L’isola di Capraunica: la felicità mette radici tra i monti

Un gruppo di artisti e professionisti ha deciso di rendere Caprauna – un’area bellissima dal punto di vista naturalistico, ma quasi del tutto spopolata – un posto nuovamente pieno di vita. È così che in questo borgo semiabbandonato tra i monti in provincia di Cuneo è nata L’Isola di Capraunica, un progetto di recupero e ripopolamento dell’area. Circa due anni fa, all’età di 38 anni e dopo 38 anni di attesa, decido finalmente di trasferirmi tra i monti liguri in un piccolo paesino a 700 metri di altezza. Qualche mese dopo acquisto da un mio pro-zio la seconda metà della casa in cui avevo deciso di vivere. La felicità che ho provato in quel momento è indescrivibile. Un sogno si realizzava. A quel punto si trattava di trovare altre persone con cui condividere un percorso in questi monti magnifici non lontani dal mare, dolci e selvatici ma allo stesso tempo un po’ isolati. Proprio quel giorno ricevo una mail da un gruppo di Milano che Cambia. C’è scritto “guardate che bello questo progetto!”. Io purtroppo ricevo centinaia di mail al giorno per cui all’inizio l’ho ignorata. Dopo pochi minuti alcuni miei amici che erano nello stesso gruppo cominciano ad inoltrarmi la stessa mail chiedendomi: “ma hai visto”?! “apri il link”. Ok, ora avevano la mia attenzione. Ci clicco sopra e… scopro che a sei minuti di auto da casa mia alcuni ragazzi di Milano stavano recuperando una borgata abbandonata con l’obiettivo di realizzare co-working analogici e digitali, festival di cinema e sulla felicità, approfondimenti sull’alimentazione vegana. Incredulo gli scrivo pensando che a volte la legge di attrazione non è poi così campata in aria, e poche ore dopo mi trovo nel salotto di un ex-rudere da poco ristrutturato a sorseggiare un tè con Luca e Vittoria che mi raccontano la loro storia.

Lui, eclettico imprenditore di se stesso, ha incontrato per caso questi luoghi e ha deciso di acquistare, con pochi spiccioli (davvero pochi!) due case. Lei, imprenditrice di se stessa, ha deciso di seguirlo. Diciotto mesi dopo, nel 2017, li intervisto. Nel frattempo hanno avuto una magnifica bambina di nome Blu, il loro maiale da compagnia – Sally – si è costruita la sua tana, le coltivazioni di rapa bianca – presidio slow food – stanno andando alla grande e molte altre case sono state acquistate o ricevute in dono dai vicini. Molte persone hanno vissuto qui in questi mesi. O fissi o di passaggio. Tra questi una coppia di francesi che ha deciso di rimanere per oltre un anno.

“L’obiettivo è ripopolare l’area attraverso varie azioni”. – Luca va diretto al punto, nonostante una certa tendenza a divagare – “Vogliamo creare un flusso di volontari e di persone interessate allo scambio e – nel tempo – ripopolare la borgata Ruora che al momento è quasi abbandonata”.

Ci troviamo nel comune di Caprauna, a mille metri di altezza sul mare (che si intravede all’orizzonte). “Il progetto è nato con l’acquisto di due case a un prezzo accessibile: ho venduto il camper e con quei soldi ho acquistato le case. Ho trovato un amico che ha comprato la casa con me e abbiamo iniziato questo percorso.  Tutte le case intorno a me erano abbandonate e subito l’attenzione si è posta su una casa da sistemare a un prezzo molto vantaggioso. L’abbiamo comprata e in mezzo c’erano altre case, che erano del pastore del paese che ce le ha regalate. Abbiamo poi avuto la possibilità di comprare quelle dietro di noi e alla fine ci siamo trovati proprietari di dieci immobili (da ristrutturare). Tutte queste case ci sono costate poco meno che un singolo box auto a Milano! Le abbiamo acquistate quasi per caso e per evitare che ci crollassero in testa… Ovviamente ora dobbiamo ristrutturarle”.

