Discarica abusiva nei boschi della Sabina

La scoperta durante una passeggiata nel bosco nella zona della Sabina, l’area a monte di Roma che costeggia il corso del fiume Tevere: elettrodomestici e rottami abbandonati nell’ambiente abusivamente.scarica

Dal grande casale di pietra di un amico che abita la Sabina (area che si estende sulla sinistra del basso corso del Tevere, a monte di Roma) da oltre 30 anni, decidiamo di fare una passeggiata: splendida giornata tra i vecchi e nuovi olivi che si distendono a centinaia tra le case sparse. Non ci sono rumori se non quelli sordi e soffici delle querce d’intorno che lasciano andare le ghiande al tappeto di foglie autunnali. Dalla sua veranda, la sagoma dell’abbazia millenaria di Farfa, il monte boscoso di San Martino, i cani di campagna liberi e giocosi, olivi a perdita d’occhio, spazio per gli sguardi che puoi lanciare senza limiti. Poco distante Castelnuovo, borgo medievale tra i più belli della zona. Aria da respirare. Per i polmoni e per il cuore. Ci inoltriamo in un bosco tra i più suggestivi di queste parti. Il sentiero, ripristinato da un gruppo di residenti a colpi di falce, è accogliente e molle di acqua e impronte: cinghiali in movimento, segni di lotte di istrici, aculei lasciati in regalo ai passanti, ciclamini a colorare i bordi e, fittissimi ai lati, tigli, roverelle, querce, olivi selvatici. E ancora tane, terra smossa, prospettive di luci e ombre color ocra e verde castano. Appena in basso il torrente Riana, affluente del Farfa, che scorre parallelo al nostro sentiero, vivace, fresco, come finalmente liberato dalla stretta dell’arsura estiva. Ci addentriamo e il silenzio sacro del bosco è violato dagli spari sempre più frequenti dei cacciatori in agguato: giocatori a dadi con le vite degli altri. Mi attrae uno strano colore blu, proprio sul ciglio, appena evidente, nascosto tra le foglie cadute. Faccio per avvicinarmi e si tratta di fili intrecciati, sintetici e indistruttibili, come in una matassa aggrovigliata e seminterrata. Scavo appena con le mani e tocco un ammasso enorme come di fili di grandi spazzole o tappeti per giganti o di macchinari per chissà quale funzione. Mi sporgo sulla lieve scarpata che porta al fiume e la vista si abitua alla poca luce lasciata filtrare dalle piante. Provo a scendere appena perché scorgo il bianco di quello che sembra l’angolo di un elettrodomestico. Scendo solo di un po’ perché è troppo ripido per arrivare in fondo ma ora che gli occhi si sono abituati lo scenario è chiaro: un frigorifero abbandonato e sostituito da uno che consuma di meno in classe A. Perché noi ci teniamo all’ambiente e sostituiamo, rottamiamo, ci mettiamo in regola con le norme vigenti. Un vecchio computer ormai obsoleto perché noi ci aggiorniamo, noi facciamo l’upgrade, l’update, il patch, il download (perché scaricare è brutto). Appena più in là, mezzo interrato, un vecchio secchio di vernice e poco distante ma irraggiungibile una lavatrice. Non perché non potesse più funzionare ma per un nonnulla da quattro soldi che non si poteva riparare. Non conviene, si sa, e noi ci teniamo a risparmiare. Inciampo in qualcosa proprio dietro il mio piede: qualcosa di rigido, piccolo, ancora lucido, dal design moderno e bombato, oggetto insostituibile e necessario: una pallina dispenser per ammorbidente. Evidentemente ce n’era un’altra più nuova e colorata nell’ultimo flacone di detersivo. Quasi completamente interrata fa capolino quel che riesco a immaginare di una vecchia Tv. D’altra parte, senza “plasma” sappiamo bene che non si può vivere…Poco distante sul ciglio a salire, un’altra discarica. In poche centinaia di metri percorsi ce n’è abbastanza per avvelenare un intero ecosistema. Sappiamo tutti che cosa significhi smaltire gli elettrodomestici nell’ambiente: rilascio di gas ozono-lesivi, plastiche, vernici, rame, metalli pesanti che si mescolano alla terra e la avvelenano. La terra si impregna e gli effetti sulle piante e gli animali sono tossici anche a distanza di decenni. Le acque del fiume che si mescolano alle piogge colate dalle scarpate, costeggiano i boschi scorrendo per chilometri e danneggiando altre terre e altri animali. Di conseguenza, l’uomo. E tutto, drammaticamente, torna. Eppure, la possibilità di smaltire i rifiuti c’è. Esistono le isole ecologiche che li ritirano gratis in tutte le città, giornate ecologiche di ritiro gratuito sotto casa, possibilità di riciclare, regalare, passare, cedere, riparare, riutilizzare. Basterebbe informarsi. Profanare il bosco in questo modo è un gesto criminale, sacrilego e profondamente stupido contro la natura, che dovrebbe essere il nostro  tempio inviolabile, e contro ogni forma di vita. Le conseguenze, prima o poi, le pagheremo tutti se non capiremo al più presto che un cambio di direzione, dalla necessità dell’acquisto allo smaltimento dei milioni di oggetti di cui ci circondiamo, è indispensabile e sempre più urgente.

Immagine

Fonte: ilcambiamento.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.