Ecco la bici pieghevole per il manager che si trasforma in una valigetta

Una volta c’era la valigetta di Mary Poppins da cui la strana bambinaia tirava fuori l’impensabile al momento giusto, oggi i manager potrebbero aspirare a qualcosa di meglio grazie all’inventiva del designer argentino Marcos Madia!aaa-400x250

Bikoff è una bici pieghevole capace di trasformarsi in una comoda valigetta di carbonio.

Per ora si tratta solo di un concept che si è aggiudicato il premio finale al concorso Cycle Design Seoul, ideato per favorire lo sviluppo di modelli di biciclette che possano garantire semplicità di utilizzo e sicurezza nel traffico caotico della capitale sudcoreana. Non sappiamo ancora se verrà mai immessa sul mercato ma a noi è sembrata davvero un’idea simpatica.  E’ stato scelto il carbonio come fibra primaria perchè assicura la giusta flessibilità in combinazione ad una buona resistenza, di modo che gli uomini d’affari possano destreggiarsi nel traffico senza difficoltà rimanendo impeccabili una volta entrati in ufficio. Una volta montati i vari pezzi, la valigetta resta come elemento dell’intera struttura, andando a coprire il telaio. E per rendere il tutto ancora più eco-fashion il progettista ha pensato anche texture di diverse forme e colore, così da personalizzare il proprio mezzo di trasporto. Questo prototipo è destinato a coloro che non usano abitualmente le biciclette ma ogni mattina si ritrovano imbottigliati nel traffico. Potrebbero cambiare attitudine… Bikoff nasce con l’intento di convincere proprio questa categoria di persone, che spesso sono molto sensibili aidiktat del mondo fashion, a scendere dalle loro auto per salire sul sellino di una due ruote, dando una mano all’ambiente e approfittandone per sgranchire un po’ i muscoli prima di una lunga giornata di lavoro.

Fonte: tuttogreen.it

Annunci

Bici in Metro Roma e Milano: posso portare la bicicletta in metropolitana?

Ci hanno scritto in molti chiedendoci se fosse possibile portare la bicicletta in metropolitana, ideale per chi ad esempio non vive vicinissimo alla metropolitana oppure lavora in una sede lontana a piedi dalla stazione stessa della metro, a me è capitato solo occasionalmente ad esempio perchè sorpreso dalla pioggia sul lavoro.5246169557_a7f7eba017_z-e1366460607324-400x250

Ci siamo documentati ad esempio sulla possibilità di portare la bici in metro a Milano e la bici in metro a Roma, la soluzione che appare più versatile è quella di dotarsi di una bici pieghevole per cui non ci sono vincoli di orario ed è inoltre gratuito, andiamo comunque nei dettagli di seguito.

Milano le regole sono le seguenti

  • le bici “standard” possono essere trasportate nei giorni feriali e solo dalle 20 in avanti, mentre tutto il giorno il Sabato ed i festivi ed in generale il trasporto è gratuito.
  • nel mese di Agosto è sempre consentito trasportare le bici in metro, invece mai a Dicembre.
  • se avete una bici pieghevole non c’è vincolo di orari
  • A Milano non si possono usare scale mobili, solo scale fisse ma invece ok gli ascensori.
  • dovete utilizzare per ciascun treno solo il secondo ed il quinto vagone, che hanno il simbolo definito ma c’è una massimo di 4 biciclette per vagone.

Roma le regole per poter portare le bici sono pressochè analoghe, sia sulla linea A che B:

  • è possibile portare la bici in metro  nei giorni feriali dopo le 20.00 e il sabato e nei giorni festivi per tutta la durata del servizio.
  • è obbligatorio che saliate sulla prima carrozza della metro, potete anche portare biciclette elettriche a pedalata assistita, ma non quelle che abbiano batterie al piombo
  • se possedete una bicicletta pieghevole non c’è invece alcun vincolo sugli orari e non dovete pagare nulla
  • Se invece avete una bici normale, il costo è quello del biglietto standard per ciascuna bicicletta, ma se siete abbonati Metrebus potete portare la bici gratuitamente.7129257529_f3445d2876_z-250x283

Bici in treno a Londra

Di certo l’accoppiata bici+metro è un’ottima soluzione per una mobilità urbana sempre più sostenibile, mi auguro che si diffonda sempre di più anche in Italia questo fenomeno che in città come Londra o Berlino sta davvero spopolando.

Fonte: tuttogreen.it