La “scienza” delle multinazionali sta portando il Pianeta al collasso

Per fermare la “falsa” scienza delle multinazionali che sta portando il Pianeta al collasso è necessario riconoscere un nuovo sistema di conoscenze basato sull’interazione tra metodo scientifico e sapere tradizionale nonché sul pluralismo e la libera circolazione delle informazioni. Soltanto la sovranità sulle conoscenze può garantire infatti la condivisione del potere. Il ministro dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti ha annunciato di volersi dotare di un consiglio scientifico sullo sviluppo sostenibile che prevede la presenza di personalità riconosciute a livello internazionale come Enrico Giovannini, Jeffrey Sachs e Vandana Shiva. Una decisione che ha scatenato le polemiche di chi, evidentemente, non gradisce un’educazione volta ad un reale cambiamento di modello sociale ed economico.

Navdanya International, l’associazione fondata da Vandana Shiva in difesa della sovranità delle comunità di tutto il mondo, ha risposto a tali critiche con un comunicato stampa in cui ci ricorda i dati economici, ambientali e sociali di questo modello di sviluppo insostenibile denunciando la situazione. L’associazione Navdanya International, nel comunicato stampa, ci offre anche il Manifesto sul Futuro dei Sistemi di Conoscenza, scritto da ricercatori internazionali, tra cui Vandana Shiva. L’argomento è il confronto tra i saperi scientifici del modello industriale capitalistico e i saperi tradizionali o indigeni che sempre più enti governativi delle Nazioni Unite invocano di voler necessariamente integrare. 

Scienza, conoscenza, sapere

L’inquisito è il modello di conoscenza basato sul metodo scientifico riduzionista dominante. “Il paradigma culturale riduzionista, che studia i singoli fenomeni, ha portato a una super-specializzazione di discipline e organizzazioni, che trasferiscono poi il sapere frammentato al mondo della produzione. Questo modello crea gerarchie e opera una divisione tra persone normali ed esperti, tra diverse parti dei sistemi di conoscenza e di produzione… Il riduzionismo non si limita a ridurre meccanicamente i sistemi alle loro parti, ma riduce anche il paesaggio della conoscenza”.

education-3648386_1280

Bolivia, studentessa – Foto Pixabay

 Il modello scientifico riduzionista e il potere

Il metodo riduzionista, nato con la scienza moderna allo scopo di semplificare lo studio dei sistemi naturali, ha portato a un enorme progresso in campo tecnologico, ma anche a una profonda frammentazione del sapere e a una mancanza di capacità di sintesi. Questo ha creato un impoverimento del sapere diffuso, forti disuguaglianze tra cittadini, tra Nord e Sud del mondo e tra i diversi saperi espressi dall’umanità.

Il connubio tra scienza e potere economico ha limitato la circolazione delle conoscenze scientifiche al di fuori degli ambiti “riconosciuti” ma ha anche marginalizzato i saperi indigeni accumulati dalle culture millenarie soprattutto in ambito agricolo e farmaceutico e soprattutto ai danni delle donne, detentrici del sapere tradizionale nella maggior parte delle culture. 

Il sapere popolare è basato su osservazioni ripetute nel tempo e si arricchisce man mano che si confronta con i cambiamenti e la complessità della natura nella continua interazione con l’ambiente. È un sapere connesso alla diversità, alle relazioni tra i fenomeni, alla mutevolezza e ciclicità di ciò che accade nella realtà naturale. La cultura del paradigma riduzionista scientifico riesce a “riconoscere” solo ciò che è scritto, quantificato  e misurabile basandosi spesso su osservazioni ripetute nello spazio per un periodo limitato. Ignora la qualità ed esclude caratteristiche autorganizzanti, adattative e auto-rigeneranti dei sistemi viventi o ecologici. 

Il riduzionismo in agricoltura

Ad esempio se applichiamo questo confronto in agricoltura vediamo che da migliaia di anni i contadini e le contadine, di ogni parte del mondo, hanno migliorato le proprie piante, addomesticandole, ibridandole e selezionandole, producendo maggiore biodiversità e quindi grande capacità di adattamento secondo le proprie esigenze. Il sapere “scientifico” che ha prodotto il “miglioramento genetico” a fini commerciali si è espanso su larga scala con una progressiva e nefasta perdita di biodiversità e di suolo fertile in grande parte del Pianeta invertendo il processo di miglioramento delle sementi. “Mentre nel sapere tradizionale le sementi si adattano a un ambiente che cambia, nella scienza riduzionista le sementi vengono create in laboratorio e poi l’ambiente viene modificato per adattarsi alle sementi stesse”.  

