Per la Francia la TAV Torino Lione non è prioritaria e se ne riparlerà nel 2035-2040

Gli attuali scarsi volumi di traffico non giustificano infatti un’opera così costosa e impattante

TGV-586x341

Chissà se per i fondamentalisti pro TAV anche la commissione francese “Mobilité 21″ è costituita da pericolosi eco-terroristi. Il gruppo di lavoro, presieduto dal sindaco di Caen Philippe Duron, ha presentato venerdì scorso al Ministero per l’ecologia le linee guida “Per uno schema nazionaledi mobilità sostenibile“. (1) In questo documento si afferma che la tratta TAV Torino Lione non è una priorità e se ne può parlare tra vent’anni. A pagina 57 del documento sta infatti scritto nero su bianco che la linea TAV Torino-Lione è un progetto interessante, tuttavia, «tenuto conto delle incertezze sul calendario del tunnel di base, non ha potuto accertare che i rischi di saturazione e di interferenza tra le diverse destinazioni d’uso che giustificano la realizzazione del progetto si realizzino prima degli anni 2035-2040. Di conseguenza, si classifica il progetto di accesso binazionale tra le priorità secondarie». In sostanza la Commissione Duron afferma che gli attuali livelli di traffico non giustificano un’opera così costosa e impattante e rimandano ad un futuro abbastanza imprecisato la realizzazione dell’opera, dal momento che è difficile immaginare gli scenari low carbon dell’economia europea tra vent’anni: le merci continueranno a viaggiare in modo così assurdo e forsennato come oggi, oppure ci si concentrerà maggiormente sulle economie locali? La TAV è un grande bluff, come sostengono gli autori diBinario morto, ed ora se ne accorgono anche i politici francesi. Detto altrimenti, gli irresponsabili e i pressapochisti non si trovano tra le file dei NO TAV, ma piuttosto da chi continua a sostenere ideologicamente un progetto a prescindere dalla sua utilità. Detto altrimenti, le opere insostenibili alla fine affondano da sole.

Immagine

(1) I francesi hanno il vezzo di usare l’aggettivo “durable” per dire sostenibile, sottittendendo che ciò che è duraturo è sostenibile. Lo ritengo un termine ambiguo, perchè ci possono essere processi insostenibili, ma abbastanza duraturi perchè sufficientemente lenti.

Fonte: ecoblog

Questa voce è stata pubblicata in News e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

One thought on “Per la Francia la TAV Torino Lione non è prioritaria e se ne riparlerà nel 2035-2040

  1. Beh, ormai è suonata la messa a morto per la galleria più pazza del mondo. Solo gli italiani non ci hanno fatto caso: erano impegnati a godersi le manganellate offerte per il divertimento dei cittadini.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.