Contestualmente hanno scritto il progetto e ribattezzato questa borgata “L’isola di Capraunica”. “Isola per il Castell’Ermo (un monte di queste zone) che in alcune situazioni meteorologiche, con le nuvole che si formano a mille metri e ne mostrano solo la punta, sembra proprio un’isola”.1620962_307072212796631_5944150921749848388_n

Tra gli aspetti che mi colpirono di più del progetto fin dall’inizio c’è l’idea di realizzare dei co-working a mille metri di altezza. “Il coworking in generale si sta diffondendo in tutto il mondo. Mi sembrava ‘super’ posizionarlo  quassù. Lavori sapendo che bastano pochi passi e al di là della porta sei immerso nella natura. Abbiamo deciso di creare due coworking: uno classico, digitale, e uno analogico: uno spazio isolato dove sviluppare le proprie idee nella mente e magari disintossicarsi un po’ dalla tecnologia. Ci piacerebbe creare un luogo in cui le persone vengano per sviluppare un progetto, sapendo di trovare i servizi necessari per farlo. Tra gli obiettivi per il futuro c’è anche la creazione di un santuario per gli animali. Per ora è abitato solo da Sally, un maiale vietnamita di cento chili, ovviamente non lo mangiamo! Qui, infatti, pratichiamo una vita vegana. Non ci nutriamo di animali e derivati animali”.

Gli chiedo come sia stata l’accoglienza degli abitanti locali. “Siamo stati accolti bene dagli abitanti. Abbiamo avuto un approccio soft: ogni giorno abbiamo preparato una torta per un abitante.  Giorno dopo giorno e torta dopo torta siamo riusciti a farci accettare dai locali che ora ci guardano con meno diffidenza e interagiscono con noi in molti modi”.20883041_600367650133751_220584811257927217_n

Tra gli obiettivi di Luca e Vittoria, quello di costruire un luogo felice per se stessi e per i loro figli. “Abbiamo deciso di battezzare il nostro progetto L’isola di Capraunica per una rinascita felice. Quello della felicità è un tema che sento molto forte. Sono anni che giro il mondo intervistando le persone su questo concetto. Parlare di felicità è il primo passo per essere felici! Tornare nella natura è felicità, il verde è felicità, questo è un luogo di felicità dove cercare di elaborare progetti da proporre altrove. Ci piacerebbe realizzare anche un festival su questo tema”.

Gli obiettivi sono molteplici e molto ambiziosi, ma nonostante le difficoltà e qualche delusione l’entusiasmo di Luca e Vittoria non sembra essere intaccato. “Mi guida ogni giorno l’insegnamento di un pastore di questi luoghi – mi spiega Luca – mi ha detto ‘fai quel che puoi‘. Questo invito è diventato per me un mantra che mi tengo dentro quando sono in difficoltà. Se posso fare una cosa la devo fare!”.

In questi due anni i lavori che hanno messo in atto sono tanti, anche cose che non avevano mai fatto  come ad esempio coltivare la terra: “È una esperienza molto soddisfacente, piantare il seme e avere qualcosa da mangiare. È un percorso molto gratificante e ci permette di connettere questi luoghi alle grandi città. L’anno scorso abbiamo distribuito la nostra rapa bianca di Caprauna a degli chef stellati di Milano, che hanno fatto bellissimi piatti che verranno inseriti nel menù. Vogliamo attivare una campagna di ricerca fondi per acquistare il materiale di produzione che ci serve per produrre la rapa. ”.18033309_546070215563495_7036475265129056365_n

Oltre a coltivare la terra Luca e gli altri si sono messi a riparare le case in prima persona (tranne per i lavori strutturali ovviamente).  “Ci siamo messi a ricostruire muri e porte. È un lavoro fisicamente molto stancante, ma non lo trovo più stancante dei lavori immateriali. Per proseguire nello sviluppo del progetto abcoworking

biamo fatto partire un’altra campagna di raccolta fondi che sta andando bene; Antonio – un operatore del terzo settore  che ho conosciuto in Cambogia diversi anni fa e che ora che opera in mihammar e ci segue dal web – è stato il primo donatore, a riprova della forza della rete. Oltre 40 persone hanno seguito il suo esempio, anche se i soldi raccolti non pagano le spese ma sono solo una piccola parte, sono segnali che più persone credono in noi, non siamo soli !!! Chiediamo 5 € un piccolo contributo per chi aiuta, una grande duplice spinta in avanti per noi. Il contributo lo chiediamo perché siamo impegnati a tenere vive queste case ad uso collettivo per aiutare un piccolo borgo nella sua rinascita felice. Il nostro invito è semplice: venite a trovarci!”.

Per partecipare alla campagna di ricostruzione dei tetti clicca qui.

