300 alberi nel segno dell’arte

sentiero-alberato-620x350

 

L’aria autunnale muove piacevolmente le fronde dei pini. Gli abeti svettano alti. Un’altalena e altri giochi per bambini danno l’idea che quel luogo continua ad essere vissuto, come in passato, quando le piantine aumentavano pian piano di numero, ogni giorno, ogni mese, ogni anno. Lo scorso sabato mattina, davanti al giardino inglese e al giardino italiano già rigogliosi, un nuovo spazio verde ha preso vita. 300 alberi tutti in una volta, vicino l’azienda di famiglia, per festeggiare un compleanno (il 1 ottobre), quello del signor Alfonso. Si è creato un trittico arboreo gigante sulla tela della terra, un’opera da ammirare, come si addice a una coppia di mecenati d’arte. Così il signor Alfonso Mazzola, patron dell’azienda CO.ME.L di Latina, decide di suggellare un amore lungo una vita, quello con la moglie Vanna Migliorin, una delle prime imprenditrici italiane nonché grande appassionata di arte e mecenate per scelta. Proprio a ridosso del bando della nuova edizione del Premio COMEL ‘Vanna Migliorin’ per l’arte contemporanea (a cui possono iscriversi gratuitamente tutti gli artisti dell’Unione Europea, fino al 15 dicembre 2013), il signor Alfonso ha deciso di proseguire il patto con la moglie: regalare ossigeno e cultura alla città. Le nuove 300 piante hanno una doppia valenza: voglia di incontrare ancora una volta, idealmente, Vanna, in un percorso comune di creazione e coltivare quanto più possibile la bellezza della vita. Mentre è tutto pronto per la nuova edizione del Premio COMEL, voluto dalla famiglia Mazzola per ricordare la figura di Vanna, nuovi alberi hanno preso a crescere ed andranno ad alimentare sentieri verdi già ricchi di piante e ricordi. Un modo originale per festeggiare un compleanno e ricordare un amore, per affermare l’arte e la vita, in un interscambio che di sicuro questo premio d’arte porterà sempre con sé nel corso degli anni.

Fonte: buone notizie

Sacchetti di plastica: a Losanna diventano opera d’arte

Trenta artisti e designer di fama internazionale raccontano il sacchetto di plastica attraverso l’arte contemporanea, dando voce agli interrogativi e le sfide attuali sollevati dal suo utilizzo massivo in tutto il mondo375607

Serena  Carta

Ve la ricordate la fiaba di Raperonzolo? C’era un volta una principessa che aveva i capelli così lunghi che ci si poteva arrampicare su per raggiungere la sommità della torre in cui abitava… Ecco, invece dei capelli, immaginate una liana con petali fatta di sacchetti di plastica che risale la tromba delle scale di un palazzo moderno. Il palazzo in questione è il Museo di design e arti applicate contemporanee (MUDAC) che ha sede a Losanna, in Svizzera. Qui, fino a ottobre, sarà allestita “Coup de sac!“, una mostra dedicata al sacchetto di plastica. La liana “Raperonzolo” (foto 1) è un’opera realizzata da Claudia Borgna, eclettica artista di origini nostrane che ama dare vita a paesaggi fiabeschi attraverso installazioni tanto monumentali quanto effimere che nascono dal suo interesse per il paesaggio e il nostro pianeta invaso dai rifiuti.  Simbolo per eccellenza della società consumistica, all’interno del MUDAC il sacchetto di plastica viene rappresentato come un supereroe dai poteri stra-ordinari: la resistenza e (quasi) indistruttibilità e la capacità di inquinare al punto da generare la morte. Fotografato, accartocciato, ricoperto d’oro, gonfiato, ricamato, è considerato nella sua duplice natura di oggetto d’uso comune “da non disperdere nell’ambiente” e opera d’arte. Trenta artisti e designer di fama internazionale lo hanno raccontato attraverso l’arte contemporanea, esprimendone tutti gli interrogativi e le sfide attuali sollevati dal suo utilizzo massivo. L’ecologia e il riciclo, l’effimero e la trasformazione, il design e l’artigianato, la società di consumo e la politica sono alcuni dei temi affrontati dagli artisti. La mostra gioca sui contrasti e le contraddizioni. E’ il caso ad esempio della collezione dei sacchetti distribuiti nelle strade svizzere e tedesche per raccogliere i bisogni del proprio cane. Un paradosso tutto contemporaneo quello di invitare ad imballare un prodotto organico e biodegradabile con del materiale inquinante difficilmente riciclabile. E cosa pensare di un sacchetto griffato Louis Vuitton abbandonato in un angolo come fosse pieno di spazzatura (foto 2); oppure di sacchetti in seta finemente ricamati esposti in una teca, come fossero oggetti preziosissimi (foto 3)?

L’intento della mostra è quello di osservare il sacchetto di plastica con un nuovo sguardo. «Trasformandolo in oggetto di valore gli abbiamo dato una nuova importanza. Ci penseremo due volte prima di gettare il prossimo sacchetto di plastica» hanno dichiarato gli organizzatori. Ed è per questo motivo hanno scelto di esporre un sacchetto ricoperto d’oro 24 carati (foto 4): un oggetto delicato che rivela una grande complessità, allegoria della nostra società consumistica per cui l’oro e il petrolio sono diventati due materiali indispensabili. Insomma, dopo la contemplazione estetica si finisce necessariamente per riflettere sul significato che il sacchetto di plastica ha assunto nelle nostre vite. Oggetto di culto o rifiuto, adorato o criticato, il sacco di plastica divide gli animi, li polarizza e rivela il nostro comportamento di consumatori. Rafforza il nostro statuto e la nostra identità, indebolisce l’ambiente, è collezionato per amore o per coscienza ambientale, costituisce un tema di attualità in politica come nell’arte. Ed è così che va letta l’opera forse più virulenta di tutta l’esposizione: la croce gigante composta dai sacchetti di Lidl e Aldi, le due catene di supermercati low cost dominanti in Germania, simbolo di una società che ha fatto del consumo una religione (foto 5). La croce fluttua nell’aria, costantemente gonfiata da un piccolo asciugacapelli. Cosa succederebbe se qualcuno staccasse la spina?ecodallecitta

Fonte: eco dalle città