Viaggio nel riciclo dei rifiuti” consiste in una vera e propria campagna di comunicazione, promossa dall’Assessorato in collaborazione con Conai. La campagna, molto articolata, prevede una serie di azioni sul territorio. La prima è la distribuzione di 6000 opuscoli informativi, realizzati in carta riciclata, che illustrano in modo chiaro e semplice la filiera dei rifiuti valdostani, con l’indicazione dei quantitativi e del destino dei rifiuti, seguendone il percorso fino a che diventano materie prime seconde. Sono inoltre riportati consigli su come fare bene la raccolta differenziata dei rifiuti di imballaggio e migliorare così il riciclo dei materiali di acciaio, alluminio, carta, legno, plastica e vetro. Oltre agli opuscoli saranno distribuiti anche dei pieghevoli informativi, che i cittadini troveranno su totem ed espositori da banco collocati all’interno degli uffici regionali, delle Comunità Montane, dei Comuni e degli ecocentri. Infine sono stati realizzati dei simpatici e funzionali segnalibri, che saranno distribuito insieme agli opuscoli negli espositori collocati all’interno delle biblioteche. Un’altra iniziativa particolarmente interessante per l’educazione in materia di raccolta differenziata è rappresentata dalle tre mostre incentrate sulla filiera del riciclo in Valle d’Aosta, che verranno allestite all’interno di tre centri di conferimento dislocati sul territorio regionale. La mostra consisterà nell’installazione di totem informativi e, dove possibile, nella proiezione di video documentari realizzati nell’ambito del Programma triennale. Saranno inoltre distribuite agli utenti borse in cotone riutilizzabili. Per promuovere la campagna sarà inoltre trasmesso nelle prossime settimane uno spot radiofonico che andrà in onda sulle principali emittenti valdostane, mentre tutte le informazioni relative alla campagna saranno disponibili anche sul nuovo sito web www.iorecuperoetu.it. Il sito nasce per fornire ai cittadini due strumenti importanti per svolgere una corretta raccolta differenziata: un dizionario dei rifiuti on-line ed una mappa con la geolocalizzazione di tutti i centri di conferimento comunali presenti sul territorio valdostano e relative informazioni di dettaglio. Non dimentichiamo, infatti, che molti rifiuti non conferibili tramite il normale sistema di raccolta (i rifiuti in legno, ad esempio) sono preziosi materiali per le filiere di riciclo e recupero e devono essere portati presso tali centri.

