DANNO AMBIENTALE: NON SOLO PAGHI, MA RIMETTI A POSTO COSI’ COM’ERA

LE INNOVAZIONI CONTENUTE NEL DDL “EUROPEA” DEL GOVERNO

inquinamento_6b5dc535f15d18f82f0a98bca3706195

 

“Chi inquina paga”: il principio è apparentemente semplice e chiaro, introdotto in Italia fin dal 1997 e sancito dalla direttiva europea 2004/35, ma si è concretizzato in una delle più travagliate normative del nostro ordinamento – sulla tutela risarcitoria del danno ambientale – oggetto di procedura d’infrazione fin dal 2007. Ora il governo prova a chiudere la partita con uno dei due disegni di legge che sostituiscono la vecchia legge comunitaria. Il disegno di legge “europea” contiene infatti numerosi interventi sulla parte VI del decreto legislativo 152/2006 per imporre le misure di ripristino dello stato originale dei luoghi come mezzo di risarcimento e ridurre l’applicabilità del risarcimento monetario equivalente. In sostanza gli operatori sono obbligati ad adottare le misure di riparazione (un lungo elenco è contenuto nell’allegato III al decreto). Solo se la riparazione è incompleta o realizzata in termini o modalità diversi da quelli prescritti, il ministro dell’Ambiente stabilisce i costi delle attività necessarie ad una completa e corretta attuazione e agisce nei confronti del soggetto obbligato per ottenere il pagamento delle somme corrispondenti. Altre disposizioni rispondono all’esigenza di rendere spendibili le somme già giacenti per le bonifiche.

Fonte-. Animali e ambiente nel cuore

One thought on “DANNO AMBIENTALE: NON SOLO PAGHI, MA RIMETTI A POSTO COSI’ COM’ERA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.