L’illuminazione LED arriva alla fontana del Castello Sforzesco, la “Torta degli Sposi”

L’ultimo ripristino della “Torta degli Sposi” del Castello Sforzesco ha portato anche i LED per illuminare i giochi d’acqua e la vasca da 38 metri di diametro. 180 fari LED che dovrebbero comportare un risparmio energetico dell’80%, rispetto al precedente impianto ad incandescenza380888

La nuova illuminazione a Led è arrivata anche nella restaurata fontana del Castello Sforzesco, quella soprannominata ‘Torta degli Sposi’ e apprezzata soprattutto per le dimensioni (38 metri di diametro) e i giochi d’acqua, non tanto per il pregio architettonico e l’età storica (è solo del primo Novecento).
Il nuovo impianto di illuminazione Led e l’opera di restauro complessivo della struttura sono stati realizzati in 90 giorni di lavori. Il nuovo impianto con tecnologia Led è composto da180 fari che illuminano le vasche e assicurerebbero un risparmio energetico di circa l’80%, rispetto al precedente impianto ad incandescenza. A tale risparmio diretto, in termini di consumi energetici, si dovrà aggiungere poi quello indiretto, in termini manutentivi, grazie alla maggior longevità di questi apparecchi di nuova generazione. La fontana, conosciuta anche come ‘Torta degli Sposi’, ha un diametro di circa 38 metri. Le vasche minori, collocate a quote man mano più elevate procedendo verso nord, costituiscono il sistema di vasche degradanti, architettonicamente studiate per generare il sistema di gioco a cascatelle lungo metà del perimetro della fontana. La versione attuale della fontana di piazza Castello fu realizzata alla fine degli anni ’90 del secolo scorso mediante il recupero di buona parte delle componenti architettoniche della versione realizzata nel 1940 da parte di AEM e smontata nel 1960, dopo circa 20 anni di attività, per la costruzione della metropolitana.

 

Fonte: ecodallecitta.it

Annunci

Cascine Aperte 2013, appuntamento di Primavera

Dove: Milano, Castello Sforzesco e 20 cascine milanesi1744

Appuntamento primaverile delle cascine milanesi aperte ai cittadini (sabato 4 e domenica 5 maggio). Incontri ed iniziative al Castello Sforzesco e in 20 aziende agricole. Con Associazione Cascine Milano e Coldiretti

L’appuntamento con Cascine Aperte nel 2013 raddoppia: anche in primavera, oltre l’autunno, due giorni per conoscere le cascine di Milano e Monza e scoprire come i temi di EXPO siano già oggi attivi a Milano. Lo promuove l’Associazione Cascine Milanesi, nata per promuovere il recupero delle cascine urbane e periurbane, sia dal punto di vista architettonico che da quello funzionale, insieme a Coldiretti.

Nell’ambito della “due giorni”:

Domenica 5 maggio, alle ore 17.00 in Cascina Caldera (zona QuintoRomano, via Novara), il convegno: “EXPO: Quale futuro per i giovani agricoltori a Milano?”, ad ingresso libero.

Sempre domenica 5, al Castello Sforzesco, alle ore 16.30, “Cittadini e cascine – la manifestazione di interesse per 16 cascine pubbliche di Milano”, sulla procedura avviata dal Comune di Milano tra ottobre 2012 e gennaio 2013. L’incontro, al quale dovrebbe partecipare l’assessore all’Urbanistica De Cesaris, per fare il punto sui 70 progetti presentati da cittadini e associazioni per il recupero delle 16 cascine in disuso.

Vedi qui il programma completo

Fonte: eco dalle città