Tutte le morti dell’inquinamento

detail-shanghai

Sette milioni: tante sono state le morti legate all’inquinamento per il 2012. Un dato allarmante, fanno sapere dall’Organizzazione mondiale della Sanità che ha appena rilasciato le stime, e che classifica l’inquinamento atmosferico come il più grande fattore di rischio ambientale per la salute. Ad essere più colpite sono le regioni a basso e medio reddito del Sud-est asiatico e del Pacifico Occidentale, con un totale di 5,9 morti per il 2012. I dati rilasciati dall’Oms – che combinano informazioni sulla mortalità, i livelli di inquinanti e le evidenze dei rischi per la salute legati al fenomeno – riportano anche le cause di morte legate all’inquinamento indoor e outdoor. Malattie cardiovascolari, come cardiopatie ed ictus, sono in cima alle classifiche per entrambi i tipi di inquinamento, seguiti da bronco pneumopatia cronica ostruttiva (Bpco). Cancro al polmone ed infezioni respiratorie acute sono le altre due cause principali di morte: la prima più legata all’inquinamento esterno e la seconda più legata a quello interno. “I rischi derivanti dall’inquinamento atmosferico sono ormai di gran lunga molto maggiori di quanto si pensasse o si era capito, in particolare per le malattie cardiache e ictus”, ha commentato Maria Neira, direttore Department for Public Health, Environmental and Social Determinants of Health dell’Oms: “Pochi fattori di rischio hanno oggi maggiore impatto sulla salute globale che l’inquinamento atmosferico; l’evidenza segnala il bisogno di un’azione concertata per ripulire l’aria che tutti respiriamo”.

Riferimenti: Oms

Tratto: galileonet.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.