Gli accordi con i consorzi Ricrea, Comieco e Rilegno

Poiché il progetto ha visto la collaborazione di tutti i consorzi, la sua presentazione è stata l’occasione per la sottoscrizione degli accordi di programma con Ricrea – Consorzio nazionale riciclo e recupero imballaggi in acciaio, Comieco – Consorzio nazionale recupero e riciclo degli imballaggi a base cellulosica e Rilegno – Consorzio nazionale per la raccolta il recupero e il riciclaggio degli imballaggi di legno, per confermare e rafforzare la collaborazione fra la Regione e i consorzi. «La collaborazione con i consorzi aderenti al CONAI è molto importante per noi – ha affermato l’Assessore Zublena – infatti condividiamo gli obiettivi di ottenere un miglioramento sempre continuo della raccolta differenziata, in termini di quantità e di qualità, e di garantire l’informazione dei cittadini, perché solo grazie all’impegno di ognuno, cittadini e amministrazioni, possiamo raggiungere i nostri obiettivi per valorizzare sempre più i rifiuti, trasformandoli in materie prime seconde.» «Come Conai siamo qui per complimentarci con la Regione per l’attività svolta con il progetto “Io recupero, e Tu?” – ha sottolineato Luca Piatto, responsabile Area Rapporti col Territorio CONAI -. Un progetto che è stato portato avanti con impegno e costanza, con le risorse adeguate a realizzarlo e concluso in tempo utile. E’ di importanza fondamentale far sapere ai cittadini che il loro gesto quotidiano di separazione domestica dei rifiuti è l’anello di una catena più ampia, che coinvolge istituzioni, imprese e operatori del settore, che tutti insieme garantiscono l’avvio a riciclo dei materiali, vero obiettivo della raccolta differenziata».
«L’Accordo di Programma formalizzato oggi con la Regione rinnova una proficua collaborazione per la raccolta e riciclo di carta e cartone che ha portato a risultati particolarmente positivi – ha dichiarato Roberto Di Molfetta responsabile riciclo e recupero di Comieco-. La raccolta di carta e cartone del territorio regionale con una resa di 74 kg per abitante si pone tra le migliori a livello nazionale. Nel 2012 rispetto all’anno precedente, si è registrato un ulteriore incremento della raccolta dell’ 1% con 9.400 tonnellate complessive di carta e cartone avviate a riciclo da Comieco. Si tratta di risultato apprezzabile in un contesto di riduzione dei consumi e della produzione di rifiuti. L’Accordo di Programma punta a migliorare la logistica per l’avvio a riciclo e ad un coinvolgimento attivo delle famiglie e delle utenze economiche tramite un articolato programma di interventi». «Per Ricrea – ha sottolineato Federico Fusari, direttore dell’omonimo consorzio – la firma di oggi è un momento molto importante che certamente contribuirà a creare sinergia fra il nostro consorzio e la Regione, per garantire il continuo miglioramento del percorso che porta alla valorizzazione degli imballaggi in acciaio, verso efficienze di riciclo sempre maggiori. Guardiamo con interesse a questo territorio sul quale riteniamo di raccogliere, grazie all’aiuto dei suoi abitanti, quantità non solo maggiori, ma anche qualitativamente migliori».
«Il recupero dei rifiuti legnosi in Valle d’Aosta è affidato da tempo alla sottoscrizione di accordi condivisi con il consorzio Rilegno- ha infine detto il direttore Marco Gasperoni -. e i risultati sono apprezzabili. Nonostante la particolarità del territorio montano, che spesso non agevola il corretto conferimento dei materiali, va detto che i quantitativi di rifiuti provenienti dal bacino regionale valdostano sono degni di nota e indicano una raccolta “matura”, soprattutto per quel che riguarda la percentuale di imballaggio avviato a riciclo e destinato a diventare pannello truciolare, base per la maggior parte degli arredi di casa e uffici. Nel 2012 infatti su circa 4.000 tonnellate di rifiuti di legno provenienti dal centro di raccolta della Val d’Aosta, oltre il 50% risultava essere di rifiuti di imballaggio. Con la sigla di questo accordo, formalizzata oggi, ci manterremo sulla linea del buon lavoro svolto finora».

Fonte: eco dalle città

 

 

Pompei e Vesuvio: parte la raccolta differenziata con 80 isole ecologiche

Nel sito Archeologico di Pompei e nel Parco Nazionale del Vesuvio il Conai ha installato 80 isole ecologiche e totem informativi che aiuteranno i turisti a differenziare i rifiuti per salvaguardare dei siti che ogni anno accolgono 2.500.000 visitatori.

374206

 

