Al C40 di Johannesburg Pisapia propone un Protocollo contro lo spreco alimentare

C40 di Johannesburg, le città del Climate Leadership Group: Milano propone una Food Policy contro gli sprechi alimentari da firmare per Expo. L’auspicio di Pisapia: “Come il protocollo di Kyoto è stato riferimento per le politiche ambientali, quello di Milano potrà esserlo per cibo sano e lotta agli sprechi”378075

Milano come Kyoto passando dall’ambiente all’alimentazione. Giuliano Pisapia, intervenendo alla sessione plenaria del C40 Cities Mayors Summit di Johannesburg, ha proposto di lavorare insieme alla presentazione di una food policy per Milano, oltre a una partnership con altri sindaci delle città del Nord e del Sud del mondo per le politiche del cibo sano. Un vero e proprio “Protocollo Milano” con obiettivi chiari e definiti da raggiungere nel medio periodo, da firmare nel corso di Expo 2015.

 “Un piano di azione locale – ha detto il Sindaco Pisapia – interamente dedicato al tema del cibo, una vera e propria food policy, di cui ad esempio si sono dotate Londra e altre città, per essere più sostenibile e competitiva. Sono convinto che questo tema, cruciale per il pianeta e al centro del dibattito di Expo 2015, sia strettamente collegato alla lotta ai cambiamenti climatici, pericolosi per le persone e per il mondo intero. La produzione, la trasformazione e la distribuzione del cibo, insieme allo spreco delle risorse alimentari, riguardano da vicino il futuro di tutti noi. Vorrei coinvolgere tutte le città presenti a Johannesburg, molto sensibili su questo tema. Milano, in questo anno che ci separa dall’Esposizione Universale, lavorerà alla sua Food Policy, strumento utile per delineare la visione per il futuro del suo sistema alimentare urbano. Expo 2015 ci offre una grande occasione per pianificare il futuro anche nel campo dell’alimentazione sana ed equilibrata. Che non significa tristi rinunce, ma vere e proprie opportunità per uno sviluppo alternativo, con ricadute non solo sul piano della salute, ma anche economico e sociale. Laddove gli Stati non riescono a raggiungere i risultati, le sinergie tra le città possono invece vincere le sfide che ci troviamo ad affrontare”.

Il C40 Cities è la rete di città – nata sotto la guida di Micheal Bloomberg e ora presieduta dal Sindaco di Rio de Janeiro Eduardo da Costa Paes – impegnate nella riduzione delle emissioni di gas, causa principale dei cambiamenti climatici.
Milano ha anche aderito al Patto dei Sindaci, lanciato dalla Commissione Europea, con l’impegno a ridurre le emissioni di anidride carbonica di almeno il 20% entro il 2020.

“Milano, come tutte le città che aderiscono al C40, gioca un ruolo da protagonista in quello che è stato chiamato il ‘Secolo Urbano’. Condividiamo proprio il senso di questa missione e siamo impegnati a raggiungere obiettivi importanti per i nostri cittadini in tutti i settori. Penso ad esempio al grande aumento degli appartamenti collegati al teleriscaldamento che nel 2013 sono cresciuti del 9,4%”, ha concluso Pisapia.

 

Fonte: ecodallecittà

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.