British Medical Journal: “Inquinamento e cambiamenti climatici, l’OMS dichiari lo stato di emergenza”

I cambiamenti climatici rappresentano anche un problema sanitario, così rilevante che l’Oms “dovrebbe dichiarare lo stato di emergenza per la salute pubblica”. E’ l’appello lanciato dal direttore editoriale del British Medical Journal, Fiona Godlee380487

cambiamenti climatici rappresentano anche un problema sanitario, così rilevante che l’Oms “dovrebbe dichiarare lo stato di emergenza per la salute pubblica“. E’ l’appello lanciato dal direttore editoriale del British Medical Journal (BMJ), Fiona Godlee, che sottolinea come ci sia consenso scientifico sulla minaccia del riscaldamento globale sulla salute e sulla sopravvivenza del genere umano. Godlee ricorda che l’Ipcc, l’organizzazione intergovernativa sui cambiamenti climatici, ha concluso che il pianeta sta diventando più caldo e che il primo responsabile e l’attività umana. “La temperatura media globale – scrive – è aumentata di circa mezzo grado negli ultimi 50 anni. Gli effetti di questo aumento sulle condizioni meteo sono già visibili. I livelli del mare stanno aumentando, le calotte polari si stanno sciogliendo”. L’Ipcc ammonisce che anche con un taglio radicale, e quasi immediato, delle emissioni dei gas serra, il riscaldamento globale continuerebbe, mentre se le emissioni non saranno ridotte le temperature potrebbero aumentare di più di 4 gradi entro il 2100 rispetto ai livelli dell’era pre-industriale.
I benefici per la salute delle azioni di contrasto ai cambiamenti climatici, rileva Godlee, sarebbero peraltro sostanziali, se si considera, ad esempio, che l’utilizzo di combustibili fossili causa circa 7 milioni di morti premature dall’inquinamento indoor e outdoor. “I benefici di stili di vita a basso utilizzo di carbonio – sostiene il direttore editoriale del BMJ – sono tassi più bassi di obesità, diabete e tumori”. Godlee conclude con l’appello all’Oms: “le morti di Ebola, sebbene tragiche e spaventose, sembreranno insignificanti se paragonate al caos che possiamo attenderci per i nostri bimbi e nipoti se il mondo non farà nulla per controllare le proprie emissioni di carbonio”.

Fonte: ecodallecitta.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.