In Basilicata approvata la più grande discarica per idrocarburi d’Europa

La Regione Basilicata ha approvato un nuovo progetto per una discarica per idrocarburi nel Comune di Guardia Perticara. La Regione Basilicata ha approvato la realizzazione della discarica Semataf, destinata ai rifiuti speciali tra cui idrocarburi da costruirsi nel comune di Giardia Perticara in provincia di Potenza che volume sarà la più grande in Europa. Proprio qualche giorno fa i comuni di Corleto Perticara, Guardia Perticara e Gorgoglione per l’impianto estrattivo Tempa Rossa hanno fatto richiesta per avere gratuitamente il gas quale forma di compensazione (ma sarebbe meglio dire risarcimento) per:

la perdita dell’uso del territorio e per compensazione per la reintegrazione dell’equilibrio ambientale e territoriale

Ma subito dopo ecco l’approvazione della grande discarica che come fa notare Ola Organizzazione Lucana ambientalista:

La discarica per rifiuti speciali di Guardia Perticara già smaltisce fanghi petroliferi, amianto ed altri rifiuti speciali solidi provenienti dal giacimento petrolifero considerato il più grande in Europa in terrà ferma, mentre i reflui petroliferi prodotti vengono smaltiti in Val Basento.

Ola ricorda che Guardia Perticara è un piccolo borgo forse tra i più belli d’Italiae che a breve ospiterà la discarica per rifiuti petroliferi più grande d’Europa. Infatti la Regione Basilicata ha approvato il progetto:

la sezione di trattamento, disidratazione ed inertizzazione, con l’aggiunta di nuovi codici di rifiuti da destinare a trattamento o recupero, indicati nelle appendici n. 2, 3 e 4 del Rapporto Istruttorio A.I.A.; l’installazione di un nuovo impianto di lavaggio; l’ampliamento del piazzale da destinare ad attività di deposito preliminare e messa in riserva; la costruzione del IV lotto di discarica, per una volumetria complessiva pari ad ulteriori 340.000 mc. che si aggiungeranno ai 150mila m3 già autorizzati per un totale complessivo di mezzo milione circa di mc di rifiuti, con una capacità di trattamento autorizzata pari a 110mila tonnellate/anno. Complessivamente la nuova piattaforma, ad ultimazione degli interventi, occuperà una nuova superficie di 13 ettari mentre sono 25 gli ettari totali impegnati.Progetto-discarica-Semataf-620x644

La situazione è destinata a peggiorare poiché le estrazioni di idrocarburi sono destinate a raddoppiare in tutta la Basilicata per effetto della revisione al Titolo V della Costituzione. Quella di Guardia Perticara, il paese più piccolo della Basilicata e borgo tra i più belli d’Italia, può a breve essere considerata la mega discarica per rifiuti petroliferi più grande d’Europa, considerata l’entità dei giacimenti onshore nelle valli del Sauro e Agri, anche in vista del previsto raddoppio delle estrazioni di idrocarburi ed i barili estraibili sull’intero territorio lucano derivanti dalla revisione del Titolo V della Costituzione.

Spiega Ola:

Le compagnie petrolifere si apprestano ad un ulteriore incremento delle attività di ricerca e perforazione sull’intero territorio regionale predisponendo i siti per lo smaltimento dei rifiuti chimici prodotti, mettendo così a più grave rischio l’ambiente e la salute dei cittadini, in una regione considerata dalle compagnie petrolifera “servitù petrolifera”.

Fonte:  Ola

Annunci

4 thoughts on “In Basilicata approvata la più grande discarica per idrocarburi d’Europa

  1. Io probabilmente sarò un ottimista esagerato, ma se l’impianto verrà fatto con tutti i criteri di sicurezza e rispettando tutte le normative di tutela dell’ambiente e della salute, dove sussisterebbe in quel caso problema?

  2. Ottimismo a parte, egregio loscalzo, c’è da rilevare una enorme carenza nei sistemi di controllo finora messi a punto ed esercitati da chi avrebbe dovuto esaminare il territorio palmo per palmo e fornire agli abitanti le necessarie garanzie. Ma non lo ha fatto, guarda caso. Perchè mi chiedo. Per superficialità, per incapacità, per mancanza di mezzi o, piuttosto, per ragioni di ben altro genere. Credo sia esattamente quest’ultima l’interpretazione assolutamente corretta, putroppo. Siamo in una regione in cui il rapporto dettagliato di una commissione di esperti, diretta e presieduta da un alto ufficiale dell’Arma ( non posso fare il nome) nel quale si parla di una gestione illegale dell’impianto Itrec in Trisaia è stato cestinato, bene, questo vuol significare tutto. L’Itrec è un impianto per il trattamento e il riprocessamento del combustibile nucleare esausto. Figuriamoci per il petrolio. Davvero scherziamo? Saluti RdeR

  3. che peccato era una delle più belle regioni d’Italia, le persone responsabili di tali disastri bisognerebbe fucilarle alle spalle come traditori della patria, ma non bisogna farlo perchè siamo persone civili fino a che punto non lo so ed in italia non è prevista la pena di morte per loro, ma solo per noi, appunto, comuni mortali. Stanno finendo di distruggere una regione bellissima in maniera irreversibile, donando tumori di tutti i generi a tutti i cittadini, bambini, giovani, adulti, anziani, con anche tantissimi casi di SLA. Cosa si può dire a questi individui, non si può perdonare una cosa del genere, sicuramente dietro ci saranno mazz……. infinite. Il mio cuore e l’istinto mi suggerisce di mandargli tantissime maledizioni, che tali malattie possano assaporarle anche loro, ma la ragionevolezza me lo vieta e non lo dico e non le mando. Dimenticavo, un oncologo a livello internazionale, aveva preventivato che nel giro di 20 anni il 99,999999 dei cittadini della Basilicata sarebbero entrati in possesso del tumore a seconda delle proprie esigenze, forse bisognerebbe rivedere questa previsione in funzione dei nuovi progetti funebri o funerei che siano. F.to Wolf

  4. Pingback: In Basilicata approvata la più grande discarica per idrocarburi d’Europa | A Sud ONLUS

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...