Quindi quale ricerca scientifica, quali conoscenze stanno trainando le azioni dei governi? Quali istituzioni scientifiche controllano cosa sia conveniente fare?

botswana-2219383_1280

Comunità del Botzwana – foto Pixabay

 
La privatizzazione delle conoscenze

La scienza privatizzata è ormai poco controllabile da chi non è interno al sistema. Inoltre questo meccanismo è diventato un ostacolo al progresso della scienza stessa perché limita l’accesso alle conoscenze brevettate, agli “esperti” riconosciuti dalla stessa comunità scientifica. La privatizzazione delle conoscenze sta arrestando i processi di apprendimento e di innovazione perché blocca la condivisione dei saperi. 

Ancora più grave è che, attraverso la biopirateria, le multinazionali farmaceutiche e biotecnologiche si appropriano delle conoscenze botaniche, mediche, biologiche e agricole dei popoli indigeni che vengono espropriati delle loro terre e dei saperi che loro stessi hanno conquistato

Attraverso la privatizzazione delle conoscenze si è operata una perdita di sovranità di intere culture e di larga parte dei cittadini. Progettare una nuova società necessita di un nuovo sistema di conoscenze basato sull’interazione tra metodo scientifico e sapere tradizionale e sulla libera circolazione dei saperi. 

È necessario riconoscere ai diversi saperi un pari riconoscimento culturale ed economico capace di arricchire le opportunità di conoscenza utili alla sopravvivenza di tutti. Inoltre è necessario rafforzare l’ottica pluralista sostenendo un processo di ibridazione reciproca e di libera diffusione dei saperi.

march-3017287_1280

Indios Waorani salvano 200.000 ettari dell’Amazzonia dal petrolio, vincendo la causa contro il governo dell’Ecuador – 2019 – foto Pixabay 

La società dell’informazione

Alla informazione della società tecnologica che caratterizza i nostro modello potrebbe essere utile integrare anche quello delle culture tradizionali non solo perché più rispettoso ed equo ma anche perché basato su un processo di apprendimento più sano. Alla consumistica, veloce e frammentata quantità di informazioni che ci investe quotidianamente e da cui siamo abituati a doverci difendere potremmo sostituire una acquisizione di un sapere più adatto a ciò che serve, alle conoscenze per noi essenziali

A cosa serve, infatti, produrre e consumare conoscenze scollegate dal contesto d’uso, fuori dal controllo e dalla “domanda” di chi poi le utilizza? 

La sovranità sulle conoscenze è il diritto del popolo di partecipare alla creazione e fruizione delle conoscenze che riguardano la propria vita. Quindi il sapere popolare deve essere riconosciuto come strumento di autodeterminazione, di sicurezza nelle possibili instabilità e di potenzialità evolutiva. Sempre più reti ibride di singoli cittadini, ricercatori, tecnici, consumatori e produttori scambiano su base paritaria conoscenze attraverso la maggior facilità di circolazione di persone, tecnologie dell’informazione e di luoghi virtuali rimasti open source (liberi e non soggetti a controllo). Così esperti locali, mediatori culturali, comunicatori e teorici si confrontano per costruire sistemi di conoscenza paralleli e poter rispondere alle reali necessità.  

“Tutti gli esseri umani sono soggetti in grado di conoscere, indipendentemente da classe sociale, razza, genere, religione, etnia od età. Tutte le comunità e culture sono creatrici di sapere.”

Fonte: http://www.italiachecambia.org/2019/10/scienza-multinazionali-sta-portando-pianeta-collasso/?utm_source=newsletter&utm_campaign=general&utm_medium=email&utm_content=relazioni

Risorse genetiche, l’Europa fa un passo avanti verso la ratifica del Protocollo di Nagoya

Nella votazione del 12 settembre il Parlamento europeo ha dato il via al corso per la ratifica del protocollo di Nagoya, una convenzione delle Nazioni Unite sulla biodiversità104138638-594x350

Il protocollo di Nagoya è un accordo che disciplina la tutela della biodiversità, impostando limiti sulla quantità di una risorsa genetica, sia essa vegetale o animale, che le aziende possono sfruttare per i loro prodotti. Le regole del Protocollo stabiliscono anche che le proprietà delle risorse genetiche appartengono anche alle comunità indigene in cui si trovano le risorse genetiche. Il tentativo di diluire queste regole è stato manifestato anche nell’ultima votazione ma il rischio è stato allontanato come a riferito a Euractiv perché come ha rilevato un parlamentare:

Il 90 % delle risorse genetiche sono nell’emisfero meridionale e il 90 % dei brevetti sono nell’emisfero settentrionale

Il punto è che la regolamentazione è necessaria per i tanti casi di biopirateria, ad esempio con Enola un fagiolo giallo del messico o una varietà di geranio del SudAfrica , il Pelargonium sidoides, già sfruttati da tempo per le loro proprietà antimicrobiche e espettoranti.

Piante : come il ” Enola ” , un fagiolo giallo originaria del Messico , e sidoides Pelargonium , una varietà di geranio sudafricano noto per le proprietà antimicrobiche e qualità espettoranti, sono stati i soggetti di casi di biopirateria di lunga durata.