Intervista: Daniel Tarozzi
Montaggio: Paolo Cignini

Il sito del progetto L’Isola di Capraunica

Fonte: http://www.italiachecambia.org/2017/11/io-faccio-cosi-187-isola-di-capraunica-felicita-mette-radici-monti/?utm_source=newsletter&utm_campaign=general&utm_medium=email&utm_content=relazioni

Annunci

QUI: Borgofuturo, da Ripe San Ginesio parte la rigenerazione sostenibile dei borghi

Al via a Ripe San Ginesio (MC) nelle Marche “QUI: Borgofuturo”, il progetto di riqualificazione sostenibile del borgo. In collaborazione con la CNA di Macerata, sono stati presentati i bandi per l’affidamento degli spazi di proprietà comunale siti nel centro storico che, ristrutturati e resi efficienti dal punto di vista energetico, saranno messi a disposizione di imprenditori, artisti e co-worker per favorire la nascita di una comunità giovane e innovativa e combattere lo spopolamento.

 

unnamedunnamed3
Riqualificare il borgo e favorire la rinascita delle attività economiche, valorizzare le risorse umane e rafforzare le componenti innovative e sostenibili: sono questi gli obiettivi del progetto di rigenerazione urbana “QUI: Borgofuturo” realizzato dall’amministrazione di Ripe San Ginesio, piccolo comune di soli 800 abitanti in provincia di Macerata. In collaborazione con la CNA di Macerata, sono stati presentati i bandi per l’affidamento degli spazi di proprietà comunale siti nel centro storico, ristrutturati e resi efficienti dal punto di vista energetico. Tra poche settimane saranno infatti ultimati i lavori e i locali ristrutturati saranno a disposizione di giovani imprenditori, artisti e co-worker. Entro il mese di maggio verranno lanciati i bandi per l’assegnazione di uno spazio di coworking con sei postazioni, tre spazi laboratorio e uno spazio ristorante con cucina. Previsto anche il recupero di spazi privati, in accordo con i proprietari stessi degli stabili, compresi quelli danneggiati dai terremoti che nell’ultimo anno hanno colpito il centro Italia.
Intento di QUI: Borgofuturo è mettere in contatto chi lavora in proprio, accogliere realtà virtuose e portare nuova linfa al borgo: il bando premierà attività ed imprese innovative, creative e sostenibili, in linea con la filosofia del paese.  “L’obiettivo del progetto QUI: Borgofuturo è far sì che le attività che saranno ospitate negli spazi riqualificati diventino sostenitori e promotori del borgo, facciano nascere una comunità che lo animi e lo riattivi da un punto di vista economico, sociale e culturale, combattendo allo stesso tempo lo spopolamento del territorio”, spiega il sindaco di Ripe San Ginesio, Paolo Teodori. “Il comune si impegna a supportare ed affiancare nei prossimi anni le nuove imprese che si insedieranno, attraverso attività culturali ed eventi finanziati dall’amministrazione stessa, per fare rete e promozione”, aggiunge Teodori. “Il progetto parte ora con questa fase sperimentale con la speranza di replicare l’esperienza su un territorio più grande e far sì che altri comuni possano intraprendere questa strada e seguire il nostro esempio per creare una rete locale”.
“Questo progetto rientra a pieno nell’attività che la CNA porta avanti da sempre, con l’obiettivo di rivitalizzare i borghi storici del nostro territorio”, aggiunge il Direttore Generale della CNA Territoriale di Macerata Luciano Ramadori. All’interno di questo progetto promuoveremo informazioni e bandi a cui è possibile accedere per la riqualificazione dei borghi, oltre a programmare iniziative che alimentino i flussi turistici. L’impegno della nostra associazione in questo senso è forte sia sul fronte del restauro dei beni immobili sottoposti a tutela, per sostenere le imprese che ne possano curare gli interventi, che da quello dello sviluppo, ad esempio attraverso la realizzazione di otto percorsi sul territorio in collaborazione con le botteghe artigiane artistiche del Maceratese e del Fermano. Inoltre – conclude Ramadori – nell’ambito del Gal Sibilla lavoriamo in sinergia con i Comuni interessati e le imprese innovative all’interno di specifici piani”.

Un borgo sostenibile
Ripe San Ginesio
si distingue per la forte vocazione sociale e ambientale: il piccolo comune ha un impianto fotovoltaico che assicura l’energia alle utenze comunali come uffici pubblici ed illuminazione stradale; la scuola elementare è ad alta efficienza energetica; ha un impianto solare termico per produrre acqua calda per la palestra e l’asilo nido; i lampioni e i lumini del cimitero sono a led; la raccolta differenziata è pari all’85%.

