Contro gli occhi stanchi ecco i rimedi naturali

Gli occhi stanchi sono un disturbo causato da molte cattive abitudini: stare troppo davanti lo schermo del pc oppure non avere dormito abbastanza. In ogni caso ecco i rimedi naturali più efficaci.cetriolo-620x350

Gli occhi stanchi sono un disturbo abbastanza comune a fine giornata, dopo molte ore di lavoro davanti lo schermo del pc, se siamo stati impegnati a studiare o leggere o se abbiamo guidato a lungo, ad esempio. Ognuno di noi ha provato la sensazione che accompagna questo disturbo: vista affaticata, occhi rossi e palpebre che fanno fatica a stare aperte anche se non si ha sonno e a volte lacrimazione continua. Come porre rimedio? Innanzitutto la vista va fatta riposare e non si può stare per troppe ore consecutive davanti lo schermo del pc ma è necessaria per ogni ora di lavoro una pausa di 10 minuti. Se neanche questo accorgimento non basta ecco che alcune ricette con ingredienti naturali per tanti rimedi efficaci possono venire in nostro aiuto.

Impacco con camomilla

Questo è un antichissimo rimedio ma sempre efficace. Si prepara una tisana di camomilla sia con le bustine sia con i fiori. Si lascia raffreddare e con due dischi di ovatta o cotone di tamponano gli occhi e zona circostante con il decotto. Il sollievo è immediato.

Fette di cetriolo

Un rimedio efficace è applicare una fettina di cetriolo per occhio e lasciare agire 10 minuti. Il risultato è stupefacente.

Fette di patata

Un rimedio quello con le fette di patate antichissimo, usate anche contro il mal di testa e per dare sollievo in caso di febbre. Le fettine vanno appoggiate sulle palpebre e lasciate agire per 10 minuti

Thé verde

Due bustine di thé verde sono davvero portentose e basta applicarle direttamente sugli occhi stanchi avendo cura prima di immergerle in un po’ di acqua bollente e lasciarle raffreddare per qualche minuto.

Acqua di rose

Altro rimedio eccezionale contro gli occhi stanchi ma anche la pelle del viso un po’ spenta è l’acqua di rose

Fonte:  WebMd

Acqua di rose fai da te per le cure naturali della pelle

L’acqua di rose è un tonico ideale per la pelle e ottimo doposole poiché rinfresca e lenisce. E’ un rimedio antichissimo e molto usato e questa è la ricetta per prepararla.acqua-di-rose-1-620x350

Maggio è mese delle rose e dunque approfittiamo della fioritura di questo splendido fiore per preparare l’acqua di rose che da millenni è usato come cosmetico naturale al pari di un tonico rinfrescante e lenitivo per la pelle. L’acqua di rose ripristina il PH naturale della pelle e dunque è adatta a tutti i tipi. Tradizione vuole che una inebriante acqua di rose la si ottenga con i fiori raccolti la notte del 24 giugno, ma vi assicuro che ottimi risultati si hanno anche con le rose appena sbocciate a patto che scegliamo fiori freschi e presi da roseti non trattati chimicamente e sopratutto raccolte al mattino preso, diciamo un 2-3 ore al massimo dopo l’alba. Evitiamo dunque le rose acquistate dai fiorai e orientiamoci presso i roseti presenti nei giardini o orti di parenti e amici. Altro modo per procurarsi rose non trattate è di sceglierle nei roseti selvatici lungo i sentieri delle passeggiate in natura. Ricordiamoci che per l’acqua di rose useremo solo i petali puliti da ogni impurità. Una precisazione va fatta sull’uso dell’acqua che dovrebbe essere piovana, ma naturalmente rischiamo di inquinare tutto. Dunque scegliamo l’acqua distillata o filtrata. Per la preparazione dell’acqua di rose possiamo procedere in due modi: per infusione o per bollitura. Ecco entrambe le ricette.

Acqua di rose per infusioneacqua-di-rose-620x350

Ingredienti: 1 tazza di petali di rosa, 2 tazze di acqua distillata, una ciotola di vetro con coperchio resistente al calore, una garza di cotone o lino e un barattolo di vetro con coperchio ermetico. Una tazza equivale a circa 250 gr. Procedimento: Lavate i petali appena raccolti accuratamente eliminando ogni forma di impurità. La quantità giusta è una tazza ricolma di petali di rosa. A parte far bollire due tazze di acqua da versare sopra i petali di rosa nella ciotola di vetro resistente al calore e coprire con un coperchio per 30 minuti. Lasciare raffreddare e poi filtrare l’acqua da un setaccio o garza fine. Buttare via i petali di rosa e raccogliere l’acqua di rose pura in un barattolo di vetro con coperchio. Questa acqua rosa può essere utilizzato fino a 10 giorni. Per utilizzarla almeno per un mese aggiungere come conservante un cucchiaio di alcool.

Acqua di rose per bollituraacqua-di-rose-2-620x350

Ecco la seconda ricetta per cui usiamo una pentola smaltata e che prevede questi ingredienti: petali di rosa puliti che vanno a riempire la pentola fino a pochi centimetri dal bordo. Coprire i petali con acqua distillata a filo. Mettere sul fuoco finché non inizia a bollire e allora spegnere. Lasciare macerare finché i petali non perdono il loro colore, dovrebbe durare circa 60 minuti e vedrete affiorare l’olio di rosa. Lasciate raffreddare e filtrate con un colino. Imbottigliate. Per la verità posso dirvi che l’acqua di rose può essere conservata sotto forma di cubetti di ghiaccio nel congelatore e così dura anche fino a tre mesi. L’acqua di rose può essere conservata anche nei pratici spruzzini direttamente in frigorifero. Con l’acqua di rose si ottiene anche una crema rinfrescante per il viso mescolandola a glicerina; per profumare la casa si usano 3 parti di acqua di rose a cui si aggiungono 20 gocce di olio essenziale di rosa, limone o lavanda.

Fonte: Indus Ladies