La Blue Way piemontese è in Pistaaa!

Dall’elegante Terrazza Martini di Pessione (Chieri) è stato presentato ufficialmente il progetto di pista ciclabile che collegherà circa venti città piemontesi attraverso strade bianche e sentieri già esistenti. In sala, oltre ai sindaci dei 18 comuni interessati al tracciato della ciclovia, erano presenti amministratori, enti di ricerca, università, cattedre UNESCO, istituti scolastici, associazioni non profit, associazioni di categoria, imprenditori del territorio e semplici cittadini.

Pessione (Chieri) – Ogni volta che giungo da queste parti mi tornano in mente i pomeriggi in cui anni fa, insieme a degli amici, venivamo in bicicletta fino a Chieri da Venaria. La fatica e le salite erano sempre ben compensate dalla bellezza dello fare sport, in compagnia, in queste terre meravigliose. Senza contare il brivido adrenalinico della discesa lungo la via del ritorno… Sorrido, pensando che oggi torno nel Comune di Chieri proprio per la presentazione ufficiale del progetto Pistaaa, la blue way piemontese: un progetto di pista ciclabile che collegherà circa venti comuni del territorio con un impatto ambientale pressoché nullo e con la possibilità di generare un indotto capace di generare ricchezza al territorio, valorizzandolo in un modo sensato e non impattante.14440670_586849248154420_7563971495584739776_n

La presentazione del progetto è stata organizzata nella meravigliosa Terrazza Martini, azienda famosa in tutto il mondo per il suo inimitabile vermouth. Appena giunto all’ingresso mi accoglie Alberto Guggino del comitato promotore di Pistaaa e agente del cambiamento di Italia Che Cambia. Passano pochi minuti e la sala è piena: istituzioni, enti di ricerca, associazioni del territorio, cattedre UNESCO, imprenditori del territorio tutti pronti ad ascoltare la presentazione del progetto, promosso e stato ideato da tre associazioni: CioCheVale, Il tuo parco e Muoviti Chieri. Dopo un saluto di Marco Budano di Casa Martini, è stato lo stesso Alberto Guggino a condurre la serata, ricordandoci come Pistaaa “sia in grado di unire i principi della blue economy con la mobilità sostenibile, il benessere fisico con la valorizzazione del territorio, l’innovazione tecnologica con la cultura della sostenibilità”.

Alberto ha dato così la parola a Giorgio Ceccarelli, coordinatore di FIAB Nord Ovest (Federazione Italiana Amici della Bicicletta) che ha ben evidenziato quanto questo progetto ben si collochi in un contesto continentale – progetto Eurovelo – e quanto sia necessario per stimolare una mobilità intermodale, integrando treni e bici. Dopodiché è stato il turno di Ada Gabucci di MuovitiChieri che ha illustrato le ipotesi degli itinerari, partendo e valorizzando i percorsi già esistenti.
Giovanni Bosco, presidente di MuovitiChieri, ha ricordato l’importanza e le opportunità che le ciclofficine e i professionisti del settore possono avere in un percorso del genere. A seguire Piergiorgio Tenani, presidente dell’associazione Il Tuo Parco, ha illustrato i benefici della mobilità sostenibile, ambito nel quale la stessa associazione è anni che promuove attività ed eventi, in particolare legati alla salvaguardia e alla consapevolezza ambientale. “Ci occupiamo – aggiunge Piergiorigio – di didattica ed educazione all’ambiente dal 1989. La bellezza del progetto è che, oltre a nuovi amici, abbiamo trovato una comunità che ha capito quanto sia necessario cambiare il nostro stile di vita, e la mobilità è un elemento determinante in questo senso”.

Edoardo Calia, vicedirettore dell’Istituto di Ricerca Boella del Politecnico di Torino ha mostrato quello che può essere il contributo della tecnologia al sistema: attraverso innovativi strumenti si potranno ottenere informazioni in tempo reale nel luogo in cui ci si trova sui protagonisti del territorio, dalle piccole aziende biologiche alle associazioni virtuose dei vari comuni. “Pistaaa unisce una esigenza di mobilità ad una esigenza di conoscenza del territorio. Per raggiungere questo secondo obiettivo le tecnologia dell’informazione può essere estremamente utile”.12967952_523649491141063_7945113609215657923_o-1024x576

Come diceva Alberto, Pistaaa vuole portar con sé i principi della blue economy. Così Luigi Bistagnino, docente di design sistemico del Politecnico di Torino ci ha mostrato come l’economia blu, non prevedendo scarti in nessuna fase produttiva, possa essere un tramite per veicolare l’imprenditoria locale e orizzontale. Ippolito Ostellino, direttore del Parco del Po e della collina torinese, ha illustrato come la neonata riserva della Biosfera MAB UNESCO di cui i 18 Comuni interessati al progetto fanno parte, sia una immensa opportunità, per preservare l’ambiente circostante e allo stesso tempo promuovere il territorio, in maniera sostenibile e ragionevole. Ha concluso l’incontro Daniela Ruffino, vicepresidente del Consiglio Regionale del Piemonte e presidente della Consulta Regionale Europea, che da anni lavora per creare opportunità di sviluppo legate alla Blue Economy.img_8475-large

Buon lavoro al progetto Pistaaa e a tutti i suoi sostenitori. Abbiamo potuto osservare un movimento dal basso che, con l’appoggio delle istituzioni, sta portando avanti un percorso sano, equo e ricco di valori. E non ho bevuto troppi Martini in terrazza, vi assicuro che questa iniziativa esiste per davvero. Quindi non ci resta che sostenerla in tutti i modi possibili, pedalando insieme per realizzare questo sogno comune. Scendo in auto verso Torino. Tuttavia non vedo l’ora di tornare da queste parti in bicicletta, per conoscere ancor più a fondo questi territori.

Fonte: http://blog.italiachecambia.org/dai-territori/2016/10/21/la-blue-way-piemontese-e-in-pistaaa/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...