Borgofuturo 2017: il festival
Dal 7 al 9 luglio
inoltre il comune ospiterà la quinta edizione di Borgofuturo, il festival della sostenibilità a misura di borgo. “Sin dalla prima edizione, nel 2010, la manifestazione contribuisce a lanciare uno sguardo diverso sul nostro territorio, ispirando anche interventi strutturali che oggi più che mai possono fare la differenza”, spiega Damiano Giacomelli, direttore artistico del festival.

 

 

Cos’è Borgofuturo

Borgofuturo è il Festival della sostenibilità ambientale, economica e sociale a misura di borgo, che si svolgerà dal 7 al 9 Luglio 2017 a Ripe San Ginesio, in provincia di Macerata.
Il paese è ad alta vocazione ambientale: raccolta differenziata che ormai da anni supera 80%, un impianto fotovoltaico che produce più della metà del fabbisogno di energia elettrica delle utenze comunali, scuola comunale ad alta efficienza energetica, solare termico che produce acqua calda per la palestra e per l’asilo nido, lampioni a led, un suggestivo anfiteatro all’aperto recuperato in modo sostenibile da una ex cava, e un progetto di riqualificazione degli spazi inutilizzati del centro storico da mettere a disposizione per coworker, giovani imprese e artisti.

Maggiori informazioni su: www.borgofuturo.net

Fonte: .agenziapressplay.it

Rondine, il piccolo borgo dove si costruisce la pace

Grazie al progetto Rondine – Cittadella della Pace’, un piccolo borgo in provincia di Arezzo ospita studenti provenienti da paesi in conflitto tra loro che qui sperimentano una vita di convivenza, di formazione e di studio. L’obiettivo è quello di far riscoprire la persona che si nascondeva dietro lo spauracchio del ‘nemico’ rendendo evidenti le similitudini tra le due parti e l’umanità che le accomuna.

Rondine è un borgo che sorge nei pressi di Arezzo e che negli anni ’50 stava per essere definitivamente abbandonato. La diocesi, però, decise di affidare il borgo ad alcune famiglie molto attive nel territorio e diciotto anni fa successe l’impensabile. Un luogo praticamente deserto diventò occasione di incontro e confronto per decine di ragazze e ragazzi provenienti da Paesi in conflitto tra loro: nacque infatti il progetto ‘Rondine – Cittadella della Pace’.

Questo straordinario esperimento di coabitazione e formazione alla Pace vide la luce un po’ per caso: le famiglie di Rondine, capitanate dal professor Vaccari – oggi presidente dell’associazione – volevano proporre uno spettacolo sulla vita di San Francesco in Russia. Una volta ottenuto il visto si trovarono in una situazione di guerra tra russi e ceceni. Parlavano di Pace in un contesto di guerra. Ebbero quindi il desiderio di contribuire in qualche modo alla Pace ‘nel quotidiano’ e si offrirono di agevolare il dialogo tra le opposte fazioni durante il conflitto. In quel contesto, il rettore dell’università di Grozny chiese ospitalità per alcuni studenti dell’università locale che era stata bombardata. Vaccari si rese disponibile ponendo però una condizione: il borgo di Rondine avrebbe dovuto ospitare anche studenti russi, con l’intento di creare un luogo ‘terzo’ neutro, in cui i due popoli in guerra potessero vivere a stretto contatto abbandonando così gli schemi tipici delle guerre.  “L’obiettivo – ci spiega Davide Berutti, neo Direttore Generale di Rondine – era far riscoprire la persona che si nascondeva dietro lo spauracchio del ‘nemico’ rendendo evidenti le similitudini tra le due parti e l’umanità che le accomuna”.rondine2

Il progetto fu un successo e venne presto replicato con giovani provenienti dai Paesi più disparati: Caucaso, Pakistan, India, Palestina, solo per citarne alcuni.  Questi studenti, appena laureati e provenienti da Paesi in guerra tra loro, si trovano quindi a condividere gli spazi abitativi, aiutati dai formatori di Rondine che li guidano attraverso un percorso sulla gestione del conflitto, sulla comunicazione non violenta e sul riconoscimento dell’altro.

“I ragazzi scoprono che l’identità è qualcosa di più complesso di ‘noi contro loro’ – continua Berutti – si smonta la conflittualità e si da una immagine più genuina della realtà, anche se qui trovano più domande che risposte.
La mensa è in comune, gli studenti pranzano e cenano insieme ed è un momento molto comunitario. I ragazzi si organizzano poi per giocare o suonare, organizzano concerti e sono spesso chiamati in varie parti d’Italia per raccontare la loro esperienza”.

