UE, decisione storica: ‘Biodiesel da olio di palma insostenibile’. Ma le eccezioni rovinano tutto

Transport & Enviroment: “La Commissione invia un segnale importante stabilendo che il diesel da olio di palma non è sostenibile. Ma ci sono troppe scappatoie che potrebbero garantire i livelli attuali di consumo”

Con una decisione storica, la notte di sabato 8 febbraio la Commissione Europea ha riconosciuto in un atto delegato che le coltivazioni di palma da olio causano una significativa deforestazione e quindi il biodiesel prodotto dall’olio di palma non può essere conteggiato per raggiungere gli obiettivi di carburante verde dell’Unione Europea. Tuttavia la crescente pressione, comprese minacce di guerra commerciale, da parte dei governi della Malesia e dell’Indonesia, ha fatto sì che la Commissione introducesse diverse eccezioni, tra cui un’esenzione per l’olio di palma prodotto in piccole piantagioni indipendenti (meno di cinque ettari) o su terreni “inutilizzati”.
Lo rende noto T&E, Federazione europea delle organizzazioni non governative per i trasporti verdi, i trasporti e l’ambiente, che si dice comunque contraria a queste eccezioni, perché potrebbero significare che l’Europa utilizzi lo stesso quantitativo di olio di palma contenuto nel diesel attuale. T&E sottolinea che le dimensioni di una piantagione non hanno alcuna relazione con il rischio di deforestazione o con i cambiamenti nell’uso del suolo, ma soprattutto che i piccoli lotti di terra che vendono tutti ad un unico grande mulino controllato da grandi aziende sono il modello di business dei giganti dell’olio di palma come la FELDA / FGV della Malesia. Per quanto riguarda la terra “inutilizzata” invece queste aree potrebbero essere utilizzate dalle comunità locali per supportarsi o fornire importanti servizi ecosistemici. Oppure potrebbero essere messe in produzione per soddisfare la domanda sempre crescente di cibo.

Laura Buffet, di T & E, spiega: “La Commissione invia un segnale importante stabilendo che il diesel da olio di palma non è sostenibile. Ma con una mano dà ciò che toglie con l’altra. Non è possibile etichettarlo come insostenibile e poi aprire una scappatoia grande quanto i livelli attuali di consumo e pensare che la gente non se ne accorga. Questa decisione è arbitraria, interrompe il mandato che la Commissione aveva ottenuto dai ministri e dal Parlamento europeo e ignora il massiccio sostegno pubblico alla messa al bando del diesel da olio di palma”.

La maggior parte degli studi chiave che modellano le emissioni derivanti da cambiamenti indiretti nell’uso della terra (ILUC) mostrano che l’olio di palma ha emissioni ILUC più elevate di qualsiasi altra materia prima per il biodiesel, seguita dall’olio di soia. 

Fonte: ecodallecitta.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...