La differenza è dell’ospite, l’indifferenza del barbaro”. Con questo messaggio parte il 17 marzo il progetto per potenziare la raccolta differenziata nel sito Archeologico di Pompei e nel Parco Nazionale del Vesuvio, realizzato da Conai, Consorzio Nazionale Imballaggi, con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente, del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Napoli e Pompei, della Regione Campania, del Parco Nazionale Vesuvio e di Legambiente Campania. “Il Conai è un ente che garantisce a Istituzioni e Governo che vengano perseguiti e raggiunti gli obiettivi di riciclo di rifiuti di imballaggio raccolti in maniera differenziata: quello del Conai qui in Campania e nel sud d’Italia è un impegno civile da parte di un’organizzazione che, pur avendo personalità giuridica di diritto privato, sente forte la responsabilità di intervenire in luoghi così educativi della storia del nostro Paese”, ha detto Roberto De Santis, Presidente del Conai presentando le 80 mini isole brevettate per la raccolta differenziata e realizzate in plastica riciclata che sono in parte già state posizionate all’interno del sito di Pompei. Di queste, 60 mini isole verranno impiegate per conferire imballaggi in plastica e metalli, imballaggi in carta e cartone, e indifferenziato in 3 sezioni distinte; le altre 20 verranno invece utilizzate per conferire imballaggi in vetro e rifiuto organico. Negli scavi di Pompei, il 2° sito più visitato in Italia con circa 2.500.000 turisti all’anno, e nel Parco Nazionale del Vesuvio, che accoglie invece 500.0000 turisti ogni anno, sono stati installati 25 totem informativi e istituzionali; inoltre, sulle bacheche, localizzate nel Parco Nazionale del Vesuvio, vengono raccontati i materiali con un confronto fra il loro utilizzo nella storia e il processo di lavorazione oggi di ciascuno di essi. “È questa la rotta che dobbiamo seguire: meno grandi opere e più tutela e protezione dei nostri gioielli culturali”, ha detto Michele Buonomo, Presidente di Legambiente Campania. “Potenziare la raccolta differenziata dei rifiuti all’interno dell’area archeologica tra le più importanti al mondo, non a caso dichiarata dall’Unesco ‘patrimonio dell’Umanità’, nonché nell’area del parco del Vesuvio – ha aggiunto – rappresenta un chiaro segnale dopo anni di incuria e abbandono. I crolli e il degrado che hanno in passato violentato questa ricchezza non devono più ripetersi”. Ai visitatori sul Vesuvio, all’atto di acquisto del ticket di ingresso, verrà anche consegnata una shopper compostabile che sarà utilizzato dall’utente per conservare, per tutta la durata della visita, i propri rifiuti. Questi ultimi, alla fine del percorso, verranno conferiti dai turisti in appositi contenitori. “Un anno fa, il Governo ha cominciato la sua opera in maniera molto turbolenta in Campania con l’incombenza dei rifiuti che sembrava irrisolvibile”, ha detto Corrado Clini, Ministro dell’Ambiente. “Le Istituzioni competenti, me compreso, hanno convenuto che la scelta prioritaria per uscire dall’emergenza era quella di potenziare e rafforzare la raccolta differenziata di rifiuti e il recupero del materiale di scarto: non era una scelta facile in un territorio non attrezzato e in cui il ruolo della malavita organizzata ha reso difficile il compito del Governo Oggi – ha sottolineato Clini – a fronte dei numeri che mostrano una Regione arrivata al 45% di raccolta differenziata, possiamo dire però di aver raggiunto dei risultati insperati. A Pompei stiamo facendo qualcosa di concreto così come nel resto della Campania, portando avanti un programma di raccolta differenziata in un posto simbolico in Italia e nel mondo per la cultura: dobbiamo proteggere e valorizzare il patrimonio culturale, ma lo scopo è anche quello di migliorare la vita intorno al sito archeologico, di far crescere la percentuale della raccolta differenziata e di rendere i cittadini partecipi di un percorso di crescita e consapevolezza della cura dell’ambiente, di fermare la malavita organizzata che cresce solo se non c’è capacità di risolvere i problemi. Occorre dunque – ha concluso il Ministro – continuare con determinazione e coraggio su questa strada per sanare questi territori e il resto del Paese”.

Fonte. Eco dalle città

 

Campania. Assessore Romano: con il 45% di raccolta differenziata è la 4° Regione in Italia

L’assessore regionale All’Ambiente, Giovanni Romano: “La regione ha raggiunto il 45% di raccolta differenziata, divenendo la 4° in Italia. Molti Comuni, di tutte le province, hanno ottenuto risultati eccellenti superando anche la soglia del 65%”

374207

 

 

“Avviare la raccolta differenziata negli Scavi di Pompei significa rilanciare l’immagine della Campania nel mondo, significa dimostrare che, anche in tema di rifiuti, si stanno compiendo grandi passi avanti”. È quanto ha detto l’Assessore Regionale all’Ambiente della Campania, Giovanni Romano, commentando l’avvio del progetto del Conai per potenziare il sistema di raccolta differenziata all’interno dell’area archeologica. “Del resto la Regione ha raggiunto il 45% di raccolta differenziata, divenendo la 4° in Italia. Molti Comuni, di tutte le province, hanno ottenuto risultati eccellenti superando anche la soglia del 65%. Andiamo avanti in questa direzione – ha concluso Romano – e ringraziamo il Conai che si è assunto tutti gli oneri dell’iniziativa qui a Pompei”.

Fonte. Eco dalle città