 

La lingua obbligatoria a Rondine è l’italiano. Questo garantisce che si parta tutti dallo stesso livello e non ci siano culture più ‘avvantaggiate’ di altre. Tutti parlano male l’italiano! Per questo i primi tre mesi gli studenti devono frequentare un corso di italiano. A questo punto “c’è una cerimonia di accettazione, i ragazzi prendono un impegno consapevole e danno il via alle attività”.rondine3

È molto formativo dover raccontare e rielaborare il proprio vissuto in presenza del ‘nemico’ che probabilmente nel frattempo è diventato amico. “Vivono un forte contrasto tra la necessità di ribadire la propria identità e la propria sofferenza e il desiderio di non far male al nuovo ‘amico’. Così il lavoro diventa interessante: quando questi giovani torneranno al loro Paese di origine dopo i due anni trascorsi a Rondine, avranno sviluppato la capacità di difendersi senza aggredire, sapranno lottare per i propri diritti senza pretendere che l’altro rinunci ai suoi. In diciotto anni abbiamo accolto oltre centosessanta giovani. La selezione dei partecipanti al progetto avviene con un bando che esplicita chiaramente la sfida che lanciamo; i ragazzi sanno quindi a cosa vanno incontro”.

Rondine provvede a tutte le spese, dal visto al master, dal trasporto al vitto e alloggio. La struttura si mantiene grazie a diversi tipi di sostenitori, micro e major. Ogni studente costa circa venticinque mila euro per un anno. Al progetto lavorano venti persone, alcune full time e altre part time. L’ispirazione è laica: la dimensione religiosa dell’individuo, infatti, viene sottratta dalle strumentalizzazioni, mentre viene proposto il dialogo tra le religioni.  “Qui si fa sempre festa, perché festeggiamo tutte le feste, cristiane, musulmane, ebraiche e così via. Tutti gli studenti si devono sentire liberi di festeggiare le proprie festività e spiegarle agli altri per viverle insieme. All’ultima cena di natale, per esempio, un Ave Maria è stata cantata da una ragazza musulmana”.

Da quando Rondine è stata fondata il mondo è cambiato e di conseguenza sono cambiati anche i progetti portati avanti nella struttura.

“Oggi abbiamo molti progetti nuovi in mente per promuovere la pace – afferma Berutti – vogliamo continuare a seguire i ragazzi anche dopo la residenza italiana, nel momento del loro rientro in patria. Abbiamo già cominciato! Questo anno, ad esempio, abbiamo deciso di seguire per un anno un ragazzo a distanza, con costanza e presenza. L’associazione “rondini d’oro” (formata dagli studenti che hanno concluso la residenza positivamente) – inoltre – chiede di collaborare con noi come soggetto autonomo per concretizzare progetti ispirati a questa esperienza da riproporre nel loro paese”.rondine

E non è tutto. Rondine ha deciso di agire anche sul tessuto italiano attivando e sviluppando alcuni progetti con le scuole, in una duplice forma. Da un lato i ragazzi residenti a Rondine portano nelle scuole italiane la loro esperienza, dall’altro è stato attivato un “quarto anno d’eccellenza liceale”: gli studenti liceali, infatti, possono frequentare il quarto anno proprio nel piccolo borgo Toscano. “Seguono il programma ministeriale la mattina mentre il pomeriggio frequentano percorsi formativi integrativi sulla trasformazione del conflitto, l’innovazione tecnologica e l’integrazione con l’ambiente”.

Questi studenti si trovano a condividere l’esperienza di ventisei colleghi internazionali. L’auspicio è che una volta tornati nei licei di origine, questi ragazzi avranno sviluppato uno sguardo critico sulla complessità del mondo e del territorio su vari temi e in particolare sui fenomeni migratori. I fatti di Parigi non hanno cambiato molto il sentire dei residenti di Rondine. “Sono persone che vivono queste cose nella quotidianità. Chi viene da Gaza, per esempio, non è rimasto troppo scosso. Il dibattito sui fatti di Parigi non è stato su un piano religioso, ma i nostri ragazzi sono rimasti sorpresi del fatto che i media hanno parlato di questi conflitti solo quando hanno coinvolto Paesi europei. Si sono detti: ‘Queste cose da noi capitano tutti i giorni, perché ne parlano solo ora?’”.

 

Il sito di Rondine 

 

 

Fonte: http://www.italiachecambia.org/2016/02/io-faccio-cosi-107-rondine-piccolo-borgo-pace/