Un certo numero di aziende ha già iniziato di propria iniziativa a compensare le comunità indigene per lo sfruttamento delle risorse genetiche ma attualmente in Europa solo 16 Paesi hanno ratificato il protocollo (l’Italia ha aderito nel 2011).Il termine per la ratifica del protocollo di Nagoya è luglio 2014 e ne occorrono 50 per renderlo valido. Al momento sono state attivate 20 ratifiche.

Fonte: Euractiv

India: Novartis perde battaglia per brevetto su farmaco anticancro

Non si tratta di una nuova cura per il cancro, ma della rielaborazione di un prodotto già esistente. Con questa motivazione, la Corte suprema indiana ha respinto, dopo sette anni di battaglia legale, la domanda di brevetto presentata dalla casa farmaceutica Novartis per il prodotto noto come Glivec. A vantaggio dei produttori indiani di farmaci equivalenti, ma anche di chi, in India e non solo, potrà accedere alla terapia a un prezzo molto più basso di quello previsto dal colosso svizzero.

Non è la prima sentenza della Corte suprema indiana in questa direzione e probabilmente non sarà l’ultima: a meno di un mese dalla sconfitta della tedesca Bayer – che si è vista rifiutare il brevetto per un farmaco anticancro a inizio marzo – anche la casa farmaceutica svizzera Novartis vede respinta la richiesta – presentata nel 2006 – di brevettare in India una cura per la leucemia, il Glivec. Alla base della decisione, la non originalità del farmaco, che rappresenterebbe un’evoluzione di un trattamento precedente. La legge indiana, infatti, prevede che le case farmaceutiche possano ottenere brevetti solo per nuove invenzioni, non per modifiche a farmaci già esistenti. In questo modo, New Delhi tenta di limitare la tendenza delle grandi aziende del settore a monopolizzare il mercato, ma anche di fare spazio alle aziende indiane che producono farmaci generici equivalenti a quelli delle controparti europee e li commercializzano a prezzi più contenuti. Se, infatti, la dose mensile del Glivec viene venduta a circa 2.500 dollari, il costo del farmaco generico non supera i 200; allo stesso modo, il farmaco anticancro della Bayer, oggetto di una sentenza analoga all’inizio di marzo, arriva sul mercato a 5.600 dollari (per 120 compresse), contro i 175 dollari della versione low cost. Pronta la reazione dell’azienda svizzera, che, alla notizia della sentenza, ha respinto l’accusa di precludere l’accesso alle cure da parte delle fasce più povere della popolazione: Novartis rivendica di aver garantito, attraverso i suoi programmi di donazione, la fornitura gratuita al 95% dei pazienti indiani e un rimborso, almeno parziale, al restante 5% dei pazienti, per un valore complessivo di oltre 1,7 miliardi di dollari.

farmaci_7

Piuttosto, secondo la casa farmaceutica, sarà lo stop della Corte a danneggiare i pazienti, perché “la carenza, da parte dell’India, di tutele dei diritti di proprietà intellettuale” scoraggerà la ricerca e l’innovazione e quindi “i progressi medici nelle patologie per le quali non sono ancora disponibili opzioni terapeutiche efficaci”. Di diverso avviso Medici senza frontiere, che parla di sentenza storica in difesa dell’accesso a farmaci a basso costo: secondo l’organizzazione umanitaria, nonostante i ripetuti attacchi, la legge dei brevetti indiana continua a proteggere la salute pubblica respingendo “le domande di brevetto prive di un reale fondamento” e ostacolando la tendenza delle aziende farmaceutiche a “far perdurare all’infinito i propri monopoli”. Ma la sentenza non ha valore solo per l’India: il problema dei prezzi troppi elevati non si supera semplicemente assicurando l’accesso alle cure alla maggior parte degli indiani. Basti pensare – ricorda MSF – che una serie di organizzazioni, come l’Unicef, si affidano proprio ai farmaci generici provenienti dall’India, ma anche dal Brasile, per somministrare cure a pazienti nei paesi più poveri. E rispetto all’eventualità, ventilata dalla Novartis, che la decisione del tribunale indiano freni l’innovazione, Medici senza frontiere spinge l’impostazione del problema: è vero che l’innovazione va finanziata, ma a non a spese dei pazienti “attraverso i prezzi elevati dei farmaci coperti da brevetti monopolistici”: “l’industria farmaceutica dovrebbe concentrarsi sulla vera innovazione, e i governi dovrebbero sviluppare delle regole che consentano lo sviluppo di farmaci resi subito disponibili a prezzi accessibili”.

Fonte: il cambiamento

Malati di Farmaci

Voto medio su 1 recensioni: Buono

€ 18

Farmaci che Ammalano

Voto medio su 2 recensioni: Buono

€ 14