Nasce ad Andria «Il Giardino Mediterraneo», l’area didattica di educazione ambientale

Nasce l’area didattica di sensibilizzazione ed educazione ambientale gestita dal Circolo Andria di Legambiente. Le opere di recupero sono state finanziate dal Centro Commerciale Mongolfiera andriese nell’ambito del progetto «Differenziamoci». Diversi i percorsi didattici: botanico, fitoterapico, geologico

374665

 

È nato ad Andria «Il Giardino Mediterraneo», un’area verde sita nei pressi della Villa Comunale, recuperata e gestita dal Circolo Legambiente Andria «Thomas Sankara» con la collaborazione del Settore Ambiente del Comune andriese.  Grazie ai finanziamenti concessi dal Centro Commerciale Mongolfiera di Andria nell’ambito del progetto «Differenziamoci» – nato dalla consolidata collaborazione tra i centri commerciali Mongolfiera e Legambiente Puglia – che mira a sensibilizzare i clienti e gli operatori dei centri commerciali, sulle tematiche del riciclo, del turismo sostenibile, sulla salvaguardia degli spazi verdi e delle risorse ambientali del territorio ma anche a realizzare interventi strutturali sul territorio, i volontari del Circolo Legambiente di Andria hanno recuperato quella che sarà un’area didattica dove apprendere i concetti fondamentali delle scienze a contatto diretto con la natura. L’iniziativa è stata presentata nel corso dell’inaugurazione di questa mattina da Francesco Tarantini, Presidente Legambiente Puglia, Riccardo Larosa, Presidente Circolo Legambiente Andria e Francesco Lotito, Assessore all’Ambiente del Comune di Andria. Il «Il Giardino Mediterraneo» si pone l’obiettivo di favorire la conoscenza dei fenomeni naturali mediante l’osservazione diretta dell’ambiente al fine di apprezzarne non solo la bellezza ma anche comprendere il ruolo della natura nella vita dell’uomo e, di conseguenza, l’importanza di assumere comportamenti ecosostenibili che rispettino i ritmi della natura. «Il Giardino – spiegano Francesco Tarantini e Riccardo Larosa rispettivamente presidente di Legambiente Puglia e presidente del Circolo di Andria – rappresenta un’area nella quale adulti e ragazzi potranno scoprire e osservare le peculiarità dell’ambiente che ci circonda, mediante un approccio diretto e attraverso il gioco. I partecipanti avranno la possibilità di osservare e di individuare le caratteristiche tipiche del nostro ecosistema. Si potranno osservare campioni di roccia calcarea e calcarenitica tipica del nostro territorio e confrontarli con rocce di genesi diversa, ad esempio vulcaniche. Si potranno scorgere i diversi aspetti che caratterizzano il clima e la vegetazione tipica della macchia mediterranea e scoprire, inoltre, come la natura è parte della nostra vita attraverso, ad esempio, la conoscenza delle proprietà terapeutiche di alcune specie vegetali». La valorizzazione dell’area ha infatti l’obiettivo di fornire alla cittadinanza un luogo nel quale scoprire e osservare le caratteristiche dell’ambiente mediterraneo mediante diversi percorsi didattici come quello botanico, fitoterapico, geologico e non solo. È infatti soltanto attraverso un contatto diretto con la natura e con le sue caratteristiche che è possibile sviluppare una sensibilità ambientale e di conseguenza acquisire un senso di responsabilità nei confronti della natura e nella gestione delle sue risorse. Il Giardino Mediterraneo si inserisce nel Progetto «Differenziamoci» con il quale il Gruppo Mongolfiera dal 2009 si impegna, grazie all’ausilio di Legambiente, a diventare un ‘brand verde’ per la tutela dell’ambiente e punto di riferimento per il territorio.

 

Fonte: eco dalle città

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.