I 7 cibi più nutrienti e naturali per integrare l’alimentazione

Molte persone sanno bene che cibi evitare. Ma quali sono i cibi migliori per dare energia e forza? Ecco sette dei cibi più nutrienti soprattutto se si segue una dieta vegana.broccoli-620x350

Quali alimenti mangiare per stare bene? Sappiamo tutto sugli alimenti che ci possono far male o danneggiare. Sappiamo che la carne rossa fa male all’apparato cardiovascolare, che uova, formaggi e latte contengono colesterolo e grassi che possono far male alla salute e sopratutto non sono cibo per chi per scelta etica, come i vegani, sceglie di non cibarsi di cibi derivati da animali. E allora cosa mangiare per integrare comunque preziosi nutrienti come sali minerali, vitamine, proteine e acidi grassi buoni?

Ecco una lista di sette alimenti perfetti come integratori alimentari naturali.

1. Spirulina: Queste alghe sono gustose e nutrienti e si possono assumere anche sotto formato di pasticche. Hanno più antiossidanti di qualunque altri cibo, proteine e minerali tanto che è considerato un integratore alimentare naturale.

2. Cavolo: Secondo il dottor Joel Fuhrman, cavolo è il cibo più nutriente poiché ricco di minerali, vitamine, fibre e amminoacidi, così come importanti antiossidanti che riducono l’infiammazione e può prevenire il cancro. E ‘anche facile da preparare e dunque risulta essere uno degli alimenti più versatili.

3. Semi di canapa: Che cosa si ottiene quando si combinano proteine, fibre, acidi grassi essenziali, antiossidanti, aminoacidi, vitamine e minerali? Canapa, naturalmente. Questo seme facilmente digeribile è versatile, facile da usare ed estremamente gustoso, forse troppo.

4. Cioccolato:. I semi di cacao sono così nutrienti che gli scienziati non hanno nemmeno iniziato a individuare tutti i vantaggi del piccolo fagiolo. Minerali, vitamine e tonnellate di antiossidanti proteggono il cuore, la pelle, e rilasciano sostanze chimiche nel cervello che ti fanno sentire come se fossi innamorato. Attenzione però a acquistare cioccolato di primissima qualità, fondente e possibilmente proveniente da commercio equo solidale.

5. Broccoli: mamma aveva ragione, si devono mangiare i broccoli se si vuole un sistema digerente sano e diminuire il rischio di cancro. Le ricette con i broccoli sono praticamente infinite: dalle zuppe agli stufati.

6. Spinaci: Freschi o cotti, in padella o all’insalata sono davvero buoni e ricchi di tantissime sostanze preziose per il nostro organismo. Usiamoli . Fresco o cotto, sapore dolce e resistente di spinaci illumina ogni pasto.

7. Chia o Salvia hispanica: I guerrieri aztechi ci hanno lasciato una preziosa eredità con il seme di chia. Gustoso e ricco di grassi omega, proteine, ferro, potassio ​​e fibre. Il Dr. Weil sostiene che sia una scelta migliore dei semi lino perché il chia è così ricca di antiossidanti che i semi non si deteriorano e può essere conservato per lunghi periodi senza diventare rancido.

Fonte: Undreground Health

 

Dieci cibi anti-infiammatori naturali

timthumb (9)

Curare in modo attento la propria dieta alimentare è uno dei modi migliori, insieme al mantenimento di uno stile di vita sano, per tutelare il proprio stato di salute e prevenire l’insorgere di patologie a vari livelli. Questo dato è ormai dimostrato da molteplici studi che negli anni hanno evidenziato come soprattutto la frutta e la verdura siano gli alimenti più benefici per il nostro organismo. In particolare, possiamo considerare dieci alimenti come i più attivi nello stimolare la capacità del nostro corpo di regolare in modo naturale i processi anti-infiammatori. Proviamo a scoprire insieme quali sono questi dieci ‘miracolosi’ingredienti da non far mancare a tavola:

Cannella: aggiunta a cereali, yogurt ma anche frullati e frappé, questa spezia consente di ridurre le infiammazioni e combattere le infezioni batteriche, oltre a controllare i livelli di zuccheri nel sangue ed aumentare le funzioni cerebrali.

Zenzero: le sue proprietà anti-infiammatorie provengono dalla presenza del gingerolo, una molecola capace di contrastare i dolori articolari e stimolare le funzioni del sistema immunitario.

Cipolla: come l’aglio, il porro ed l’erba cipollina, questo alimento tipico della nostra cucina possiede principi attivi in grado di inibire i processi infiammatori.

Amarene: da gustare sotto forma di succo o essiccate come snack, anche questi frutti garantiscono una potente azione anti-infiammatoria per alleviare i dolori dovuti ad artrite e gotta ma anche conseguenti all’esercizio fisico.

Noci: aggiunte in insalata, allo yogurt o consumate a fine pasto o come snack, contrastano l’infiammazione grazie agli acidi grassi e agli omega-3 contenuti in grandi quantità.

Curcuma: un’altra spezia che non deve mancare nell’aromatizzare le pietanze, fornisce, grazie alla curcumina in essa contenuta, la possibilità di alleviare il dolore cronico.

Ananas: grazie alla bromelina, questo frutto si rivela un vero toccasana contro distorsioni e strappi muscolari.

Semi di lino: altra fonte importante di omega-3, possono essere pestati e utilizzati come olio da condimento.

Carote: come albicocche, pomodori, patate dolci e zucca, contengono importanti sostanze anti-infiammatorie oltre a contrastare i radicali liberi.

Ortaggi a foglie verdi: spinaci, cavolo verde e broccoli sono tutti alimenti ricchi di flavonoidi ed in grado, quindi, di contrastare bene l’infiammazione.

Insomma, ottime ragioni per mangiarne in quantità e diminuire (o addirittura eliminare) il consumo di carne!

Fonte: tuttogreen